August 12, 2020

Dopo aver introdotto con successo, lo scorso anno,  le meccaniche Citroen Jumper sulle gamme Therry e Windy, Giottiline guarda ora al futuro con progetti ambiziosi destinati ad ampliare la quota di mercato dell’azienda toscana sia in Italia sia all’estero, completando una gamma equilibrata e dalla forte personalità con due nuove proposte destinate a coprire tipologie dove fino ad ora il brand della Famiglia Giotti non era presente. Ecco, allora, che la gamma 2013 proporrà tutte le tipologie costruttive, affiancando, ai già conosciuti e apprezzati profilati sia con che senza basculante e mansardati, un nuovissimo Van e annunciando la presentazione, alle prossime fiere di settembre, di un avveniristico motorhome contraddistinto da un design moderno e automobilistico e da soluzioni interne pensate per ridefinire il concetto di integrazione tra cabina di guida e abitacolo.

Un prodotto che adotterà, così come l’intera gamma 2013, meccaniche Citroen Jumper e che sarà proposto in tre versioni per rispondere alle esigenze di differenti tipologie di equipaggio, il tutto mantenendo un prezzo di acquisto estremamente appetibile.

In attesa di vederlo al Caravan Salon di Duesseldorf e al Salone del Camper di Parma, concentriamo ora l’attenzione sul resto della produzione del marchio toscano: la novità più evidente, come detto, è rappresentata dall’introduzione del nuovissimo Giottiline Van. Allestito su Citroen Jumper con passo da 4035 mm e con una lunghezza complessiva di 6 metri, propone una pianta interna classica per la tipologia, con semidinette anteriore che, grazie alla partecipazione delle poltrone cabina, girevoli, può ospitare in sosta fino a quattro persone intorno al tavolo ancorato a parete, servizi centrali con blocco cucina lineare opposto alla toilette e, in coda, letto matrimoniale trasversale scomponibile per ottenere un cospicuo vano di carico. Davvero ben allestito, e con materiali di qualità (finestre Dometic S4, impianto elettrico Schaudt, mobili con legno massello, illuminazione interamente a led, oblò panoramico, clima motore), vanta rifiniture curate (esemplare a tal fine il trattamento della toilette, con mobile lavabo in Corian) e soluzioni pratiche e intelligenti pur conservando un prezzo che, come per il motorhome e in generale la collezione 2013, si annuncia particolarmente interessante.

Cavallo di battaglia Giottiline sono, da anni, i Therry: introdotta nel 2008 e premiata da un confortante successo, questa serie è oggetto di un importante sviluppo, con la nascita delle gamme Therry T e Therry S, ognuna composta da tre mansardati (Therry 22, Therry 41 e Therry 45), sei profilati (Therry 31, Therry 32, Therry 36, Therry 37 e Therry 38) e quattro profilati con letto matrimoniale basculante anteriore (Therry 36, Therry 37, Therry 38 e il nuovissimo Therry 30, pensato per famiglie numerose e omologato per sei persone.

Tutti i Therry MY 2013 ricevono nuove grafiche esterne, un nuovo gradino di ingresso e una nuova porta per la cellula abitativa, completa di zanzariera scorrevole interna. Per ciò che concerne il mobilio, le antine saranno disponibili, a scelta, in due differenti tonalità, il tutto abbinato a nuove colorazioni del mobilio, delle tappezzerie e dei piani di appoggio laminati.

Sempre per ciò che concerne le novità di carattere generale, i modelli della prossima stagione sono equipaggiati di nuove porte scorrevoli interne di separazione degli ambienti, nuove plafoniere a led con luci notturne integrate mentre i cassetti potranno vantare guide più funzionali a tutto vantaggio di una migliore fruibilità degli spazi di stivaggio. Ultimo, ma non ultimo, l’affinamento concernente gli esterni, con la disponibilità di una nuova calandra anteriore personalizzata Giottiline e la rivisitazione dei gruppi ottici posteriori. I veicoli, infine, sono dotati di predisposizione per la telecamera posteriore nello spoiler del terzo stop.

La gamma Therry, come detto, viene sdoppiata nelle versioni T e S, rispettivamente serie di accesso e serie full optional. Si tratta di un doppio livello di allestimento, previsto per tutte le versioni Therry, per consentire a ogni equipaggio di individuare il veicolo più corrispondente alle proprie esigenze potendolo scegliere, oltre che per modello e tipologia, anche a seconda dell’equipaggiamento proposto.

Le differenze tra i modelli Therry T e i più ricchi Therry S sono sia di carattere estetico che funzionale: all’esterno, infatti, le versioni di punta adottano una grafica esclusiva, con un originale baffo azzurro metallizzato sottolineato da un filo rosso che riprende le linee della finestratura della cabina di guida alleggerendo il profilo della fiancata.

Sempre all’esterno, le versioni S adottano, nei gruppi ottici di coda, un elegante motivo carbon-look, mentre la sola gamma ammiraglia si dota di una porta di ingresso completa di finestra, controstampo attrezzato in abs, pattumiera, serratura di sicurezza e zanzariera scorrevole interna.

All’interno, i Therry S offrono tappezzerie specifiche (con fodere cabina coordinate), cappa aspirante in cucina, coprilavello in acciaio inox, supporto orientabile per la tv, finestre con oscuranti plissettati, oblò in toilette, illuminazione indiretta a led sopra ai pensili (veicoli mansardati) e all’interno del cupolino (veicoli profilati), serbatoio delle acque grigie riscaldato, sun-roof panoramico per i cupoloni dei semintegrali, letto posteriore con regolazione dell’altezza (sistema sali-scendi – Therry S36 e S45), letti posteriori su reti a doghe, frigo da 190 litri (e non da 165) e maxi oblò da 70×50 cm a servizio dei letti posteriori.

Tre, come detto, i veicoli mansardati: Therry 22, lungo appena 599 cm e caratterizzato da una pianta interna con semidinette anteriore con divano frontemarcia e divanetto contrapposto alle spalle dell’armadio guardaroba, servizi centrali con blocco cucina lineare situato di fronte alla toilette e matrimoniale trasversale posteriore su garage. Questa pianta è riproposta anche dal grande Therry 45, lungo 732 cm e dotato di blocco cucina centrale a L con colonna frigo separata opposto alla toilette con doccia, mentre il Therry 41 si propone alle famiglie vantando sette posti letto grazie a una doppia dinette anteriore, servizi centrali con cucina a L e toilette con doccia separata e letti a castello trasversali in coda su gavone garage a volume variabile. Ecco il Therry 41 nell’allestimento base T.

Più ricca l’offerta di veicoli profilati: il nuovo Therry 30, lungo 699 cm, è pensato per le famiglie numerose che ai maggiori spazi di un mansardato preferisce l’aerodinamicità e le prestazioni di un profilé. Dotato di matrimoniale basculante trasversale anteriore, offre un living con dinette tradìzionale affiancata da divano, ingresso centrale, servizi con blocco cucina lineare collocato di fronte alla toilette compatta con vano unico per lavabo e doccia e, in coda, letti a castello trasversali da 218×82 cm per un totale di sei posti letto e altrettanti omologati.

Decisamente più compatto, il riconfermato Therry 31 declina, in versione profilé, la pianta del mansardato 22: eccolo nell’allestimento T.

Gran parte dell’abitacolo del Therry 31 è ripresa dal collaudato Therry 32: la maggiore lunghezza (665 cm contro i 599 del 31), ha consentito ai tecnici Giottiline di offrire, in coda, i sempre più apprezzati letti gemelli, posizionati su garage. Ecco, allora, il rinnovato Therry 32 nell’allestimento S.

Più grande, il Therry 36 è un profilato da 699 cm, disponibile sia con che senza letto basculante anteriore, che declina la richiestissima pianta con semidinette anteriore con divanetto contrapposto, ingresso, servizi centrali con blocco cucina a L opposto alla toilette e, in coda, matrimoniale trasversale su garage con sistema sali-scendi (solo versioni S). Eccolo, completo di letto basculante a movimentazione elettrica, nell’allestimento base T.

Al vertice della gamma Therry, le versioni 37 e 38 misurano entrambe 736 cm di lunghezza: disponibili entrambe con letto anteriore basculante, si contraddistinguono per un abitacolo organizzato in una zona anteriore con semidinette, tavolo a parete ampliabile e divanetto contrapposto, ingresso, blocco cucina centrale a L con colonna frigo separata e toilette passante con doccia indipendente. Diverso invece lo sviluppo dell’area posteriore: il Therry 37 offre infatti i letti gemelli su garage, mentre il Therry 38 opta per il sempre più richiesto letto matrimoniale centrale nautico con doppio comodino e armadio guardaroba.

Ecco, allora, il Therry 37 in allestimento S e letto basculante anteriore…

… e, sempre in allestimento S, la versione 38, sempre abbinabile all’ormai gettonassimo letto matrimoniale anteriore basculante.

Fotogallery

Michel

Comments are closed.