August 5, 2021

Presentati per la prima volta al di fuori dal Regno Unito in occasione dello scorso Caravan Salon di Duesseldorf, i trailer della gallese Fifth Wheel Company hanno suscitato l’interesse e la curiosità tipici delle novità. Piuttosto diffusi negli States, questi rimorchi a quattro ruote da abbinare a un possente pick-up, hanno incuriosito non poco i numerosi visitatori.
Fondata nel 2002, Fifth Wheel Company propone, per i mercati anglosassoni e tedesco, due trailer. Si tratta di due rimorchi a doppio asse con sistema frenante ad aria rispondenti alle norme di omologazione europee piuttosto diversi tra loro e capaci di proporsi come alternativa se non al camper quantomeno alla tradizionale caravan.

Due, come detto, i modelli: Globestormer e Celtic Rambler, entrambi dotati di slide-out laterale a movimentazione elettrica.
Lunghi 850 cm, larghi 230 e alti 330, sono costituiti a partire da uno speciale chassis dotato di sospensioni ad aria autolivellanti alimentate da un serbatoio da 40 litri e di piedini di stabilizzazione elettrici. La scocca, realizzata con pannelli sandwich, adotta un frontale stampato in vetroresina, coibentato con poliuretano e destinato a ospitare, a seconda dei modelli, una sorta di mansarda o una vera e propria camera da letto con tanto di doppia finestra, comodini e letto nautico centrale.

Il modello più economico, il Globestormer, è disponibile a partire da 36.000 sterline. Disponibile, al momento, nella sola versione “British” con porta di ingresso sul lato sinistro e slide-out su quello destro, prevede un letto matrimoniale rastremato nella zona anteriore che sfrutta parzialmente la parte a sbalzo anteriore.

Sviluppato longitudinalmente, la zona vanta rivestimento interno scamosciato, aerazione tramite doppia finestra laterale simmetrica Parapress AeroTop e illuminazione sia a luce diffusa che tramite faretti alogeni.

Alle spalle del letto è posizionato il locale toilette: separato in una zona lavabo e wc piacevolmente arredata in legno, ma di dimensioni compatte, opposta a una doccia indipendente con doppia porta in metacrilato e colonna attrezzata. Adiacente alla toilette, sul lato sinistro, si trova l’armadio guardaroba. Sviluppato a tutta altezza, conta su una parte superiore adibita ad appendiabiti e su una inferiore organizzata con quattro cassetti e un cestello estraibile inferiore.

A fianco ecco la sala da pranzo. Allestita in modo da sfruttare al massimo le possibilità offerte dallo slide-out, si compone di una dinette a U servita da tre finestre, dotata di divano e tavolo ellittico su gamba collassabile per consentirne la trasformazione in letto matrimoniale. Adiacente, e in coda, la zona soggiorno conta su un accogliente divano ad angolo di qualità domestica posizionato sopra al gavone e servito, nella parte alta, da quattro pensili di cui due ad angolo.

Chiude il cerchio il blocco cucina, sviluppato, come è facile intuire, secondo le esigenze del mercato inglese: un lungo mobile trapezioidale ospita, infatti, il classico combinato fornello a quattro fuochi/grill e forno Smev, ampie possibilità di stivaggio date da due cestelli estraibili e da ben quattro cassetti e il frigorifero Thetford N145 con congelatore separato. L’ambiente così sviluppato, gradevole e spazioso, si pone a metà strada tra le caravan più spaziose e i gli integrali con pareti estensibili di ispirazione statunitense. Degna di nota, a tal fine, è la realizzazione dell’impiantistica che conta su riscaldamento a convettori Alde Compact 3010, serbatoio dell’acqua potabile e del recupero da 233 litri, wc a cassetta Thetford C200 da 17 litri e batteria supplementare da 250 Ah.

Non mancano alcuni dettagli significativi della volontà di offrire, da parte del costruttore, un comfort più vicino a quello di un’abitazione che di un veicolo ricreazionale: si inseriscono in questo i portabottiglie, le vetrine porta bicchieri retroilluminate, l’armadietto dedicato ai DVD da vedere tramite l’apposito LCD Philips che serve efficacemente sia la zona pranzo che il divano, il sistema di filtraggio dell’acqua potabile e di allarme contro le fughe di gas. Il tutto, ulteriormente, upgradabile attingendo a una lunga lista di opzioni queste sì, davvero più convenzionali: dall’aria condizionata agli inverter, dal pannello solare al portabiciclette posteriore. Il tutto, naturalmente, ordinabile e montabile direttamente in fabbrica. Tanta comodità ha, evidentemente, un peso: quello del Globestormer è di 3200 kg, il che lo rende un traino sicuramente impegnativo ma, comunque, alla portata di fuoristrada di adeguata potenza e stazza.

Il modello “maggiore” è il Celtic Rambler: seppure immutate, le caratteristiche costruttive e la ricca accessoristica danno vita a un trailer ancora più accogliente e lussuoso.

Declinato in versione europea, con porta di accesso sul lato destro e slide-out panoramico (da 300x180x80 cm) su quello opposto, mantiene le dimensioni di 850x230x330 cm, il telaio a doppio asse con sospensioni pneumatiche, freni ad aria e piedini di stabilizzazione elettrici ma li associa a una scocca sandwich di forme decisamente diverse soprattutto nella parte anteriore, un monoblocco in vetroresina che ospita al proprio interno una vera e propria camera da letto.

Ben ambientata, con letto matrimoniale nautico sul fronte contornata da un doppio comodino, vanta, ai piedi del letto, un funzionale locale toilette arredato in legno con wc Thetford C200, lavabo ellittico, doppio specchio ad angolo e, opposta, una doccia separata trapezoidale con porta in metacrilato a libro e colonna attrezzata.

La camera da letto, ulteriormente completata dal classico armadio guardaroba, è schermata dal resto dell’abitacolo tramite una porta scorrevole: la posizione, frontale e rialzata rispetto al resto dell’abitacolo, contribuiscono alla privacy dell’ambiente. La porta di ingresso immette in un vasto soggiorno dominato dallo slide-out panoramico: un vero e proprio divano casalingo lungo ben tre metri, disponibile con rivestimento in vera pelle e trasformabile in un capace letto matrimoniale, si sviluppa per tutta la lunghezza della parete estensibile. In grado di ospitare tranquillamente sei persone, grazie anche alla forma a U, è servito da quattro finestre, da altrettanti pensili a soffitto, dall’immancabile vetrinetta bar retroilluminata e da un tavolo ellittico affiancabile, in optional, da una seconda, identica, unità in grado di aumentare il numero di posti a tavola.

La parete adiacente al soggiorno ospita, in un incavo, un vero e proprio sistema di home-entertainment composto da lettore DVD, decoder per la tv satellitare e, soprattutto, un tv LDC da ben 32 pollici. Questo, però, non è l’unico living: un secondo, e più compatto divano, infatti, è posizionato di fronte a quello principale e contribuisce così alla convivialità dell’ambiente.

L’angolo posteriore destro, infine, è dedicato all’articolato blocco cucina: sviluppato a L, offre un piacevole desing a contrasto tra legno e alluminio. Di serie gruppo fornello/grill/forno combinato Smev serie 4400, frigorifero Thetford N145, lavello lineare con gocciolatoio, cappa aspirante e l’immancabile forno a microonde.

Confermate, anche per questo modello, il riscaldamento Alde a convettori, con elementi radianti presenti sia all’interno del pavimento sia lungo le pareti, l’ampia autonomia idrica (233 litri) ed energetica, con batteria da 250 Ah affiancabile, in opzione, da una seconda di analoga potenza. Come per il Globestormer, il peso è di 3200 kg mentre il prezzo della versione base è di 46.000 sterline.

Michel

Comments are closed.