March 31, 2020


Impiantistica

L’autonomia idrica è affidata a un serbatoio da 100 litri realizzato in polietilene lineare alimentare posizionato sotto al blocco cucina, nella parte interna della penisola a L: non raggiungibile se non rimuovendo il fondo del vicino stipetto a sviluppo verticale, il serbatoio è servito dal classico bocchettone esterno di rifornimento, completo di sistema di sfiato. L’impianto, realizzato sfruttando tubazioni in rilsan con innesti tipo John Guest, può contare su una pompa a pressostato Shurflo Trail King 7 collocata nella parte inferiore del divano frontemarcia, facilmente accessibile.

L’acqua, erogata da rubinetti miscelatori moncomando in metallo cromato, è raccolta da pilette di scarico in acciaio inossidabile da 35 mm di diametro (in plastica da 20 mm per la doccia) e incanalata, tramite tubazioni corrugate, fino al serbatoio di recupero da 105 litri, collocato esternamente in coda al veicolo e servito dalla classica saracinesca di scarico.

Alcune tratte delle tubazioni di scarico sono esterne: se si prevede di utilizzare il veicolo durante la stagione invernale è pertanto consigliabile ordinare il Magis 35XT dotato del Thermo Pack comprensivo della coibentazione delle tubazioni esterne e del riscaldatore elettrico termostatato del serbatoio delle acque grigie.

Sempre per ciò che riguarda l’impianto idrico, il Magis 35 XT può contare su un wc a cassetta Thetford C200 completo di tazza girevole e serbatoio asportabile da 17 litri.

L’impianto elettrico conta sul trasformatore e caricabatteria Nordelettronica NE134P posizionato sotto alla poltrona del guidatore in cabina di guida: dotato di staccabatteria, il caricabatterie è collocato a fianco alla batteria dei servizi, opzionale (sul veicolo oggetto di questo CamperOnTest è stata montata una Varta AGM da 95Ah).

Sempre fornito da Nordelettronica, il pannello di comando delle utenze elettriche è collocato sopra alla porta di ingresso: piuttosto semplice nell’utilizzo, consente, tramite 8 pulsanti touch screen, di comandare le varie utenze elettriche di bordo (generale 12V, illuminazione, pompa dell’acqua, eventuale luce esterna, eventuale termometro esterno) e di ottenere informazioni circa l’autonomia energetica (batteria motore e batteria servizi) e l’autonomia idrica (serbatoio acqua potabile e recupero).

L’illuminazione interna, realizzata interamente a led, si affida a otto spot inseriti nel sottobasculante e disposti a ottagono pensati per illuminare la zona living: questo ambiente, inoltre, può contare anche su due spot incassati sul lato sinistro, sopra a divano a L, utili come luci di lettura.

La zona posteriore può contare su una doppia plafoniera a soffitto dotata di comando soft-touch, di regolazione dell’intensità luminosa e di una doppia luce (bianco superbright o blu scenografico) mentre il vicino blocco cucina si affida al classico tubo da 20 led incastonato alla base dei pensili superiori.

Ancora una plafoniera a doppia luce e comando soft-touch serve poi la toilette, mentre il letto basculante può contare su un tubo centrale da 20 led; a pavimento, infine, sono presenti quattro scenografici led marcapasso blu. Sempre per ciò che concerne l’impianto elettrico, il Magis 35 XT può contare su due prese a 12V (cabina di guida e vano tv) e su tre a 220V (cucina, vano tv e toilette).

Il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria sono affidati alla Truma Combi 4: alimentata a gas, dotata di boiler ad accumulo integrato da 10 litri, collocata all’interno della cassapanca frontemarcia del living anteriore e accessibile tramite un portello superiore da 90×50 cm, offre una potenza nominale di 4kW distribuiti tramite una ventola in grado di generare un flusso di 327 metri cubi di aria all’ora in una canalizzazione di sette bocchette distribuite su tutta la superficie del veicolo.

Il pannello di comando, così come la sonda termostatica, sono collocate sopra la porta di ingresso, accanto al pannello di comando delle utenze elettriche.

L’impianto gas conta su tre sezionatori sistemati all’interno del blocco cucina e facilmente accessibili: gestiscono il propellente stivato nella bombola da 15 kg (o nelle due da 10 kg) alloggiabili nell’apposito vano esterno ricavato nella parte anteriore destra del veicolo e servite dal riduttore di pressione Cavagna Group da 30Mbar.

Mobili e tappezzerie

Completamente restilizzati, moderni e personali, gli arredi sono realizzati in multistrato nobilitato da 12 mm di spessore. Di linea semplice, il mobilio opta per tinte chiare capaci di dilatare gli spazi e far risaltare l’ottima luminosità conferita all’ambiente dalle abbondanti superfici vetrate di finestre e oblò panoramici, abbinando pannelli dei pensili superiori laccati bianco lucido e contraddistinti a un piacevole doppio motivo cromato che ne spezza i volumi. Le linee dell’arredamento, volutamente molto tese, conferiscono all’allestimento un aspetto piacevolmente contemporaneo, impressione sottolineata anche dall’originale abbinamento del piano di calpestio in linoleum che riproduce un classico parquet ad assi sbiancate.

Il mobilio, come detto, sfrutta per la costruzione multistrati bilaminati da 12 mm di spessore a superficie piana, con cerniere Spreafico in acciaio inox e chiusura dei pensili tramite appositi arresti posteriori a scomparsa. Il mobilio, dotato di abbondanti areazioni anticondensa (sia posteriori che superiori), è provvisto di gommini antivibrazione per i cassetti e le ante dei pensili, mentre per ciò che concerne le maniglie, oltre ai classici push-lock cromati il Magis può contare anche su eleganti elementi in metallo cromato utili, nel blocco cucina, anche come porta asciugamani.

Non mancano, poi, alcuni complementi di arredo in acciaio inossidabile (tipicamente la mensola triangolare della parete posteriore della toilette) che, alla mera funzione estetica, abbina anche il compito di irrigidire la componente in questione, mentre la toilette e la doccia sfruttano un gran numero di elementi in metacrilato e in termoformato, leggero, abbastanza resistente e facile da pulire. I piani laminati antigraffio di cucina e zona living, infine, vantano uno spessore di 15 mm.

Le sellerie interne, disponibili in tre varianti (Cappuccino, presente sull’esemplare provato, Espresso e Ivory) sfruttano cuscinerie con spessori compresi tra i 12 cm delle sedute e i 22 degli schienali, con questi ultimi composti da un cuscino inferiore sagomato da 13 cm abbinato a un morbido e confortevole sovracuscino da 9 cm di spessore mantenuto in sede da una apposita applicazione in velcro.

Il letto basculante, invece, opta per un materasso in gommapiuma da 10 cm adeguatamente sorretto da una rete a doghe.

Michel

Comments are closed.