September 23, 2019

Arrostita o lessata così è servita la castagna di Paganico Sabino (RI) il 6 novembre per la XII edizione della Castagnata.

Dal Marrone di Antrodoco alla Rossa del Cicolano, la più diffusa sul territorio dal sapore delicato e dolce, tutti potranno scoprire il sapore di uno dei frutti autunnali più richiesti.

Estremamente versatile, si adatta sia a preparazioni salate che dolci. In molti si chiedono quale sia la differenza c’è fra castagne e marroni, presenti entrambe a Paganico Sabino: le prime sono il frutto del castagno selvaggio mentre il marrone proviene da alberi coltivati e sempre migliorati con successivi innesti, ogni riccio contiene un solo frutto, per la castagna i frutti sono tre.

I più golosi che si spingeranno alla ricerca dei piatti tipici locali (pasta fatta in casa, salsiccia, bruschetta e vino) potranno gustare, se fortunati, la castagna in zuppa insieme a ceci e altri legumi o verdure, bollita con foglie di lauro, oppure sotto forma di purè. Tra i piatti più particolari che si potranno scoprire ci sono i ravioli alle castagne, meglio ancora il risotto! Il dolce non può mancare: caratteristico è il castagnaccio con uva passa, noci e olio, rigorosamente extravergine della Sabina. Le castagne glassate alla francese solo per chi non ha problemi con la linea.

Paganico Sabino è tra i paesi più antichi della Valle del Turano.
L’aspetto del borgo è quello di un “castrum” medioevale; l’ingresso è segnato da due porte che conducono, tramite strettissime viuzze, al cuore del paese nel quale si presume ci sia stata l’Antica Rocca, il luogo porta infatti il suo nome. Alla sommità del paese si trova la chiesa di Santa Maria dell’Annunciazione con l’interessante presenza di un affresco tardo quattrocentesco della Crocifissione.Paganico Sabino_borgo

Poco distante dal paese (circa 2,5 km), nelle vicinanze del fiume Turano si trova la “Pietra scritta”: un monumento funerario a forma quadrangolare che la tradizione popolare ha indicato con questo nome.

Per chi invece vuol dedicarsi alla scoperta della castagna può incamminarsi lungo un itinerario, a poco più di 3 km da Collegiove dove  iniziano vari appezzamenti di castagneti da frutto di grandi dimensioni e straordinaria bellezza per l’armonia della forma del fusto e della chioma. Già sul bordo strada e un po’ più internamente, s’incontrano alcuni giganteschi fusti di castagno di circa 300 anni, di cui alcuni tagliati a pochi metri da terra e su cui si affacciano giovani piante.Castagnata-Paganichese_500La manifestazione si svolgerà presso il Centro Diurno con posti coperti da capienti tensostrutture.
Intrattenimenti musicali nel corso della giornata.
Saranno presenti vari stands dove si possono trovare prodotti tipici della zona e curiosità di vario genere.
Si potrà usufruire del servizio bus-navetta per raggiungere la sagra dopo aver parcheggiato l’auto lungo la via che porta al paese.

Per conoscere le possibilità di sosta in zona clicca su SOSTA – Aree di sosta camper.

Cinzia

Comments are closed.