August 23, 2019

Dal 28 Settembre al 6 Ottobre, i padiglioni fieristici di Le Bourget hanno ospitato la 48 esima edizione del Salon des Véhicules de Loisirs, la principale kermesse francese dedicata al mondo dei veicoli ricreazionali. L’appuntamento parigino chiude il trittico iniziato a fine agosto con il Caravan Salon di Duesseldorf e proseguito poi con il Salone del Camper di Parma e rappresenta una tra le più importanti kermesse europee di settore, dedicata a un bacino di utenza secondo solo alla Germania e sempre più interessato a tutto ciò che ruota attorno ai camper, alle caravan e agli accessori, tanto da essere diventata, negli anni, un palcoscenico privilegiato per la presentazione di importanti novità da parte di diverse aziende.

Con 17.800 camper immatricolati nel 2012, infatti, la Francia si conferma il secondo mercato continentale, seppure in leggera flessione (-7,8%) rispetto all’anno precedente: una tendenza, questa, confermata anche per ciò che concerne le caravan (9050 nuove immatricolazioni, -13,4% rispetto al 2011). Il Salon des Véhicules de Loisirs rappresenta, di conseguenza, una vetrina fondamentale dedicata a un mercato ampio e variegato in paese capace non solo di assorbire una percentuale significativa della produzione europea quanto, soprattutto, di continuare a investire nella creazione di areee e di possibilità di sosta dedicate a tutti gli amanti e i fruitori dei veicoli ricreazionali e del turismo di movimento.

L’edizione 2013 del Salon des Véhicules de Loisirs ha visto la partecipazione di circa 200 espositori che hanno potuto sfruttare una superficie espositiva di oltre 100.000 metri quadri, dedicandoli all’esposizione delle gamme 2014 di camper, caravan, case mobili e accessori. Diverse le novità assolute, veicoli ancora non mostrati alle fiere di Duesseldorf e di Parma: vere e proprie anteprime assolute, con debutti eccellenti specie tra i costruttori transalpini che, come logico immaginare, svolgono la parte del leone, ma non solo: oltre, infatti, ai marchi francesi, la kermesse parigina è ormai un palcoscenico importante per diversi costruttori italiani e tedeschi i cui prodotti sono ormai molto ben radicati e apprezzati presso la clientela francese.

Speciale Salon des Véhicules de Loisirs – Tutte le novità, marchio per marchio, in un click!

3C Cartier

Autostar

Bavaria

Buerstner

Campérève

Carthago

Challenger

Dethleffs

Fleurette

Hymer

Laika

LeVoyageur

McLouis

Notin

Pilote

Rapido

RMB






Pianeta Francia

Spazi ampi, tantissimi veicoli esposti e stand ben allestiti per i principali costruttori francesi, con diverse novità di primo piano svelate proprio al Salone di Parigi: il Gruppo Trigano gioca in casa con i marchi Challenger e Chausson, la cui produzione è stata profondamente rinnovata nella concezione stessa delle gamme e delle planimetrie per un’offerta sempre più generalista che indirizza il cliente prima nel definire la tipologia costruttiva e la disposizione interna desiderata per poi passare alla definizione del livello di rifinitura e al dettaglio dell’accessoristica, il tutto in un’ottica molto vicina a quella del mondo automotive. Debutto per il nuovo motorhome Challenger Sirius 2098, frutto sviluppato sulla base della piattaforma Trigano Ajax 15, la stessa che offre i natali al nuovo Prestige I 720 LC di Autostar, nuova ammiraglia della storica azienda di Quintin che si posiziona al vertice dell’offerta del marchio francese a breve distanza dai grandi Athénor Amiral Edition. Sempre tra le aziende del Gruppo Trigano, luci della ribalta per Notin, che rinnova profondamente la propria gamma proponendo la nuova serie di profilati di fascia medio/alta Progress, su Fiat Ducato, e, all’opposto, con il nuovo integrale Florida su Mercedes-Benz Sprinter svela quale sarà l’indirizzo stilistico seguito da tutte le future generazioni di prodotti Notin.

Non è da meno il Gruppo Rapido, con la casa madre che all’ammiratissimo profilato compatto 640 vi affianca già la versione motorhome, dando vita, con il nuovo 840F, a una tra le più interessanti proposte nel campo degli integrali compatti. Sempre la factory di Mayenne continua a presidiare il mercato dei veicoli entry level con la nuova generazione di prodotti Itineo e scende pesantemente in campo tra i van con la specialista Campérève. Grande impegno, sempre tra le aziende che fanno capo a Rapido, per Fleurette, che se da un lato conferma in toto le linee Florium, dall’altro esegue un profondo restyling sulle gamme Migrateur e Discover, riviste nello stile, nelle dotazioni e, spesso, nelle disposizioni interne. Ampio e diversificato l’impegno di Pilote, con una maggiore differenziazione rispetto a Bavaria, una collezione sempre più ampia e capace di rispondere a ogni tipologia di esigenza e su più mercati (compreso quello inglese), e capace di presidiare, tramite i marchi LeVoyageur e RMB LeVoyageur anche le fasce alta e premium con prodotti personali e dall’eccellente tecnica costruttiva. Apprezzatissime, inoltre, le realizzazioni dello specialista francese 3C Cartier, in particolare lo scenografico integrale Atalante.

Pianeta Germania

La parte del leone la fa Buerstner: l’azienda di Kehl vede, nella Francia, uno dei propri principali mercati e non stupiscono l’ampiezza dello stand, la ricchezza dell’allestiemento e le tante proposte dedicate al gusto francese. Un’attenzione particolare che la clientela ha dimostrato di apprezzare premiando con un confortante successo le iniziative della factory tedesca, ultima delle quali la serie celebrativa Fifty-Five caratterizzata da dotazioni particolarmente complete a fronte di un prezzo allettante e competitivo. Discorso simile per Dethleffs, che ha scelto di proporre la nuova serie limitata Fourteen Limited Edition, e consueto apprezzamento per Hymer, specie per la nuova B-Klasse e per i compatti Exsis. Sempre tra le aziende tedesche, grande interesse per Carthago, che con i nuovi Malibu e la recentissima Compact-Line risponde alle esigenze di tutti coloro che desiderano associare alla consueta qualità dell’azienda tedesca anche dimensioni e prezzi più contenuti. Ammiratissimi i grandi Morelo Loft, Palace e Palace Liner, così come il prototipo del nuovo Home, allestito su Fiat Ducato con telaio AL-KO AMC. Grande successo per Frankia, con il nuovo Platin Edition capace di attirare l’attenzione di tutti coloro che ricercano un veicolo contraddistinto dall’ottima tecnica costruttiva, dagli spazi generosi e da una completissima dotazione di serie, così come Niesmann+Bischoff, con la nuova generazione Arto che si conferma tra le star indiscusse dei saloni. Ancora apprezzamento per le caravan e i camper Hobby, tra i pochi a offrire la possibilità di scelta tra le meccaniche di base Fiat e Renault, per i van LaStrada e per i grandi Phoenix, con il nuovo motorhome MidiLiner al centro dell’attenzione.

Pianeta Italia

Ampia e rappresentativa la delegazione del nostro paese al Salone di Parigi: presenze abituali quelle di Laika, con uno stand ampio e una novità assoluta, l’Ecovip 312, e di McLouis, che ha scelto la kermesse francese per lanciare il nuovo Karat Edition e i Memphis Van, primo frutto del nuovo corso Trigano. Ampio ed elegante lo stand Arca, dedicato ai recenti integrali ma caratterizzato anche dalla presenza dei sempre richiesti mansardati, così come quelli di Caravans International e Roller Team. Sempre tra i marchi di proprietà del Gruppo Trigano non sono mancate le proposte Elnagh e Mobilvetta, mentre è da segnalare come questa edizione del Salon abbia visto il debutto in terra transalpina di P.L.A. e di Yes Camper con uno stand ampio e una buona rappresentativa di veicoli. Ancora Italia con Giottiline, protagonista con i nuovi integrali G-Line, e con Wingamm: la celebre factory veronese ha riscosso un grandissimo consenso con le nuovissime monoscocche CitySuite e Oasi GrandCru, bissando il successo già ottenuto a Duesseldorf e a Parma.

Fotogallery

Michel

Comments are closed.