April 6, 2020

Impiantistica

L’impianto idrico conta su un serbatoio della capacità di 120 litri (parzializzabile in marcia a 60) in polietilene alimentare collocato all’interno della cassapanca dinette, il cui bocchettone d’ispezione e pulizia è accessibile tramite un’apertura circolare da 18 cm di diametro.

Le utenze, tutte con miscelatori monocomando (in metallo per bagno e doccia, in materiale plastico per la cucina) sono servite da un sistema con tubazioni retinate e una pompa a presostato Jabsco (azienda specialista nei sistemi nautici e per veicoli ricreazionali del Gruppo Britannico Xylem) Par-Max 2.9, caratterizzata da una portata nominale di 11 litri al minuto e collocata, come detto, in corrispondenza del gavone garage: non vicina al serbatoio ma entro i termini di distanza per il pescaggio ottimale indicati dal costruttore.

La raccolta delle acque grigie è garantita da un serbatoio da 90 litri coibentato collocato sotto il pianale, con condotto di scarico sul lato sinistro, utilizzabile anche con la già citata apposita prolunga collocata nel garage.

Le acque reflue vengono convogliate tramite tubazioni corrugate; le pilette di scarico (35 mm in cucina, 50 per bagno e doccia) sono tutte corredate da sifoni ispezionabili.

L’elettricità di bordo è fornita da una batteria servizi Varta da 95 Ah collocata in un gavone esterno, mentre l’impianto caricabatteria, con gruppo alimentatore Shaudt EBL 99, è inserito sotto il sedile guida sfruttando il “vassoio” originale della meccanica.

L’impianto elettrico si sviluppa per la maggior parte non sistemato in canalina. Va detto che è anche piuttosto esteso e complesso, dovendo servire un sistema d’illuminazione sofisticato che comprende anche l’illuminazione a led perimetrale dei pensili e del mobile cucina: scenografica, certo, ma anche utile a portare la luce all’interno dei vani. Gli altri punti luce, tutti a led, oltre ai già citati due spot in cabina, contano su una plafoniera centrale da 120 led più due spot sottopensile in living, due spot all’ingresso (che conta anche sulla retroilluminazione della maniglia di salita), altri due in cucina e tre in bagno corredati da una bella illuminazione perimetrale dello specchio. Ancora più ricercata l’illuminotecnica della zona notte, che, oltre a due spot orientabili e alla diffusione perimetrale sui pensili, annovera la retroilluminazione delle testate dei letti, nonché di luce anche per i gradini di salita, quest’ultima fornita da tre elementi lineari di 67, 54 e 41 cm.

Abbondanti le prese di corrente: ve ne sono in totale 4 a 12 V e sei a 220 V, così distribuite: due a 12V e due a 220 V in living (al servizio del porta tv lcd), una a 12V e una a 220 V sul mobile a fianco della cucina, una a 220 V per la cucina e altre due, sempre a 220 V, al servizio dei letti posteriori. Anche gli armadi beneficiano d’illuminazione automatica. Da segnalare, infine, la dotazione di una presa USB a beneficio della zona living, sotto il pensile, utile per ricaricare dispositivi mobili come smartphone o tablet.

Gli impianti di bordo sono controllati da un pannello di comando Shaudt IT98-2, semplice nella gestione ma completo nelle informazioni (carica delle due batterie servizi e motore, riempimento serbatoi, indicatori anomalie e collegamento alla corrente di terra) fornite da spie led e un indicatore analogico multifunzione.

L’impianto a gas è dotato di tre sezionatori ben collocati in comoda posizione sotto il piano cucina (vi si accede ribaltando un’anta), mentre il riscaldamento conta su un complesso Truma Combi da 4 kW, collocato sotto il letto di sinistra e ben raggiungibile per ispezione e manutenzione. Il calore è distribuito tramite cinque bocchette nell’abitacolo, più una per il garage, un’altra dedicata alla zona guida e la diffusione perimetrale a beneficio dei letti posteriori.

Mobili e tappezzerie

L’arredo, completamente rinnovato in questa stagione, adotta un design con linee molto nette e decise, caratterizzando tutto l’ambiente in modo giovanile e moderno, arricchito in questa sensazione dalla già citata illuminazione perimetrale dei pensili.

La costruzione del mobilio, di buon livello generale anche nelle finiture minori, si caratterizza per montanti laterali e basi pensili realizzati con un particolare sandwich che prevede due parti esterne in multistrato con interposto polistirene, per uno spessore globale di 30 mm: si tratta di un sistema piuttosto diffuso nelle realizzazioni nordeuropee che ha lo scopo di associare una buona solidità alla leggerezza globale. Le ante in multistrato hanno uno spessore di 15 mm, mentre 9 sono i millimetri che caratterizzano i ripiani interni dei pensili e dei vani di stivaggio.

Tutti i pensili sono forniti di aerazione anticondensa, così come sono presenti le paretine con la stessa funzione per dinette e letti posteriori. Le ante sono dotate di cerniere inox e l’apertura è assistita da pistoncini. I pensili hanno ampie maniglie in metallo cromato, così come i cassetti della cucina, mentre per le ante del bagno e degli armadi sono utilizzati i tradizionali pulsanti “Push-Lock”. Le serrature di chiusura sono in materiale plastico. Il piano cucina e il tavolo hanno uno spessore di 30 mm e sono rivestiti di laminato antigraffio.


Due le possibili configurazioni per il mobilio: il veicolo in test, dotato della variante “Amarant” fornita di serie, è caratterizzato da una colorazione media della struttura, con un’essenza più chiara per ante e sportelli che riportano un rivestimento corrugato “effetto venatura”. La configurazione opzionale (senza sovrapprezzo) “Aceto” si segnala per un maggiore contrasto tra la struttura scura e ante color crema.

Un discorso a parte, e meritatamente complesso, merita la tappezzeria. Bürstner, infatti, per il nuovo anno ha sviluppato un concetto di allestimento interno particolarmente articolato, basato sulla combinazione tra le tappezzerie vere e proprie e le cuscinerie da abbinare in una vastissima serie di combinazioni possibili. La gamma Viseo ha a disposizione quattro serie di tappezzeria a scelta senza sovrapprezzo, due in tessuto e altrettante in ecopelle, ognuna abbinabile a ben otto tipologie di cuscini. Con sovrapprezzo, poi, è possibile optare per due varianti in tappezzeria Nova (il particolare tessuto esclusivo Bürstner) abbinabili con cinque varianti di cuscini e, infine, due varianti in pelle con cuscini coordinati. In più, la Casa permette di poter acquistare successivamente una nuova serie di cuscini diversa da quella fornita in origine, così da poter cambiare “faccia” al proprio veicolo dopo un po’ di tempo, rinnovando l’ambiente.
Il veicolo in test è con tappezzeria in tessuto “Muskat” e cuscineria “Walls”, una combinazione sobria ed elegante, fatta da elementi di buona qualità e resistenza.

Beppe Finello

Comments are closed.