September 15, 2019

Da Gennaio a Febbraio 4 domeniche di fest per il 129° Gran Carnevale Musicale della Risata nel parmense con le attrattive che lo hanno reso celebre: manifestazioni in piazza tra cultura, musica, divertimento e piatti tradizionali.

Uno vivace show di piazza, con i migliori gruppi mascherati e le più effervescenti marching band italiane in corteo, apre la 129esima edizione del Gran Carnevale di Busseto 2010 nel segno del divertimento, della tradizione, della musica e della cultura.

I carri allegorici in cartapesta che animano la sfilata

Ci sarà il concorso dedicato alle maschere più belle, il carro gigante più votato, la commedia dell’arte con i classici Arlecchini, Pulcinella, Colombina, Pantalone in corteo. Tra burlesque, festa grassa, clown e giocoleria di strada, un po’ circo, un po’ salone enogastronomico all’aperto (salsicce e cotechino, dolci chiacchiere ricoperte di zucchero a velo, tortelli ripieni di marmellata, culatello, strolghino di salame, torta fritta calda, cioccolato verdiano e vin brulè fumante) la cittadina di Busseto si mette in maschera.

Per quattro domeniche – domenica 31 gennaio 2010, domenica 7 febbraio, domenica 14 febbraio, domenica 21 febbraio – dalle 14.30 alle 19 in centro storico, in piazza, sotto i portici della cittadina si sfila in costume.
La nuova edizione mette alla berlina della satira – issandola su giganti carri di cartapesta lunghi anche quindici metri, realizzati ad arte e a mano dai cento Amici della Cartapesta di Busseto riuniti in associazione – quattro temi, come ogni anno un  po’ per fare sorridere, un po’ per fare riflettere.
Sorte bendata, sorte mascherata al ritmo delle hits di Jacko. Tributo al Re del Pop Michael Jackson al Gran Carnevale di Busseto, un personaggio entrato a far parte della storia del mito recentemente scomparso. Busseto immagina il ritorno dell’artista e propone sul carro ballerini che si esibiscono nelle sue inconfondibili mosse da Thriller. Si ironizza inoltre e si fa riflettere sul gioco d’azzardo, tirando freccette e frecciate alle slot machines, ai tavoli da gioco dei casinò, al poker, alla roulette e più in generale alla Dea Sorte che quando si benda ad occhi chiusi forse una maschera anch’essa indossa..
Capolavori di cartapesta per la satira sui carriDolce dormire. Un grande Re Carnevale a letto (sarà Giuseppe Verdi?) circondato da un vero e proprio pigiama party live, sornione sonnecchia e ballonzola dall’alto del suo giaciglio: vi invita ai ritmi di vita più slow della bella provincia parmense e a fuggire i tempi stressati delle grandi città.
Gorilla Fantasy. Ambientale ed ecologico fatto tutto di carta riciclata: il carro dedicato ai Gorilla prevede una novità: King Kong al Carnevale di Busseto per la gioia dei più piccoli e per distruggere gli ecomostri. I temi d’attualità sono quest’anno la tutela dell’ambiente, la crisi energetica e la tutela degli animali. E mentre satira, fiabe e cartoni animati sono tra gli spunti che caratterizzano l’animazione, dai carri festanti vengono lanciati quintali di caramelle e coriandoli per riportare un po’ di dolcezza.
X Factor – sognando la Luna. Carro mix che unisce due temi: la X Factor mania e la Luna, unico satellite naturale della Terra, astro cantato da poeti, musicisti, artisti.

La “pazza Corrida Mascherata”: concorso per soggetti speciali
Sfilano nel concorso speciale “La pazza Corrida mascherata” macchine, vetture, camion o altri tipi di veicoli, trasformati in mezzi diabolici, con scoppiettanti motori e sirene. Tra chiasso e rombi di motore, l’effervescenza è assicurata.

Gruppi, bande, majorettes per le vie di Busseto

Al Carnevale più Musicale d’Italia, nella patria del maestro Giuseppe Verdi, a Busseto, paese insignito della Bandiera Arancione del Touring Club Italiano sono in arrivo un tripudio di allegria, musica, sbandieratori, carri mascherati allegorici, parata di ballerini e majorettes, animazione, stelle filanti e satira. Il tradizionale Gran Carnevale della Risata organizzato nel caratteristico paese porticato della bassa padana che diede i natali a Giuseppe Verdi, compositore noto in Europa come Il Cigno di Busseto tiene il tempo, ma soprattutto il ritmo!

E quest’anno c’è un motivo in più per venire al Carnevale di Busseto. Con lo slogan “è bello ridere se la tua risata raddoppia il sorriso altrui”, il Carnevale è anche solidale: una parte del costo del biglietto d’ingresso (9 euro biglietto singolo; 20 euro abbonamento alle 4 domeniche), viene infatti devoluto in solidarietà.

L’evento è ormai entrato nel novero delle più apprezzate sfilate mascherate italiane per stile (spettacoli diversi ogni domenica) numeri (oltre 15.000 persone ogni sfilata), qualità e accoglienza del pubblico da parte dello staff organizzativo. Una miriade di spettatori sono attesi nel centro storico del paese verdiano per assistere all’evento che si snoda per tre volte in un lungo circuito attraverso via Roma fino a ritornare, attraverso via Affò e via Donizzetti, alla strada principale.

Alla pari dei tradizionali Carnevali di Venezia, Cento, Viareggio, Putignano, il Gran Carnevale della Risata di Busseto ha alle spalle una storia lunga più di un secolo: nato nel 1881, quest’anno festeggia appunto la 129esima edizione.

Gran Carnevale dei Bambini 2010
I bambini che non superano il metro d’altezza non pagano l’ingresso al Gran Carnevale: e questa è la prima sorpresa. Avranno a disposizione: grandi giochi gonfiabili gratuiti in piazza, dove giocare e lasciare sbizzarrire travestimenti e fantasia. L’atteso e sempreverde trenino Carnival Express sarà a disposizione più lungo e colorato che mai per girare gratuitamente tra le vie del paese. Sul trenino i bambini potranno salire da soli o accompagnati dai genitori. Incontreranno un simpatico capotreno, un controllore matto e un macchinista tuttofare a loro disposizione. In piazza, in un apposito Gazebo, con leccornie enogastronomiche per fare il pieno di energia e rituffarsi poi nel Carnevale.
Simpatici fotografi immortaleranno i bimbi accanto ai loro personaggi del cuore. Inoltre alle mascherine più belle verranno regalati i divertenti pupazzi.

L’animazione in piazza e per le vie del borgo
Ogni domenica l’animazione è diversa: sbandieratori a ritmo di musica, sfilate di bande mascherate, concerti di bande storiche, spettacoli in costume itineranti, scuole di ballo al ritmo di salsa e merengue, majorette impegnate in coreografie col twirling, artisti di strada.

L’Angolo del Ghiottone

I salumi del parmense la fanno da padroni!

E se l’occhio sarà allietato da una fantasmagoria di colori, abiti e maschere, anche la gola vuole la sua parte: in piazza Verdi è allestito un attrezzato stand gastronomico con succulenta torta fritta (piatto tipico della bassa parmense), panini farciti con salsiccia, salumi di Parma e provincia (Prosciutto Crudo di Parma, Culatello, Fiocco, Salame, Strolghino) Spalla cotta calda, innaffiati da Fortana del Taro (vino tipico del territorio). Lambrusco e Vini Verdiani. L’organizzazione è a cura di una ventina di venti volontari – ormai esperti cuochi e sommelier – del Gruppo Marciatori Pubblica Assistenza.

Arrivano le Coriandoline
Spiccano le simpatiche Coriandoline, giovani hostess vestite da Fruttelle, che gireranno ogni domenica tra gli spettatori e i turisti, omaggiando grandi e piccoli con quintali di caramelle.
Premio alla maschera che meglio interpreta il Re della Risata
Chi è il Re della Risata? Quale maschera fa più ridere? Il tema è libero, purché si rappresenti quel riso sano che nasce dal cuore, dal gusto e dalla gioia di vivere.

Premio al “Camper mascherato” più bello
Durante la kermesse si tiene l’ottavo Raduno Camperisti, che prevede momenti di festa tra i quali la premiazione del camper mascherato più bello.

Domenica 14 febbraio: Sfida tra Innamorati
La terza domenica del Carnevale di Busseto, il 14 febbraio, viene proposta una singolar tenzone a colpi di fantasia: verrà assegnato infatti un premio alla coppia che meglio rappresenta l’amore baciato da San Valentino (la Festa degli Innamorati si festeggia proprio sabato 14). Volete travestirvi da celebri coppie della storia o del grande schermo? L’invito è aperto a tutti gli Olivia e Braccio di Ferro, Rossella O’Hara e Rhett Buttler, Giuseppe Verdi e Giuseppina Strepponi, i fidanzatini di Peynet e ogni altro costume che vi venisse in mente. A voi l’estro e la voglia di conquistare la corona di Coppia del Carnevale o del più Bello/Bella mascherina Single del Carnevale 2009.

Giuria, concorsi e rincorse in centro storico
Piazza della Rocca, cuore della kermesse, ospita un grande palco dove il presentatore ufficiale, conduce insieme ai gettonati Dj di Radio Malvisi Network la sfilata. La Giuria tecnica e quella popolare votano ogni domenica i carri, le maschere di gruppo più belle, i soggetti più strani fuori concorso: il compito tocca al pubblico che a Busseto è grande protagonista. Dieci persone, scelte proprio tra gli spettatori, avranno infatti la possibilità di votare su apposite schede il carro più bello con un punteggio che varia da 1 a 10. Per i carri viene sommato il punteggio di tutte le sfilate e solo all’ultimo giro (di domenica 21 febbraio) si saprà chi ha preso la palma d’oro. I soggetti vengono invece classificati e premiati, differenti, ogni domenica per allargare al massimo la rosa dei gruppi partecipanti.

I carri
In termini di misure, i carri mascherati sono alti oltre 9 metri, larghi 6 metri e lunghi oltre 15. Vengono allestiti e decorati in un capannone alla periferia del paese, chiamato la «Casa dei Carristi» che conta una superficie di circa 1.000 metri quadrati, di proprietà comunale.
L’Associazione Amici della Cartapesta ha impiegato per allestire i carri: 10 quintali di farina per preparare la colla, migliaia di quotidiani locali e nazionali per realizzare la cartapesta, 100 quintali di ferro, 2 quintali di vernice e un numero incalcolabile da tempo di ore di lavoro.
Le maschere sono di cartapesta con una struttura interna di ferro e legno. Si parte da un rimorchio in ferro, sul quale viene montata l’intelaiatura per sostenere le maschere, mentre ai lati si fissano pannelli di legno ai quali vengono sistemati i contorni, ossia gli stampi. A struttura e montaggio ultimato entrano in azione i pittori che con la loro creatività donano colore ed espressione alle maschere.

E ancora…
Ridere fa buon sangue alla pari di degustare succulenti prodotti tipici, magari vestendo i panni di qualcun altro per un giorno: il gioco delle allegre mascherate è così servito! Nella pianura padana – in provincia di Parma – il Gran Carnevale di Busseto è una grande kermesse mascherata che si protrae, ogni domenica, richiama ogni fine settimana oltre 15.000 persone tra turisti, appassionati, visitatori da tutto il nord e centro Italia, oltre che dall’intera regione Emilia Romagna. Ogni domenica il programma del grande Carnevale di Busseto prevede un carnet differente per soddisfare tutti i gusti. L’evento è organizzato da Associazione Amici della Cartapesta, Associazione Pro Loco Busseto, Comune di Busseto e Provincia di Parma, oltre a importanti sponsor del territorio.

Costi e Ingresso al Gran Carnevale di Busseto
Ingresso al Carnevale: a pagamento.
Tariffa intera: 9 euro, adulti.
Bambini: i bambini fino a un metro di altezza non pagano.
Ingresso ridotto: 6 euro.
Gruppi: 6 euro per i gruppi con minimo 15 persone e per i bambini.
Convenzioni: ingresso di 6 euro ai possessori di Tessera Touring Club, biglietto d’ingresso di Villa Verdi. Tagliando rivista Sagre in Emilia Romagna

Dieci casse sono predisposte attorno al paese per accedere al Carnevale – Sito Internet: www.carnevaledibusseto.it

Cinzia

Comments are closed.