October 14, 2019

Nata nel 2005 come serie di accesso al mondo Chausson, la gamma Flash rappresenta una tra le più interessanti e complete proposte per tutti coloro che sono alla ricerca di un veicolo dall’invidiabile rapporto tra qualità e prezzo. Declinati in versione profilato, profilato con basculante e mansardato, i Flash offrono una ventina di modelli capaci di rispondere a ogni tipologia di esigenza, da quelle della coppia a quelle della famiglia spaziando tra profilati compatti con maxi living anteriore e letto basculante (Flash 10), grandi e comode camere da letto posteriori con matrimoniale centrale (Flash 19, 24, 28 49), letti a castello trasversali (Flash S3, 03 ,22, 25), letti gemelli (Flash 16 e 29), letti longitudinali alla francese (Flash 02, 06 e 08) senza dimenticare il sempre richiestissimo garage posteriore con letto matrimoniale trasversale (Flash 01, 04, 11, 23 e 26). Proprio quest’ultima soluzione caratterizza il veicolo oggetto di questo CamperOnTest, il compatto Flash 01: mansardato lungo meno di 6 metri allestito su Ford Transit 350 L con trazione anteriore, offre fino a cinque posti letto (quattro posti omologati) sfruttando in maniera estremamente intelligente gli spazi a disposizione e non rinunciando a offrire un pratico garage posteriore a cubatura variabile grazie alla presenza del sistema di regolazione EasyBEd dell’altezza del soprastante letto. Proposto a partire da meno di 40.000 Euro, è un veicolo accogliente, agile e facile da guidare che si propone trasversalmente al neofita come all’utilizzatore più esperto potendo vantare diverse interessanti peculiarità:  una dotazione di serie completa, una costruzione convincente e curata nei dettagli, un accorto sfruttamento degli spazi, un prezzo di listino equilibrato e, cosa importante, una portata utile di tutto rispetto

La meccanica

Il Flash 01 è allestito su Ford Transit 350 M Skeletal con trazione anteriore, telaio ribassato, carreggiata posteriore allargata a 198 cm e motorizzazioni 2.2 Duratorq Tdci da 125 e 140 cv: in linea con le normative antinquinamento Euro 5, questa unità da 2198 cc è abbinata a un cambio manuale a sei rapporti più retromarcia e sviluppa, nella versione più potente, quella che equipaggia l’esemplare provato, una coppia di 350 NM.

La versione Skeletal, appositamente realizzata da Ford per le trasformazioni a camper, è utilizzata da Chausson con passo da 330 cm, ripartendo così la lunghezza complessiva, di 599 cm, tra uno sbalzo anteriore di 93,3 cm e uno posteriore di 175,7 cm (pari al 53,2% del passo).

L’altezza massima del veicolo, misurata nella parte superiore della mansarda, è di 293 cm, mentre quella interna varia tra un minimo di 210 cm e un massimo di 216, valore quest’ultimo rilevato sempre in corrispondenza del rialzo anteriore. La larghezza, infine, è di 230 cm: di questi 217 sono disponibili all’interno, mentre per ciò che concerne la distanza dal suolo, i valori misurati al centro dei paraurti sono di 36 cm all’anteriore e di 33 al posteriore.

La scocca

Come detto, il Flash 01 sceglie come meccanica di base il Transit Skeletal con telaio longheronato ribassato: su questa struttura, opportunamente prolungata, nella zona dello sbalzo posteriore, da appositi longheroni in acciaio zincato imbullonati al telaio originale Ford e completi di traversa di irrigidimento e piedini a discesa rapida posteriore poggia il pavimento, un sandwich a doppio strato esterno e interno in multistrato fenolico coibentato con polistirolo ad alta densità e rivestito, all’interno, con il classico linoneum.

Il pavimento, che vanta uno spessore di 63 mm, si trova a 61 cm da terra per ciò che concerne l’abitacolo (il cui accesso è facilitato dalla presenza di un gradino integrato stampato in abs), mentre la parte posteriore del veicolo, con il classico gavone garage, è ribassata di 7 cm per consentire una maggiore altezza utile interna. Il pavimento si completa poi con l’inserimento dei parafanghi posteriori, realizzati in abs e coibentati all’interno tramite una guaina neoprenica autoadesiva.

Le pareti laterali, realizzate accoppiando una lastra esterna di vetroresina da 2 mm, uno scheletro interno in legno, coibentazione in polistirolo ad alta densità e rivestimento interno in multistrato con rifinitura in melaminico, hanno uno spessore complessivo di 30 mm poggiano lateralmente sul pianale grazie ad apposite spine in legno prima di essere solidarizzate a questo tramite avvitamento.

Le pareti laterali sono dotate di perimetro in legno inclinato a 45° per consentirne un agevole congiungimento rispetto al posteriore e al tetto: l’unione avviene tramite apposite viti di fissaggio, mentre il perimetro viene poi sigillato sfruttando appositi mastici butilici. Il tetto, realizzato sempre accoppiando uno scheletro in legno a lastre di polistirolo ad alta densità, vanta rivestimento interno in multistrato rifinito con melaminico mentre all’esterno il Flash 01 può vantare una lastra in vetroresina antigrandine: il veicolo è poi completato da appositi cantonali sagomati in abs (divisi in tre porzioni, superiore, posteriore e calata di raccordo superiore per la parete di coda), e dal classico raccordo cabina/abitacolo realizzato in abs e diviso in tre porzioni tra cui le due calate laterali e il convenzionale sottomansarda.

La scocca è poi protetta, lateralmente, dalle classiche bandelle realizzate in abs bianco da 2 mm, alte 29 cm e complete di profilo antiurto in gomma: sempre in abs sono poi i parafanghi posteriori, le calate di raccordo tra cabina e abitacolo e, in coda, il paraurti e gli ampi montanti laterali che inglobano la fanaleria a colonna.

L’esterno

Mansardato di forme classiche, lo Chausson Flash 01 è un veicolo compatto ed equilibrato anche nello stile: di forme piuttosto morbide, la linea del veicolo disegna un’ampia mansarda anteriore caratterizzata da un rialzo decisamente contenuto rispetto al tetto del veicolo e da un profilo frontale a curvatura continua che si abbina bene alla meccanica di base Ford riuscendo al contempo a offrire un letto di ottime dimensioni senza fornire l’impressione di essere troppo invadente rispetto al cabinato.

Le forme, come detto, sono sempre piuttosto morbide, creando così un piacevole contrasto rispetto alla linea del Transit che sceglie, invece, linee più decise: l’integrazione è curata e si affida alle classiche calate di raccordo, prestampate in abs, piuttosto fedeli nel replicare le forme e le scalfature del cabinato originale e nell’introdurre i dettami stilistici propri dell’allestimento tra cui, nella parte inferiore, grande importanza hanno le bandelle laterali, realizzate in abs bianco e personalizzate da un ampio profilo antiurto in gomma.

Di disegno piuttosto lineare, le bandelle integrano l’ampio passaruota posteriore che ricorda volutamente le forme di quello anteriore, originale Ford, e che grazie alla carreggiata allargata, sembra voler conferire al veicolo un minimo di aspetto sportivo.

Sempre le bandelle si occupano di raccordare la parete posteriore, grazie alla presenza del paraurti (stampato anch’esso in abs), costituito da 3 diversi elementi (un centrale e due laterali) per favorire interventi mirati in caso di necessità e contraddistinto dalla presenza dei gruppi ottici circolari disposti a colonna e integrati, nella parte inferiore, da due catadiottri.

L’assemblaggio, sempre piuttosto curato, conferisce al veicolo un aspetto sufficientemente automotive, anche se grandissima importanza è data alla grafica, accattivante e molto ben distribuita a integrare non solo la cabina di guida argento metallizzato, ma anche a smorzare i volumi della carrozzeria e il relativo candore derivante dalla scelta di optare per un look “total-white” per ciò che concerne pareti, raccordi e bandelle.

La grafica, adesiva, riprende in toto le colorazioni del marchio Chausson realizzando un piacevole motivo sfuggente verso la parte posteriore del veicolo e conferendo allo stesso il giusto dinamismo:  sempre il motivo grafico contribuisce, anche in mansarda, a integrare le finestre Parapress, dotate di forme morbide e di lastra esterna brunita per un look più accattivante. In totale, il Flash 01 può contare su un totale di sei finestre (di cui 5 Parapress apribili a compasso e una Seitz Dometic S4 scorrevole dedicata al blocco cucina), mentre per ciò che concerne le aperture di servizio, queste offrono portelli Euramax con cornice in alluminio preverniciato e sono dedicate alla porta di ingresso, ai due portelli di accesso al gavone garage posteriore e al vano per le bombole del gas, mentre il serbatoio asportabile del wc fa affidamento sul classico portello Thetford con cornice in poliuretano. Sempre per ciò che concerne le aperture di servizio, a tetto sono presenti quattro oblò tra cui un Remis panoramico da 65×45 dedicato a zona living e cucina, due Fiamma da 40×40 cm per mansarda e letto posteriore e un Fiamma da 28×28 cm a servizio del locale toilette/doccia.

La cabina di guida.

Parlare di integrazione tra cabina di guida e cellula abitativa è argomento spesso difficile, a maggior ragione nel caso dei mansardati, la vistosa protuberanza che sporge sulla cabina di guida è elemento scomodo e non sempre si riesce a fondere le linee in maniera armonica. Tuttavia, nel caso del Flash 01 l’integrazione è realizzata in maniera semplice, senza fare ricorso a troppi elementi secondari e il risultato, pur nella sua sobrietà, è apprezzabile.

Un ottimo contributo viene dalla grafica, che attraverso i suoi motivi si accompagna in maniera continua dalla cabina di guida verso la cellula, compreso i due elementi di raccordo laterali, riprendendone piacevolmente la colorazione argento metallizzato.

All’interno, la cabina accoglie l’equipaggio con fodere coordinate per i sedili di guida, dotati di regolazione in altezza e bracciolo, mentre la privacy è assicurata dalla classica tenda a giro inserita nell’elemento imbottito che raccorda il padiglione cabina, tagliato, e la soprastante mansarda.

Il ruolo di congiungere i due ambienti è affidato ad appositi stampi in abs, piuttosto precisi e di buona fattura: lo stesso materiale è utilizzato anche a pavimento per consentire il superamento del dislivello tra cabina e abitacolo, con quest’ultimo collocato 7 cm più in basso rispetto al posto guida.

Come è logico immaginare, il passaggio da e verso la cellula risente della presenza della mansarda: poco male, però, perché i 144 cm possono diventare rapidamente 212 sfruttando il sistema di sollevamento del padiglione, coadiuvato da due prestanti pistoni a gas, mentre la larghezza varia tra un massimo di 25 e un minimo di 19 cm.

La cabina originale, come è facile immaginare, garantisce ottima accessibilità  agli organi meccanici attraverso il cofano motore da 170×57 cm. Altrettanto convincente la visibilità, garantita attraverso il parabrezza da 170×88 cm, dai cristalli laterali da 90×76 cm e dagli specchi retrovisori a doppia ottica da 21×15 e 6×12 cm. Il parabrezza è servito da due spazzole tergicristallo da 66 e 56 cm.

Sempre per quanto riguarda la cabina di guida, la dotazione di serie della meccanica di base contempla vernice metallizzata, ABS, airbag conducente, regolatore di velocità, climatizzatore, sedili con piastra girevole, regolazione in altezza e braccioli, vetri e specchi elettrici, chiusura centralizzata porte con telecomando, parabrezza riscaldato, regolazione elettrica dell’inclinazione dei fari, autoradio con lettore CD, fari fendinebbia.

Accessi e aperture di servizio

L’accesso al veicolo avviene nella parte anteriore tramite una porta Euramax da 187×54 cm: piuttosto semplice nelle fattezze, dispone di tre cerniere, controstampo interno in abs completo di due portaoggetti superiori e di un portaombrelli inferiore e di serratura di sicurezza a doppio aggancio.

La porta, mantenuta aperta dal classico gancio a pressione, è servita da un gradino interno in abs da 53/46x22x23 cm la cui soglia di accesso è situata 41 cm da terra intervallando a dovere il dislivello tra piano di calpestio e suolo (61 cm).

Dotabile, in opzione, di zanzariera pieghevole a libro, la porta è inoltre corredata dalla classica maniglia interna di cortesia, mentre la parte superiore della parete è destinata a ospitare la tv lcd grazie alla presenza dell’apposito supporto snodato e orientabile Project 2000 completato dalle classiche prese per antenna e alimentazione.

A destra della porta, verso la cabina di guida, il Flash 01 offre il classico vano gas: accessibile tramite un portello da 44×34 cm, misura 40x37x66 cm ed è pensato per ospitare una bombola da 10 kg grazie alla presenza dei classici ganci di fissaggio e di un regolatore di pressione Cavagna Group da 30Mbar.

Il vano, dotato di fondo stampato in abs, offre una soglia di carico a 49 cm dal suolo mentre all’aerazione concorrono 18 diverse piccole feritoie inferiori.

A sinistra della porta, procedendo verso la coda, ecco la presa di collegamento alla rete elettrica, le griglie di aerazione e scarico del frigorifero trivalente Dometic, il camino del boiler ad accumulo Truma B 10 e, nella zona posteriore, il classico gavone garage.

Accessibile tramite due portelli (da 117×86,5 cm sul lato destro, da 82×41 cm su quello sinistro), il vano si trova a 54 cm da terra ed è adeguatamente sorretto da appositi longheroni inferiori in acciaio zincato imbullonati a quelli del telaio originale Ford che, oltre a rappresentarne l’ideale continuazione, offrono adeguata ospitalità ai due piedini posteriori a discesa rapida.

Su questa struttura è collocato il fondo del garage, costituito da un sandwich da 63 mm di spessore identico a quello utilizzato per il pavimento del veicolo ma rivestito in gomma antiabrasioni.

Data la lunghezza contenuta dello sbalzo, il garage risente inevitabilmente della presenza dei longheroni originali Ford nella parte prospiciente l’abitacolo ed è pertanto sviluppato su due livelli: quello inferiore, profondo 217 cm con una larghezza compresa tra 48 cm (lato sinistro) e 105 cm (lato destro), è infatti affiancato da un secondo piano, rialzato rispetto al primo di 15 cm e caratterizzato da una profondità di 217 cm e da una larghezza variabile tra un minimo di 29 e un massimo di 46 cm.

Il Flash 01 è dotato di letto posteriore Easy Bed: il sistema, che tramite l’utilizzo di un girabacchino consente di modificare l’altezza del soprastante letto matrimonial trasversale, consente di regolare l’altezza utile del garage entro un range di 34 cm, permettendo di spaziare tra un minimo di 98 cm e un massimo di 132 cm.

Non mancano, poi, i vani di stivaggio: sulla destra, accanto al portello di accesso laterale, sono presenti due vani a giorno di forma triangolare: quello inferiore, da 18x27x44 cm, ospita al proprio interno il salvavita dell’impianto elettrico, opportunamente protetto, mentre sollevando il fondo del vano si possono raggiungere le tubazioni dirette al vicino boiler Truma B10.

Sopra al vano, inoltre, è presente una seconda mensola, a sviluppo trapezoidale, caratterizzata da una profondità di 45 cm, una larghezza compresa tra 35 cm (lato lungo) e 6 cm (lato corto) mentre l’altezza utile varia in funzione del posizionamento del letto Easy Bed e può raggiungere anche i 50 cm.

La parte centrale offre un vano da 99×36 cm (con altezza massima di 68,5 cm variabile in funzione del sistema Easy Bed) mentre sul lato sinistro i tecnici Chausson hanno realizzato due pratici ripiani (superiore 44x72x66,5 cm, inferiore 44x72x26,5 cm): rimuovendo quello inferiore, inoltre, è possibile accedere alle tubazioni di scarico provenienti dalla vicina toilette.

Sempre per ciò che concerne il garage posteriore, infine, il Flash 01 offre illuminazione tramite una plafoniera azionabile sul lato destro mentre per ciò che concerne il fissaggio del carico è presente un ampio binario sagomato sul lato destro che congiunge la vasca inferiore con quella superiore e che potrà facilmente essere equipaggiato degli appositi ganci fermacarico. Non mancano, poi, le leve di comando dei girabacchini del letto Easy Bed e dei piedini posteriori a discesa rapida, opportunamente ospitati in appositi alloggiamenti sulla parete posteriore, mentre non è prevista una bocchetta di riscaldamento dedicata al vano di carico.

La fiancata sinistra, oltre al già citato secondo portello del garage si caratterizza per la presenza del vano di accesso al serbatoio asportabile del wc Thetford C260 e il bocchettone di rifornimento del serbatoio dell’acqua potabile.

L’allestimento si completa poi con cinque finestre Parapress (tutte con apertura a compasso) a cui si sommano una Dometic S4 scorrevole, e a tetto, l’oblò panoramico Remis da 65×45 cm e altri tre oblò di cui due Fiamma da 40×40 cm a servizio del letto posteriore e della mansarda e un Fiamma da 28×28 cm inserito nella toilette.

Impiantistica

L’autonomia idrica può contare su un serbatoio da 127 litri realizzato in polietilene lineare alimentare e posizionato all’interno della cassapanca frontemarcia del living anteriore.

Il coperchio è avvitato, ma dispone di una botola da 17 cm di diametro che lascia libero accesso al tappo di ispezione. L’impianto, che sfrutta tubazioni in Rilsan divise per colore a seconda del contenuto e raccorderie miste di tipo rapido John Guest e a fascetta è servito da una pompa dell’acqua a pressostato Shurflo Trail King 7 in grado di erogare fino a 7 litri al minuto e posizionata all’interno della cassapanca longitudinale, raggiungibile previa rimozione del piano superiore.

Sul veicolo l’acqua è distribuita da rubinetti monocomando in acciaio cromato di buona fattura e, una volta utilizzata, raccolta da pilette di scarico da 35 mm di diametro complete di sifone ispezionabile (per il bloco cucina) e condotta, tramite tubazioni corrugate, verso il serbatoio di recupero da 106 litri, posizionato nel sottoscocca in corrispondenza dell’asse posteriore, dotabile in opzione di coibentazione e riscaldamento e servito dalla classica valvola di scarico a ghigliottina situata a 21 cm da terra e comandabile dal lato destro del veicolo.

Sempre per ciò che concerne l’impianto idrico, il Flash 01  può contare sul wc Thetford C260 con tazza girevole e serbatoio asportabile da 17,5 litri.

L’impianto elettrico può contare, di serie, su una batteria dei servizi da 92Ah inserita all’interno della base sedile guidatore in cabina di guida mentre il caricabatterie CBE CB516 è collocato sotto al divanetto laterale destro, accessibile tramite lo stesso portello incernierato che concorre alla formazione del quinto posto letto.

Il pannello di comando delle utenze elettriche CBE PC150 è invece collocato nei pressi della porta di ingresso, a lato del mobile cucina: piuttosto semplice nell’utilizzo, affida a spie a led il controllo delle utenze in uso e permette il comando dei principali impianti di bordo tra cui quello idrico, l’illuminazione e l’interruttore generale.

Sempre per ciò che concerne l’impianto elettrico, il Flash offre due prese a 12V (dedicate a vano tv e blocco cucina) e altrettante a 220V (a servizio di ingresso e vano tv) mentre l’illuminazione è realizzata esclusivamente impiegando lampade a led.

In particolare, sono disponibili due spot a servizio del letto matrimoniale della mansarda mentre la zona living si affida a due spot orientabili sottopensile (uno sul lato destro, l’altro su quello sinistro) coadiuvati, a tetto, da una plafoniera centrale da 120 led che serve anche la zona di ingresso.

Il blocco cucina può fare affidamento su una striscia da 30 led inserita nel sottopensile, mentre l’attigua toilette sfrutta due spot a soffitto collocati nella parte superiore del mobile lavabo e serviti dal doppio specchio ad angolo.

Ancora due spot orientabili sono poi dedicati al letto posteriore mentre il sottostante garage offre la classica plafoniera a incandescenza.

Il riscaldamento si affida a un riscaldatore autonomo a gasolio Eberspaecher Airtronic D4: installato nel sottoscocca e adeguatamente protetto grazie al suo inserimento all’interno di un apposito box metallico, offre una potenza di 3.5 kW e distribuisce l’aria calda attraverso una canalizzazione di cinque bocchette che coprono gran parte del veicolo.

Utilizzabile anche in marcia, l’Airtronic D4 è comandato dall’apposito pannello di comando inserito lateralmente alla seduta frontemarcia del living anteriore, mentre l’aspirazione dell’aria della ventola è collocata sotto al living, accanto alla pompa dell’acqua; la sonda termostatica, invece, è sistemata appena alle spalle della cabina di guida, inserita nel montante che raggiunge il piano mansarda.

L’acqua calda sanitaria è invece fornita dal classico boiler ad accumulo Truma B10: alimentato a gas e con una capacità di 10 litri,  è collocato nella parte inferiore dell’armadio guardaroba, accessibile superiormente rimuovendone il fondo (50×38 cm): piuttosto nascosta è invece la posizione del comando del boiler stesso, collocata tra gli scalini di accesso al matrimoniale posteriore.

Le tubazioni del boiler, inoltre, sono accessibili anche dal garage rimuovendo il piano triangolare da 18×27 cm collocato all’estrema destra del vano: da questo è inoltre possibile accedere ai rubinetti di scarico rapido dell’impianto idrico.

L’impianto del gas, inline, può contare sulla già citata bombola da 10 kg gestita da un riduttore di pressione Cavagna Group da 30 Mbar: l’impianto, realizzato con tubazioni in acciaio, offre i tre classici rubinetti sezionatori dedicati a frigorifero, fornelli e boiler e inseriti alla base del blocco cucina.

Mobili e tappezzerie

Calorosi ed accoglienti, gli interni sono realizzati in multistrato nobilitato nella piacevole essenza noce naturale con spessori di 15 mm e diverse parti curvate per una maggiore ergonomia interna.

Luminoso e ben rifinito, l’abitacolo beneficia di mobili caratterizzati da ante bombate sorrette da cerniere DGN in acciaio inox, ampie maniglie in metallo cromato e, nella parte interna, un funzionale profilo antivibrazioni in gomma.

La costruzione, piuttosto accurata e precisa, non prevede però le classiche areazioni anticondensa per il mobilio, così come non sono previsti i pannelli distanziatori per il living, mentre è da segnalare la presenza del sistema di rientro assistito per tutti i cassetti, vezzo solitamente riservato ai veicoli di categoria superiore.

Il blocco cucina, inoltre, abbandona la piacevole essenza noce naturale a favore di un moderno laminato plastificato color avorio che contrasta piacevolmente sia con il pannello frontale del frigorifero, a specchio brunito, sia con i piani di lavoro antigraffio (da 30 mm di spessore) il cui aspetto richiama volutamente quello della pietra.

Curate sono anche le sellerie: il living anteriore può infatti contare su cuscinerie ergonomiche con spessori tra 13 e 16 cm per le sedute e tra 15 e 21 cm per gli schienali disponibili in tre varianti di rivestimento tra cui la versione “Hamilton” presente sul Flash 01 oggetto di questo CamperOnTest e caratterizzata dall’alternanza tra microfibra beige e caffè.

Sempre per ciò che concerne gli interni, il veicolo adotta materassi in gommapiuma da 10 cm di spessore, adeguatamente supportati da reti a doghe per il matrimoniale posteriore, mentre appare più semplice il trattamento della mansarda, con il classico piano in legno per la parte frontale, ribaltabile, e alcuni distanziali inferiori anticondensa per quella anteriore fissa.

Non mancano, infine, le classiche doppie tende di cortesia per le finestre e le tende di separazione dedicate a cabina, mansarda e matrimoniale posteriore.

Il soggiorno

La zona anteriore del Flash 01 è dedicata al living: può contare su una semidinette da 105×45 cm affiancata da una poltroncina laterale destra da 45/51×44 cm e completata dalle poltrone cabina, dotate di fodere coordinate, braccioli e piastre girevoli.

Le sedute, situate a 52 cm dal pavimento, sono servite da un tavolo da 107×57/45 cm dotato di sistema di ancoraggio a parete e sorretto da una gamba cilindrica divisibile per consentire la trasformazione del soggiorno in un letto singolo trasversale.

Il piano del tavolo, da 30 mm di spessore, si trova a 78 cm da terra e beneficia si un sistema di ampliamento a penisola (49,5×38 cm) che, essendo incernierato, può essere facilmente indirizzato in modo da servire adeguatamente anche i commensali che utilizzano la poltrona passeggero dalla cabina o il divanetto laterale destro.

In grado di ospitare fino a cinque persone, il living può contare sulla luminosità fornita da una finestra Parapress da 86×51 cm che si somma a quella proveniente dalla vetratura originale della cabina di guida, mentre a soffitto non manca un oblò panoramico Remis da 65×45 cm con apertura a compasso.

Di sera, invece, l’equipaggio avrà a disposizione la luce fornita da due spot led orientabili, collocati nella parte inferiore dei pensili, e dalla classica plafoniera a soffitto da 120 led, mentre per ciò che concerne lo stivaggio il Flash 01 può contare su due pensili superiori sul lato sinistro (ante da 57×40 e 47×40 cm, vani disponibili 51x26x36 e 47x26x36 cm), e su un pensile su quello destro (anta 43×40 cm, vano 44x28x36 cm).

Sopra ai pensili e compresi tra questi e il soffitto sono disponibili due vani a giorno dotati di bordo cromato anticaduta: lo spazio disponibile è di 106×28 cm sul lato sinistro e di 44×28 cm su quello destro, in entrambi i casi con altezza utile massima di 18 cm.

La collocazione del serbatoio dell’acqua, della pompa, del vano per le bombole del gas e del gruppo trasformatore non consente lo sfruttamento per lo stivaggio delle due cassapanche anteriori: non manca, invece, lo spazio deputato a ospitare la tv lcd, collocabile sopra la porta di ingresso grazie alla presenza di un pratico supporto snodabile e orientabile Project 2000 opportunamente affiancato dalle prese del 12 e del 220V.

I servizi

Posizionato centralmente, il blocco cucina a sviluppo lineare misura 89×69/53 cm: dotato di piano antigraffio da 30 mm di spessore situato a 97 cm dal pavimento, offre un monoblocco Smev in acciaio inossidabile completo di piano cottura (42×40 cm) a tre fuochi (da 4,5, 4,5 e 6 cm di diametro) collocati tra loro a una distanza, misurata al centro, di 23, 19 e 18 cm, mentre a fianco a questo, sulla destra, è posizionato il lavello (36x24x12 cm) servito da un rubinetto monocomando in metallo cromato e da una piletta di scarico inox da 35 mm di diametro completa di sifone ispezionabile.

Fornello e lavello sono completi di coperchi incernierati in cristallo temperato, mentre la compattezza del vano ha obbligato i progettisti Chausson a limitare il piano di lavoro a 35×7 cm.

L’aerazione può contare sull’abbinamento tra una finestra Dometic S4 da 65×40 cm con apertura a scorrimento e il già citato oblò panoramico Remis da 65×45 cm che serve anche il vicino living, mentre per ciò che concerne lo stivaggio il Flash 01 offre un pensile superiore servito da un’anta da 62×40 cm e diviso in due porzioni interne da 79x23x17 e 77x23x17 cm: all’interno del vano inferiore è inoltre da notare la presenza di una presa a 12V.

La parte inferiore del blocco cucina vede la presenza del frigorifero Dometic RMS 8401: vanta una capienza di 105 litri, è dotato di scelta automatica della fonte di energia, di tecnologia led e di cella freezer rimovibile per massimizzare all’occorrenza la capacità di carico del frigo.

A fianco a questo, sul lato destro, sono collocati il classico cassetto portaposate (29x37x8 cm) dotato di rientro assistito e, sotto a questo, un doppio stipetto da 35x48x22 e 35x12x28 cm servito da un’anta da 60×34 cm all’interno dei quali trovano collocazione i rubinetti sezionatori dell’impianto gas.

Il blocco cucina, inoltre, può contare su una striscia da 30 led inserita alla base del pensile superiore mentre a soffitto è disponibile un ulteriore vano a giorno completo di bordo anticaduta (85x24x14 cm).

Opposta alla cucina, la toilette è separata da una porta a serranda in abs (190×42 cm) e si trova rialzata di 14 cm rispetto al piano di calpestio del veicolo.

Il locale, che vanta uno sviluppo di 106×95 cm, è arredato in un piacevole termoformato bicolore bianco/beige e legno ed è pensato per poter ospitare al proprio interno anche la classica doccia grazie alla presenza del piano attrezzato con doppia piletta di scarico.

Il bagno vede la presenza di un mobile con un elegante lavabo in metacrilato lucido da 28 cm di diametro e 13 di profondità servito da un rubinetto monocomando con collo estraibile e piletta di scarico da 35 mm: il lavabo, che si trova a 83 cm da terra, è contornato da due specchi ad angolo (60×107 e 30×107 cm), completi di doppio spot led di illuminazione, mentre sulla destra trova collocazione il wc Thetford C260, elegantemente proposto in versione bicolore in tinta con l’allestimento della toilette.

Dotato di tazza girevole e serbatoio asportabile da 17,5 litri, il wc vede alle proprie spalle un vano a giorno da 40x17x26 cm sormontato da un piano di appoggio in metacrilato da 40×19 cm sopra al quale è inserita la finestra Parapress da 55×30 cm: dotata di lastra interna opacizzata, è però sprovvista del classico unibloc oscurante/zanzariera.

L’aerazione è poi completata, a soffitto, da un oblò Fiamma da 28×28 cm, mentre per ciò che concerne lo stivaggio, il Flash 01 può contare su un pensile a soffitto con vani da 37x17x25 e 37x17x27 cm servito da un’anta da 40×53,5 cm.

La doccia, come detto, è ricavabile all’interno del vano toilette: vanta un diametro di 66 cm ed è separata dall’unione tra una parete semicircolare e due altre pareti a libro pensate per proteggere l’arredamento in legno collocato alle spalle del wc.

Dotata di doppia piletta di scarico, sfrutta rubinetto, aerazione e illuminazione della toilette.

Zone letto e armadi

Collocato in coda al di sopra del classico garage, il matrimoniale posteriore misura 203×138/120 cm.

Dotato di rete a doghe e materasso in gommapiuma da 10 cm di spessore, il letto è completo di sistema manuale di regolazione dell’altezza (Easy Bed) ed è posizionabile, a scelta, tra un’altezza minima di 93 cm (con relativo cielo utile di 117 cm), e una massima di 117 cm (con cielo utile di 83 cm).

Per facilitare l’accesso al letto, specie quando questo è configurato per offrire la massima capacità di stivaggio al garage, i progettisti Chausson hanno posizionato due gradini da 91×38/23×24 cm (inferiore) e 40x29x53 cm (superiore): entrambi i gradini nascondono due intelligenti e capienti cassetti (59x39x10 e 51x49x12 cm) utilizzabili anche come scarpiera.

Il letto, dotato di due finestre da 70×40 cm, è servito da un oblò Fiamma da 40×40 ed è sormontato da tre pensili posteriori da 77x22x27, 53x22x27 e 77x22x27 cm (con ante da 54×29 cm) mentre non mancano la testata imbottita, una rete portaoggetti a parete, due spot orientabili di lettura e la classica tenda di separazione.

Adiacente al matrimoniale posteriore, l’armadio guardaroba è compreso tra questo e il blocco cucina: servito da un’anta da 140×33 cm, è diviso in una parte dedicata ai capi appesi (115x50x38 cm) e un ripiano superiore da 50x38x29 cm.

Altri due posti letto sono poi disponibili sfruttando il classico letto matrimoniale in mansarda: il letto, che misura 200×152 cm, si trova a 160 cm da terra, è raggiungibile tramite un’apposita scaletta in dotazione e beneficia di un cielo utile, misurato al centro, di 59 cm.

Dotato di materasso in gommapiuma da 10 cm collocato nella porzione anteriore su un supporto anticondensa, non prevede la classica rete a doghe. L’allestimento può invece contare, per ciò che concerne l’aerazione, sull’abbinamento tra una finestra Parapress da 70×35 cm e un oblò a tetto Fiamma, mentre si registrano la presenza della testiera, realizzata in abs e completa di due spot di lettura a led e di un vano a giorno da 74x10x13 cm, e della classica tenda di separazione con binario guida a soffitto.

Un quinto posto letto di emergenza può inoltre essere ricavato dal living anteriore: l’operazione, non difficile ma piuttosto macchinosa, prevede l’avanzamento delle poltrone di guida anteriori, il riposizionamento del tavolo una volta ampliato con rimozione di una parte della gamba, la traslazione di un supporto laterale destro e la composizione dei cuscini necessari alla formazione del letto: grazie all’utilizzo di quattro elementi sarà così possibile creare un letto trasversale lungo 210 cm e largo tra un minimo di 46 cm (divanetto laterale destro) a un massimo di 84 cm.

Dislocazione impianti

Dati tecnici

Chausson Flash 01
Dimensioni e posti
Tipologia Mansardato
Dimensioni 599x230x293 cm
Posti omologati 4
Posti letto 5
Posti frontemarcia con
cintura di sicurezza
4
Autotelaio
Meccanica Ford Transit 350 M Skeletal
Passo 330 cm
Sbalzo anteriore 93.3 cm
Sbalzo posteriore 175.7 cm
Motorizzazione base 2.2 Duratorq TDCi – 125 cv €5
Motorizzazione opzionale 2.2 Duratorq TDCi – 140 cv €5
Trazione anteriore
Accessori di serie Pack Zen: ABS, Airbag guida, airbag passeggero, alzacristalli elettrici, specchi retrovisori elettrici, fodere cabina coordinate, regolatore di velocità, parabrezza riscaldato, sedili cabina regolabili in altezza e girevoli.
Massa complessiva a pieno
carico kg
3500
Massa dichiarata in ODM 2781
Portata utile kg 719
Scocca
Carrozzeria Scocca a pannelli sandwich. Pareti e tetto con rivestimento esterno in vetroresina, interno in multistrato rifinito a melaminico, coibentazione in polistirolo alta densità. Pavimento con doppio rivestimento in multistrato, coibentazione in polistirolo ad alta densità e piano di calpestio interno in linoleum. Calate e raccordi in abs, bandelle sottoscocca in abs, cantonali in alluminio.
Spessori
pavimento/pareti/tetto mm
63/30/30
Garage Garage posteriore con vasca inferiore da 217×48/105 cm affiancato da uno spazio rialzato di 15 cm da 217×46/29 cm. Pavimento in linoleum e gomma antiusura, soglia di carico a 54 cm da terra, due portelli per l’accesso esterno da 117×86,5 e 82×41 cm. Sistema EasyBed per la regolazione dell’altezza del letto e della cubatura del garage entro un range di 34 cm: altezza utile vano di carico variabile tra un minimo di 98 a un massimo di 130 cm. Illuminazione tramite  una plafoniera, binario per fissaggio del carico.
Porte e
finestre
Porta cellula Euramax, serratura di sicurezza e controstampo interno in abs. Gradino interno in abs. Cinque finestre ParaPress apribili a compasso, una Seitz Dometic S4 scorrevole. Un oblò Remis da 65×45 cm, due Fiamma da 40×40 cm e uno da 28×28 cm. Portelli di servizio Euramax con cornice in alluminio; totale aperture di servizio n 4.
Impiantistica
Gas Vano esterno per una bombola da 10 kg con fondo in abs. Aerazione a pavimento, ganci fermabombola. Tre sezionatori inseriti nella base del mobile cucina.
Riscaldamento e boiler Riscaldamento Eberspaecher Airtronic D4 a gasolio installato nel sottoscocca e canalizzato tramite 5 bocchette interne. Boiler a gas ad accumulo Truma B10.
Elettricità Batteria supplementare da 92 Ah al piombo. Trasformatore e caricabatteria CBE CB 516 installato all’interno della cassapanca del divanetto laterale. Pannello di comando analogico CBE PC150 con indicazione a led. Due prese a 12V e a 220V. Illuminazione interna a led.
Acqua Serbatoio acqua potabile da 127 litri interno servito da pompa Shurflo Trail King 7, impianto con tubi in Rilsan, raccordi misti a innesto rapido John Guest e con fascette. Miscelatori monocomando in metallo cromato, pilette di scarico inox con sifoni ispezionabili, tubi di scarico rigidi e corrugati. Serbatoio recupero esterno da 106 litri con valvola di scarico a ghigliottina. Wc Thetford C260 con serbatoio estraibile da 18 litri.
Prezzi e accessori
Prezzo base Euro 38.560
Prezzo esemplare provato Comprensivo di: Motorizzazione 2.2Tdci 140 cv (Euro 1.000); Pack Silver(verniciatura metallizzata cabina di guida, climatizzatore manuale, radio con lettore cd, fari fendinebbia – Euro 2.215).Totale veicolo in CamperOnTest Euro 41.775
Il nostro giudizio
Costruzione 3
Meccanica di base
Ford Transit cabinato trazione anteriore con telaio ribassato Skeletal.
Sicurezza
Di serie ABS, doppio airbag e Cruise-control. Optional nel Pack Silver + l’ESP.
Volumetria e masse
Lunghezza contenuta con conseguente passo corto. Sbalzo posteriore abbastanza limitato e con buon rapporto rispetto al passo. Equilibrio dei pesi corretto.
Scocca e materiali
Costruzione di tipo tradizionale con scocca a pannelli sandwich con rivestimento esterno in vetroresina, coibentazione in polistirolo alta densità e ossatura interna in legno.
Assemblaggio e rifiniture
Assemblaggi corretti e finiture abbastanza curate.
Componentistica
Finestre Parapress e Dometic, porta e portelli Euramax, maxi oblò Remis, oblò Fiamma.
Impianto idrico
Serbatoio acqua potabile interno, pompa acqua Shurflo Trail King. Tubi in rilsan e raccordi con fascette. Rubinetti monocomando in metallo cromato, pilette di scarico inox con sifoni ispezionabili. Coibentazione e riscaldamento del serbatoio di recupero opzionali.
Impianto elettrico
Batteria supplementare da 92Ah. Caricabatterie/trasformatore CBE, pannello di comando semplice, illuminazione interna interamente a Led. Discreta disponibilità di prese interne.
Gas
Vano per una bombola da 10 kg con regolatore di pressione di tipo tradizionale. Portello di accesso al vano di dimensioni piuttosto ridotte.
Riscaldamento
Eberspaecher Airtronic D4 con canalizzazione interna ben distribuita nell’abitacolo anche se si segnalano l’assenza di bocchette dedicate al garage e, soprattutto, alla mansarda.
Mobilio e arredamento
Mobilio moderno e piacevole con essenza noce. Buona la qualità della componentistica, con maniglie cromate e cerniere inox DGN. Assemblaggio abbastanza curato, guarnizioni antivibrazioni per le antine dei mobili, cassetti a chiusura frenata; peccato per l’assenza delle feritoie anticondensa nei pensili.
Cuscini, materassi e tappezzeria
Cuscinerie comode, consistenti ed ergonomiche con rivestimento in microfibra disponibile in tre varianti. Spessori materassi nella media.
In viaggio
Facilità di guida
Compatto, agile e maneggevole, si guida con estrema semplicità.
Comodità dei posti a sedere
Poltrone anteriori originali con braccioli e fodere coordinate, sedili dinette comodi ed ergonomici. Quattro posti frontemarcia con cinture a tre punti.
Panoramicità
Ottimale per chi viaggia in cabina di guida, sul solo lato sinistro per chi viaggia nell’abitacolo a causa dell’assenza di finestre sulla parte anteriore della fiancata destra.
Climatizzazione
Climatizzatore incluso nel pacchetto Silver che di fatto accompagna la totalità dei veicoli. In inverno il riscaldamento a gasolio è utilizzabile in marcia.
In sosta
Living
Piuttosto compatto, può però ospitare fino a 5 commensali. Attenzione allo spazio tra cassapanca e gamba del tavolo, non abbondante. Tavolo ampliabile abbastanza ben fruibile.
Letti
Matrimoniale posteriore di dimensioni corrette, ottima la possibilità di regolazione dell’altezza e la presenza della rete a doghe. Mansarda di generose dimensioni, soprattutto in larghezza ma priva di riscaldamento e di rete a doghe. Letto da trasformazione dinette da utilizzare in emergenza.
In cucina
Blocco cucina compatto ma abbastanza fruibile. Frigo di ultima generazione, fornello e lavello sfruttabili, aerazione corretta. Si sente un po’ la mancanza di un piano di lavoro mentre lo stivaggio, visti gli spazi a disposizione, non può essere abbondante.
Toilette
Non è particolarmente ampia, ma è funzionale e ben arredata. Aspetto bicolore piacevole, lavabo in metacrilato elegante e ben posizionato. Illuminazione e aerazioni corrette: peccato per l’assenza dell’unibloc oscurante/zanzariera per la finestra.
Doccia
Di forma circolare, ha dimensioni sufficienti e un allestimento corretto. Le persone di corporatura molto robusta dovranno prestare un po’ di attenzione in quanto gli spazi non sono abbondanti.
Disimpegni e circolazione nell’abitacolo
In rapporto alle dimensioni esterne e alla tipologia di allestimento con letto matrimoniale trasversale posteriore, i disimpegni offerti dall’abitacolo sono più che soddisfacenti. Bene la collocazione della porta fuori dalle zone di transito obbligato. La scelta di optare per una porta della toilette a serrandina permette un significativo risparmio in termini di spazio, anche se può generare qualche vibrazione in viaggio.
Capacità di stivaggio
Lo stivaggio è commisurato alle dimensioni del veicolo ma è più che sufficiente per 3 o 4 persone. Molto comodi i cassetti inseriti alla base dei gradini del letto posteriore. Pensili anteriori di capienza nella norma.
Gavoni e garage
Piuttosto compatto a causa della presenza dei longheroni dello chassis del Transit, è però abbastanza ben sfruttabile almeno per il carico di due biciclette. Buona l’organizzazione dei vani di stivaggio alcuni dei quali sono accessibili anche dall’esterno. Peccato per l’assenza di riscaldamento.
Gestione del veicolo
Capacità di carico e portata utile
Gli oltre sette quintali a disposizione rappresentano un margine più che rassicurante anche in caso di equipaggio al completo.
Autonomia
L’autonomia è abbastanza buona: lascia perplessi solo la scelta di optare per una sola bombola da 10 kg a servizio di frigo, fornelli e boiler: quest’ultimo sarà meglio utilizzarlo con una certa parsimonia. Via libera invece per il riscaldamento a gasolio e per l’illuminazione a led.
Facilità di manutenzione
A parte il riscaldatore autonomo a gasolio, collocato nel sottoscocca, e la batteria dei servizi, installata all’interno della base sedile guida in cabina, tutto il resto dell’impiantistica è abbastanza ben raggiungibile. Accessibilità organi meccanici originale.
Rapporto prezzo/prestazioni
Mansardato passe-partout agile e compatto, è proposto a poco più di 40.000 Euro e rappresenta uno dei gradini di ingresso al mondo Chausson. A dispetto di questo non fornisce mai l’impressione di essere un veicolo ultraeconomico e, anzi, vanta rifiniture corrette anche nei punti meno visibili. Offre diverse caratteristiche interessanti, dall’organizzazione degli spazi al garage posteriore con EasyBed, e può essere facilmente migliorato senza interventi troppo costosi o complessi.

Legenda

Inadeguato
Da migliorare
Adeguato alla classe di costo
Buono, assicura fruibilità e soddisfazione agli utilizzatori
Eccellente, difficile trovare di meglio

Ci ha particolarmente convinto…

La scocca, seppure di tipo classico, è però assemblata con cura e utilizza materiali di qualità corretta: dalle bandelle sottoscocca ai raccordi, dai cantonali alle pareti, l’aspetto è coerente con i gusti attuali e non offre il fianco a critiche concernenti la lavorazione. Discorso analogo anche per la componentistica, che non rinuncia a offrire un buon numero di finestre, di oblò e di portelli di servizio: tra questi i due dedicati al garage posteriore.

A dispetto delle dimensioni esterne, contenute entro i sei metri, gli spazi interni sfruttano bene i centimetri a disposizione, offrendo un abitacolo che senza troppi problemi è realmente in grado di ospitare tre o quattro persone senza dover ricorrere ad alcuna trasformazione. I quattro posti letto sempre pronti, così come la scelta di collocare centralmente la porta di ingresso al di fuori delle zone di transito obbligato consentono un afflusso/deflusso dal veicolo abbastanza semplice, proprio come si addice a un mansardato a vocazione familiare.

Gli interni e l’abitacolo sono decisamente curati e non lasciano trasparire l’appartenenza del Flash 01 alla gamma economica: il mobilio è di qualità più che corretta, con ante bombate, componenti meccaniche solitamente appannaggio di fasce di prezzo superiori e qualche chicca: decisamente interessante è infatti trovare, su un mansardato proposto a partire da poco più di 38.500 Euro soluzioni quali i profili con guarnizione antivibrazione per tutti i pensili e il rientro assistito dei cassetti. Allo stesso modo il melaminico in essenza noce naturale che riveste gran parte del mobilio è di qualità più che corretta e riproduce molto bene le venature del legno sia visivamente che tattilmente.

Le sellerie sono comode e rivestite con materiali di qualità: via libera per le sedute e gli schienali del living, ma anche per i materassi dei letti sempre pronti, adeguati al veicolo e alla sua collocazione sul mercato. Molto positiva la presenza, per il letto posteriore, della rete a doghe (integrata nel sistema di regolazione dell’altezza del letto EasyBed), così come la disponibilità delle tende di separazione per tutti i letti sempre pronti. Inoltre, le doppie tende e alcune parti imbottite e rivestite in microfibra (si vedano le calate di raccordo interne tra abitacolo e cabina) conferiscono all’ambiente la sensazione di un abitacolo curato e ben rifinito.

L’impianto idrico sfrutta componenti di qualità, con serbatoi di capacità più che adeguata alla destinazione del veicolo, pompa Shurflo, rubinetti monocomando in metallo cromato, scarichi di dimensioni adeguate e completi di sifoni. Bene la doppia piletta di scarico per la doccia, mentre data la collocazione entry level del veicolo è abbastanza comprensibile la scelta di fornire solo in opzione riscaldamento e coibentazione del serbatoio di recupero.

L’impiantistica è solitamente curata e impiega componenti di qualità, a partire dall’impianto elettrico, affidato a elementi CBE, dall’illuminazione a interamente a led e dalla scelta di componenti di ultima generazione anche su un veicolo di primo accesso (esempio classico il frigorifero Dometic serie RMS, ma anche il wc Thetford C260). Decisamente confortante è poi la scelta di fornire di serie tutto ciò che serve, compresa quella batteria servizi troppo spesso opzionale anche su veicoli di alto livello.

La toilette, pur non essendo particolarmente ampia, è però allestita con cura e abbastanza ben fruibile. Bella ed elegante la scelta di optare per termoformati bicolori che si sposano alla perfezione con il wc, anch’esso bicolore, così come l’adozione di lavabo e piani di appoggio in metacrilato lucido.

Lo stivaggio, seppure orfano delle cassapanche anteriori, è però sufficientemente ampio grazie ai pensili (3 anteriori e 3 posteriori) a cui si sommano l’armadio guardaroba e i pratici cassetti inseriti all’interno dei gradini di accesso al letto posteriore, ampi e comodi.

La dotazione di serie, per un veicolo di primo accesso, è piuttosto ampia: abbiamo citato la batteria dei servizi, fornita di serie: a questa si possono aggiungere l’oblò panoramico Remis, il porta tv Project 2000, il sistema di regolazione dell’altezza del letto posteriore e, per quanto riguarda la meccanica di base, abs, doppio airbag, vetri, specchi elettrici e cruise control e piedini posteriori a discesa rapida. Buona, ancora, la scelta di offrire un riscaldamento a gasolio di adeguata potenza, utilizzabile in marcia e capace di assicurare il giusto clima interno.

Il garage posteriore, infine, seppure di dimensioni non tra le più ampie, è però correttamente curato (con pianale isolato, doppio accesso esterno, illuminazione e sistema EasyBed) e offre diversi e pratici vani di stivaggio.

Riteniamo migliorabile…

L’impianto di riscaldamento, affidato all’Eberspaecher Airtronic D4, è sufficientemente potente per garantire il giusto clima interno anche in presenza di temperature esterne rigide: peccato, però, che la canalizzazione dell’aria calda non preveda bocchette dedicate né al garage posteriore (e conseguentemente al soprastante letto matrimoniale) né alla mansarda. Proprio in questo ambiente, inoltre, data la confortante cura generale riscontrabile sul veicolo, stona un po’ la scelta di non optare per la classica rete a doghe lasciando i materassi a contatto con il piano in legno (nella parte posteriore) e su un sostegno anticondensa (in quella anteriore).

Il living, piuttosto compatto, è però abbastanza ben sfruttabile: attenzione soltanto alla distanza tra seduta posteriore e gamba del tavolo, non sempre abbondante. Discorso analogo per la doccia, ricavabile all’interno del vano toilette ma un po’ limitata specie per persone di corporatura robusta.

Nella toilette, inoltre, si segnala l’assenza dell’unibloc oscurante/zanzariera per la finestra.

Alcune componenti dell’impiantistica non sono facilmente accessibili: è il caso della batteria sei servizi, ospitata all’interno della base sedile guidatore in cabina di guida (e che per essere raggiunta necessita della rimozione del sedile stesso) e del boiler ad accumulo Truma, raggiungibile unicamente rimuovendo il ripiano inferiore dell’armadio guardaroba. Migliorabile, sempre per ciò che concerne il boiler, il posizionamento del pannello di comando.

Il vano per le bombole del gas è decisamente compatto, anche per ciò che concerne le dimensioni del portello di accesso: l’installazione della bombola da 10 kg richiederà di conseguenza un minimo di accortezza. A questo proposito attenzione anche all’autonomia: la bombola da 10 kg non offre risorse illimitate pur a fronte della presenza del riscaldatore a gasolio.

Il blocco cucina sente la mancanza di un piano di lavoro: sarebbe sufficiente una semplice mensola a ribaltina per poter beneficiare di maggiore comodità una volta ai fornelli.

A livello di costruzione del mobilio, il Flash 01 non presenta le classiche areazioni posteriori anticondensa: non sono previste, inoltre, le paretine imbottite dedicate al living e ai letti sempre pronti.

In conclusione

Agile, compatto e facile da guidare grazie a una lunghezza inferiore ai sei metri e a un passo relativamente corto ma allo stesso tempo capace di offrire quattro posti letto sempre pronti coniugandoli con il richiestissimo garage posteriore e con un prezzo di listino decisamente interessante, il Flash 01 è un veicolo che ha diverse carte da giocare e che può proporsi sia alla coppia dinamica, alla ricerca magari di due letti sempre pronti di ampie dimensioni, così come alla famiglia di tre o quattro persone che alla dinette classica e ai letti a castello posteriori del Flash S3, lungo sempre 599 cm, preferisce i due matrimoniali. Economico nel prezzo, ma con diverse caratteristiche mutuate dalla fascia media, non fornisce mai l’impressione di essere povero o poco curato, anzi. L’atmosfera che si respira una volta a bordo è infatti quella di un veicolo assemblato con buona cura, accogliente e con quella necessaria dose di praticità che lo sfruttamento degli spazi a disposizione in abitacoli compatti richiede.

Più grande dentro rispetto a quanto lo sia fuori, è ben calibrato rispetto all’equipaggio tipo, offrendo un living anteriore perfetto per tre o quattro persone, una cucina e una toilette compatte ma adeguatamente sfruttabili, due letti matrimoniali sempre pronti e uno stivaggio abbastanza ben organizzato anche se il garage posteriore non è tra i più grandi. Dotato di tutto ciò che serve a partire e con un equipaggiamento di serie più che completo rispetto al posizionamento del veicolo sul mercato, il Flash 01 può rappresentare una valida soluzione sia per il neofita che si avvicina al mondo dell’abitar viaggiando sia per il camperista già esperto: un veicolo, quindi, trasversale sia nella composizione del proprio equipaggio che in quella dell’acquirente. Certo, per contenere il prezzo di listino qualche rinuncia è necessaria: la meccanica di base è il Ford Transit 350 M con telaio Skeletal e non il più diffuso e richiesto Fiat Ducato, la canalizzazione del riscaldamento meriterebbe di coprire anche mansarda e garage e la presenza della classica rete a doghe in mansarda non avrebbe certamente sfigurato, ma in fondo ciò che serve c’è e le possibilità di implementare le dotazioni standard non mancano, magari attingendo ai pacchetti migliorativi previsti direttamente dal costruttore o a qualche accessorio extra, peraltro ampiamente consentiti dalla consistente portata utile garantita da una tara piuttosto contenuta.

Riferimenti e contatti del costruttore

Chausson
Trigano VDL – Av. de Rochebonne BP 109 – Tournon (F)
www.chausson-camper.it

Fotogallery

Si ringrazia per la gentile collaborazione Lubam 
Via Novara 558 – Milano
Tel. +39 023580544 – Fax +39 0233910442 – E-mail: info@lubam.it
www.lubam.it 

Michel

Comments are closed.