August 6, 2020

logopalioSangioveseA Borgo Maggiore (San Marino) il 26 giugno prenderà il via la seconda edizione del Palio del Sangiovese, una tre giorni all’insegna del vino d’eccellenza, con banchi d’assaggio, abbinamenti con le tipicità del territorio, mostre e convegni. Il tutto allestito nei luoghi della memoria, utilizzando come palcoscenico dell’evento, le strette vie del centro storico, i vecchi negozi e le antiche cantine scavate a decine sotto i medievali palazzi del Borgo.

Una grande festa del vino, il cui protagonista principale è il vitigno sangiovese, terroir d’eccellenza della Romagna, con illustri ospiti dalle Marche, Toscana e Umbria, oltre naturalmente alla Repubblica di San Marino.

Venerdì 26 giugno, dalle ore 18,00, inaugurazione del Palio e apertura degli stand gastronomici e delle cantine. A seguire alle 21,30 glam music con le note e l’energia degli Smoma: tromba, sax, chitarra e voce femminile carica di colori.

Sabato 27 apertura alle 11,00, tavola rotonda ospitata sotto il loggiato alle porte del centro del Borgo sul tema ‘Enogastronomia nelle terre del Sangiovese: profili ludici, culturali e sociali’. Ospiti del dibattito enologi, agronomi, giornalisti e sommelier per un confronto tra produttori ed operatori esperti del settore. Alle 18,30 ‘Vino e bellezza’ con un inedito incontro tra vino e fascino femminile raccontato attraverso tre proposte enologiche, a cura del Consorzio Vini tipici di San Marino
Alle 20,00 show cooking condotto da uno chef d’eccezione che insieme a un sommelier si cimenteranno sul tema dell’abbinamento cibo tipico-sangiovese.

Giornata clou quella di domenica 28 giugno con l’apertura degli stand gastronomici e delle cantine alle 18,00, e alle 21,00 la premiazione dei vincitori del Palio del Sangiovese 2015.banner-palioSangiovese

Nel corso della tre giorni ci sarà spazio per l’arte, protagonista la ceramica sammarinese che ha raggiunto nella prima metà del ‘900 altissime vette di qualità e creatività. In esposizione una selezione di pezzi di un collezionista sammarinese sul tema del vino. Non solo. Nelle tre sale della Casa del Castello saranno presentati versatoi in ceramica di esclusiva produzione sammarinese dei primi anni del ‘900 e una serie di bottiglie “Drioli” di produzione Marmaca. Una sala invece sarà dedicata alla storia dello stemma della Repubblica nella ceramica, in mostra pezzi unici per appassionati e curiosi.

Tanti i sapori tipici con le proposte più svariate: dall’asado argentino al pane della Romagna rappresentato dalla piadina, dai pescatori di Cesenatico alle lumache fritte di una coltivazione biologica della Valmarecchia.

In questa seconda edizione del Palio ci sarà una nutrita rappresentanza dei vini in concorso con una presenza dalla Romagna e dal Titano, e ospiti illustri da Marche, Toscana e Umbria. A degustarli prima e giudicarli poi una giuria tecnica, a cui prendono parte sommelier ed esperti dell’enologia nazionale. Ad affiancarla anche una giuria popolare composta dal pubblico dei degustatori, con possibilità di voto per il pubblico nelle giornate di venerdì e sabato dalle 18,00 alle 24,00 (la proclamazione dei vincitori, è per domenica alle ore 21,00).Borgo Maggiore dall'alto

Sorto nella Repubblica di San Marino nel XII secolo, l’antico distretto di Borgo Maggiore, Patrimonio dell’Umanità Unesco dal 2008, vanta una lunga storia ricca di tradizioni e una particolarità che riguarda la forte proliferazione all’interno del nucleo storico di antiche cantine, molte delle quali scavate nella roccia e utilizzate per la produzione e la conservazione del vino.
Il Borgo, in sammarinese E Bòrgh, già agli inizi del 1700 era noto infatti per il numero e “la prodigiosa freschezza delle sue grotte, ove conservansi delicati vini’, come scriveva Luc’Antonio Gentili da Torricella nella sua ‘Relazione su San Marino’. E ancora, l’Archiatra Pontificio Gianmaia Lancisi, sostando nel borgo per uno spuntino, scriveva “E chi il prezioso vino, che zampillando dalle freschissime grotte, che colà sono, invitava ancora i golosi della cioccolata ad assaporarne un tantino”.

Così in occasione del Palio, il Sangiovese torna a scorrere in molte di queste cantine che si riaprono al pubblico, rinnovando così l’antica tradizione del vino nelle grotte. Fra le più popolari per freschezza naturale si ricordano ancora oggi, la Grotta Natalucci-Fabbi, le Cantine Venturini e la Cantina Filippi.

L’evento è organizzato dall’Associazione Il Nuovo Mercatale e dall’Associazione Sommelier R.S.M., e con il patrocinio della Giunta di Castello di Borgo Maggiore e delle Segreterie Turismo, Cultura, Interni e Industria della Repubblica di San Marino.

Per maggiori info: facebook ‘Palio del Sangiovese’.

Per conoscere le possibilità di sosta in zona cliccare su SOSTA – Aree di sosta camper.

Cinzia

Comments are closed.