November 14, 2019

sagra_delle_fettuccine_casaprotaDal 12 al 13 agosto l’antico borgo di Casaprota (RI), mette in scena la 39° edizione della “Sagra delle fettuccine ai funghi porcini”, una ricetta tipica della tradizione contadina che viene realizzata con materie prime del posto: uova, farina, funghi porcini e ovviamente olio extravergine di oliva. I gustosi funghi porcini, abbondanti sui Monti Sabini e l’immancabile olio dal tipico colore giallo dorato conferiranno alle fettuccine un sapore intenso e aromatico tutto da gustare.

Lo stand gastronomico aprirà alle 19:00 e, dopo le fettuccine, i più golosi potranno assaggiare la carne condita sempre con i funghi ed altre gustose tipicità locali. La Sagra si inserisce nel ricco programma del Ferragosto Casaprotano, che tra i tanti appuntamenti di rilievo propone, giovedì 14, il concerto gratuito di Donatella Rettore. Giochi, tornei e animazioni per grandi e piccoli non mancheranno nemmeno in questa edizione per far trascorrere ai turisti giornate all’insegna dell’allegria e della spensieratezza.

10559790_705181269519595_821178607982220897_n

Casaprota, che sorge al km 56 della via Salaria, è un piccolo e grazioso borgo appartenuto all’Abbazia di Farfa, addossato ad un antico Castello. Di epoca romana sono le prime tracce e i primi insediamenti presenti nel territorio, dove i reperti delle ville e le iscrizioni sono sparse un po’ ovunque: per chi vuole dedicarsi alle escursioni, gli emblemi di un passato glorioso testimoniate da rovine romane e medievali – con tesori d’arte ben nascosti – saranno l’ambientazione degli itinerari da percorrere a piedi, in mountain bike o a cavallo. La porta di accesso a Casaprota, di età rinascimentale, mostra gli alloggiamenti in pietra per i cardini del portone e la copertura interna con una volta a botte; e l’antico palazzo signorile – oggi Filippi – che si erge nella parte più alta del paese, presenta una facciata essenziale nella quale si aprono finestre cinquecentesche, sulla quale si staglia una torre circolare.

Tra scorci mozzafiato e coltivazioni rigogliose, le piante di olivo restano comunque le grandi protagoniste del paesaggio della Sabina; le caratteristiche organolettiche tipiche di questo territorio fanno sì che il suo olio sia uno dei migliori d’Italia: un motivo in più per raggiungere Casaprota, circondata da una natura incontaminata fra colline dai mille colori, immersi fra sapori e aromi da riscoprire in tavola con i piatti tipici della tradizione.

Per conoscere le possibilità di sosta camper della zona fare clic su Sosta – Aree di sosta camper.

Cinzia

Comments are closed.