April 7, 2020

Impiantistica

L’autonomia idrica è affidata a un serbatoio da 100 litri realizzato in polietilene lineare alimentare posizionato nella cassapanca della dinette, raggiungibile tramite un’apertura di 87×53 cm, L’impianto, realizzato sfruttando tubazioni in rilsan con innesti tipo John Guest, può contare su una pompa a pressostato Shurflo Trail King 7 collocata nella parte inferiore del blocco cucina, in posizione un po’ complicata da raggiungere.

L’acqua, erogata da rubinetti miscelatori monocomando in metallo cromato, è raccolta da pilette di scarico (prive di sifoni) in acciaio inossidabile da 35 mm di diametro (in plastica da 20 mm per la doccia) e incanalata, tramite tubazioni corrugate, fino al serbatoio di recupero da 108 litri, collocato esternamente in coda al veicolo e servito dalla classica saracinesca di scarico.

L’impianto elettrico conta sul trasformatore e caricabatteria Nordelettronica NE134P posizionato sotto il sedile di guida: dotato di staccabatteria, il caricabatterie è collocato a fianco alla batteria dei servizi, opzionale (sul veicolo oggetto di questo CamperOnTest è stata montata una Yellow Top da 95Ah).

Sempre fornito da Nordelettronica, il pannello di comando delle utenze elettriche è collocato sopra il frigorifero e consente, tramite 8 pulsanti touch screen, di comandare le varie utenze elettriche di bordo (generale 12V, illuminazione, pompa dell’acqua, eventuale luce esterna, eventuale termometro esterno) e di ottenere informazioni circa l’autonomia energetica (batteria motore e batteria servizi), l’autonomia idrica (serbatoio acqua potabile e recupero) e la temperatura interna, mentre il sensore per la temperatura esterna è opzionale.

L’illuminazione interna, realizzata quasi interamente a led, si affida a sei spot inseriti nel sottobasculante pensati per illuminare la zona living: questo ambiente, inoltre, può contare anche su due strisce a led da 12 elementi, posizionate sotto i pensili sui due lati. Stessa dotazione anche per la cucina, mentre al corridoio centrale provvedono due plafoniere da 24 led (la sonda posizionata in modo da servire anche la zona notte posteriore) dotate di regolazione dell’intensità luminosa e di una doppia luce (bianco superbright o blu scenografico).

Un’altra plafoniera con la stessa funzionalità (ma con dimensioni dimezzate) è prevista per il locale bagno, dotato anche di due spot alogeni, mentre due spot led sono ad appannaggio del box doccia. Due luci orientabili di lettura servono i letti singoli posteriori, e un tubo led è dedicato agli occupanti del letto basculante. A pavimento, infine, e sui gradini di salita ai letti posteriori, sono presenti scenografici led marcapasso blu. Sempre per ciò che concerne l’impianto elettrico, si registra la dotazione di due prese a 12V (vano tv e letti posteriori) e quattro a 220V (cucina, vano tv, letti posteriori e toilette).

Il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria sono affidati alla Truma Combi 4: alimentata a gas, dotata di boiler ad accumulo integrato da 10 litri, è collocata sotto il letto di destra. Offre una potenza nominale di 4kW distribuita tramite sette bocchette distribuite su tutta la superficie del veicolo (comprese quella specificatamente dedicate ai letti posteriori e al box doccia), più una per il gavone garage. Il pannello di comando, così come la sonda termostatica, sono collocate sopra il frigorifero, accanto al pannello di comando delle utenze elettriche.

L’impianto gas conta su tre sezionatori sistemati all’interno del blocco cucina e facilmente accessibili.

Mobili e tappezzerie

Molto moderni e personali, gli arredi sono realizzati in multistrato nobilitato da 12 mm di spessore. Il mobilio adotta un’essenza scura in un riuscito contrasto cromatico con pannelli dei pensili superiori laccati bianco lucido e contraddistinti a un piacevole doppio motivo cromato che ne spezza i volumi. Le linee dell’arredamento, volutamente molto tese, conferiscono all’allestimento un aspetto piacevolmente contemporaneo, impressione sottolineata anche dall’originale abbinamento del piano di calpestio in linoleum che riproduce un classico parquet ad assi sbiancate.

I pensili sono dotati di cerniere DGN in acciaio inox e chiusura tramite appositi arresti posteriori a scomparsa. Il mobilio, dotato di areazioni anticondensa (sia posteriori che superiori), è provvisto di gommini antivibrazione per i cassetti e le ante dei pensili, mentre per ciò che concerne le maniglie, oltre ai classici push-lock cromati, sono presenti eleganti elementi in metallo cromato utili, nel blocco cucina, anche come porta asciugamani.

I piani laminati antigraffio di cucina e tavolo, infine, vantano uno spessore rispettivamente di 15 e 30 mm.
Le sellerie interne, disponibili in tre varianti (Cappuccino, presente sull’esemplare provato, Espresso e Ivory) sfruttano cuscinerie con spessori compresi tra i 12 cm delle sedute e i 22 degli schienali, con questi ultimi composti da un cuscino inferiore sagomato da 13 cm abbinato a un morbido e confortevole sovracuscino da 9 cm di spessore mantenuto in sede da una apposita applicazione in velcro.
Il letto basculante, invece, opta per un materasso in gommapiuma da 10 cm adeguatamente sorretto da una rete a doghe, mentre i letti posteriori, privi di rete a doghe, sono dotati di materassi in due sezioni (per premettere l’utilizzo dell’accesso superiore agli armadi) con spessore anche in questo caso di 10 cm.

Beppe Finello

Comments are closed.