October 17, 2019

Mobilvetta-MH85

Stile, tecnica e dotazioni in crescita per il nuovo motorhome di casa Mobilvetta: dedicato alla coppia, ma ottimo per un equipaggio di quattro persone, il nuovo K-Yacht Tekno Line MH 85 propone uno dei layout oggi più richiesti, quello con letti gemelli su garage, a un design piacevolmente moderno e automobilistico.

In sintesi

KY85TL

Tipologia Motorhome
Meccanica Fiat Ducato 35 L
130 Multijet
Motorizzazione di base 2.286 cc – 130 cv
Motorizzazioni opt. 2.286 cc – 148 cv
2.999 cc – 177 cv
Posti omologati 4
Posti letto 4
Dimensioni 738x235x289 cm
Spessore pav./pareti/tetto 54/33/33 mm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 3.162 Kg
Prezzo Euro 77.000

 

L’analisi

Chi ha un po’ di esperienza nel settore dei veicoli ricreazionali, sa bene quanto il nome Yacht sia importante nella storia Mobilvetta: anche se lo Yacht non è stato il primo integrale del celebre marchio toscano, preceduto di qualche anno dai vari Falco, Cardellino e Foxy, è stato però quello capace di imprimere una svolta significativa nel modo stesso di concepire il motorhome. Lanciato nel 1987 e proposto su meccanica Iveco Daily e Fiat Ducato, Yacht è stato il primo a introdurre una cabina di guida di tipo automobilistico, realizzata in vetroresina e dotata alzacristalli discendenti, di una porta e di un design davvero automotive. Una tradizione rinnovata, qualche anno più tardi, nel 1994, con l’EuroYacht, avveniristico nel design e modernissimo, una volta di più, nella concezione della carrozzeria integrale, giocata su forme morbide e vera e propria pietra miliare prodotta per 10 anni senza mai passare di moda, un periodo nel quale Mobilvetta ha saputo cresce e sperimentare soluzioni diverse, passando con invidiabile disinvoltura dai motorhome compatti, gli Habitat-Car, fino agli esclusivi BlueLine disegnati da Bruno Giardino. Tornato in auge nel 2009 dopo una brevissima assenza, abbinato alla K di Kea, gamma da cui la serie di motorhome mutuava interni e layout, il nome Yacht è ormai un vero e proprio marchio di fabbrica: logico, quindi, che anche la nuovissima generazione Tekno Line, evoluzione dei fortunati, longevi e tuttora validi K-Yacht, possa fregiarsene, andando così a scrivere un nuova pagina nella storia di un brand, Mobilvetta, che dopo un periodo di leggero appannamento ha dispiegato imponenti risorse per tornare a essere un punto di riferimento e non solo in Italia.
Fatto salvo il nome, K-Yacht, il nuovo Tekno Line non ha altri riferimenti al passato: l’ultimo nato nella factory di Poggibonsi è un motorhome piacevole, moderno, accattivante e unico nello stile, che richiama in alcuni dettagli il progenitore K-Yacht ma che intende brillare di luce propria, non riflessa.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-015

Elegante, con un frontale contraddistinto da un ampio parabrezza panoramico, il nuovo arrivato opta per un design sportivo: linee tese a disegnare una calandra a V con gruppi ottici circolari e DRL inserite in una piacevole mascherina antracite metallizzato, ampio cofano motore, adeguate prese d’aria dedicate al propulsore e una costruzione pensata per offrire anche possibilità di riparazione (o sostituzione) delle parti più esposte, in caso di necessità, sembrano voler aggredire la strada. Una sensazione di dinamica aggressività sottolineata dalla collocazione, nel retrocofano, delle spazzole tergicristallo, ben protette, e dall’impiego di montanti anteriori dallo spessore contenuto al fine di massimizzare la panoramicità a servizio del conducente, affinché possa beneficiare di un reale controllo sugli ingombri del veicolo, che trova conferma nei rinnovati specchi retrovisori discendenti, ben inseriti nell’estetica generale e, soprattutto, ben posizionati, e nell’utilizzo di cristalli laterali in vetrocamera, con chiusura a filo piacevole e utile a non creare turbolenze anche ad alta velocità.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-001
Una pulizia del design che va a inglobare bene la porta dedicata al guidatore, fornita da Dometic e provvista di serratura di sicurezza a doppio aggancio, controstampo interno attrezzato e alzavetro elettrico con cristallo completo di camera d’aria, e che si conferma nell’andamento della fiancata, piacevole e lineare, con il tetto a conchiglia raccordato direttamente con le pareti a proseguire lo stile fluido introdotto dal frontale e una bandellatura inferiore tono su tono (antracite metallizzato a contrasto con il bianco della scocca) che utilizza appositi elementi presagomati in alluminio.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-013

Classico per i prodotti della casa toscana è poi il personale posteriore, con un quadro perimetrale in abs a inglobare la fanaleria a led, disposta verticalmente, e a offrire, in caso di necessità, la possibilità di interventi di riparazione e sostituzione mirati grazie all’utilizzo di un totale di sei componenti prestampate.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-008

Il design esterno si completa, poi, con le moderne finestre Dometic S4 D-Lux, complete di telaio in poliuretano nero e lastra esterna brunita per un look più automobilistico, con la porta di ingresso, fornita sempre da Dometic e corredata da luce esterna a led, doppio gradino integrato e zanzariera scorrevole, e da portelli dedicati alle aperture di servizio completi di telaio in alluminio preverniciato.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLin

Una delle peculiarità del nuovo K-Yacht TeknoLine è, però, quella di introdurre non solo una nuova scocca ma, per Mobilvetta, una nuova concezione nell’assemblaggio e nello sviluppo della stessa: la nuova serie di integrali, così come tutta la produzione 2016, opta infatti per la nuova nuova scocca iTech 4.0, evoluzione della iTech 3.0 introdotta lo scorso anno e contraddistinta dalla totale eliminazione di qualunque componente in legno dalla struttura di pavimento, pareti e tetto. Il pavimento, da 54 mm di spessore, è costituito da un sandwich con doppio rivestimento interno ed esterno in vetroresina pigmentata, coibentazione in polistirene estruso (Styrofoam), telaio perimetrale e interno in speciale resina composita e rivestimento interno con un nuovo laminato in pvc antiscivolo e resistente all’abrasione e rivisto nel design interno che ora imita a dovere le classiche piastrelle di stampo domestico. Il pavimento, pensato per offrire massima impermeabilità e migliore coibentazione termica, rigidità alle torsioni e maggiore stabilità, resistenza all’usura e maggiore leggerezza, è abbinato al telaio ribassato Fiat Camping Car Special grazie a un apposito supporto elastico insonorizzante pensato per evitare vibrazioni e sollecitazioni alla struttura. La nuova scocca iTech 4.0 conferma, inoltre, la struttura delle pareti, con doppio rivestimento interno ed esterno in vetroresina (1.8 e 1.4 mm), coibentazione in polistirene estruso (30 mm), struttura perimetrale in resina composita e rinforzi interni in dischi di resina bicomposita, leggeri e al contempo resistenti, mentre del tutto nuova è la costruzione del tetto, ora identica a quella delle pareti e, pertanto, completamente esente da componenti in legno.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-002
Oltre alla nuova scocca, la nuova gamma TeknoLine porta con sè due importanti novità: la prima è rappresentata dall’adozione di un doppio pavimento tecnico, alto 13 cm, presente su tutta la lunghezza dell’abitacolo e con larghezza limitata a quella dei longheroni del telaio Fiat ribassato. Ottenuta carenando in polipropilene esalight alveolare la struttura di collegamento tra chassis e pavimento, l’intercapedine è pensata per ospitare, al proprio interno, parte dell’impiantistica di bordo (essenzialmente le componenti elettriche, le canalizzazioni dell’aria calda e alcune tratte dell’impianto idrico), accrescere la coibentazione del veicolo e offrire, grazie ad appositi vani ribassati ad accesso esterno, utili spazi liberi per lo stivaggio.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-005

Integrati nelle bandelle inferiori, infatti, due portelli (uno per ciascun lato), permettono di raggiungere due vani da 105x31x30 cm (fiancata sinistra) e 70x31x33 cm (fiancata destra), spazi che vanno a sommarsi ad alcune botole integrate nel pavimento e dedicate allo stivaggio di oggetti di dimensioni più contenute, e l’ormai classico portabottiglie ribassato.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-012

Da notare, poi, come il piano di calpestio possa essere riscaldato elettricamente grazie ad apposite resistenze integrate (utilizzabili quando connessi alla rete elettrica a 220V), mentre particolarmente interessante è la realizzazione del tetto, in linea per stile e tecnica con quanto introdotto da Mobilvetta, a suo tempo, sui profilati Kea P.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-009

Il K-Yacht MH 85, così come tutti i nuovi TeknoLine, può infatti contare su un tetto monoblocco in vetroresina con copertura “a conchiglia”, capace cioè si sostituire i classici cantonali andando a raccordarsi direttamente con la parte superiore delle pareti laterali grazie a una curvatura a raggio di 16 cm. Il tetto, in particolare, si compone di un guscio esterno in vetroresina da 1,8 mm di spessore, coibentazione in polistirolo da 27 mm (densità 35kg/m3) e rivestimento interno in multistrato da 3 mm rifinito con finta pelle per uno spessore complessivo di 33 mm. La congiunzione con la parete avviene sfruttando un apposito profilo interno sagomato in alluminio, adeguatamente coibentato da uno strato di polistirolo (densità 25 kg/m3) e protetto, all’esterno, dal già citato guscio in vetroresina che incontra la lastra esterna in fibra di vetro della parete laterale sfruttando un secondo apposito profilo in alluminio, sagomato a C e non tangente rispetto a quello interno per evitare ogni possibilità di ponte termico.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-016

Un motorhome piacevolmente moderno nello stile e nella concezione, quindi, che sceglie di affidarsi, per ciò che concerne la meccanica di base, al telaio oggi più utilizzato per questa tipologia di realizzazioni, il Fiat Ducato 35 Light con telaio ribassato Camping-Car Special: disponibile con tre diverse motorizzazioni (2.3 Multijet 130 cv, 2.3 Multijet con turbina a geometria variabile 148 cv, 3.0 Multijet Power 177 cv), il K-Yacht TeknoLine offre di serie un equipaggiamento completo, comprensivo di ABS con EBD, cerchi in lega e pneumatici maggiorati da 16 pollici, volante e pomello del cambio rivestiti in pelle, climatizzatore automatico e, per ciò che concerne la sicurezza, ESP, Traction+, Hill-Descent-Control, Hill-Holder e l’utilissimo Tempomat.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-024

Ancora per ciò che riguarda la meccanica di base, tutti i modelli optano per oscuranti plissettati a servizio dei cristalli in cabina di guida, poltrone Aguti con braccioli, piastre girevoli e cinture integrate, alzavetro elettrico porta conducente, specchi retrovisori elettrici con doppia lente, luci diurne a led, cruscotto con finitura bocchette aerazione in bronzo, quadro portastrumenti con elementi cromati, predisposizione radio con altoparlanti in cabina e antenna integrata allo specchietto esterno.

A livello di modelli, la gamma TeknoLine si caratterizza per un bouquet di cinque diverse proposte: di queste tre contengono la lunghezza complessiva entro i sette metri (MH 80, MH 84 e MH 87), mentre due (MH 85 e MH 89) sfiorano i sette metri e mezzo, proponendosi, di conseguenza, a equipaggi desiderosi di poter contare su abitacoli comodi e ricchi di spazi interni.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-003

Lungo 738 cm, il nuovissimo M-Yacht TeknoLine MH 85 è uno dei modelli più interessanti della nuova collezione Mobilvetta: un motorhome dedicato alla coppia, così come alla famiglia di quattro persone, contraddistinto da una pianta oggi tra le più gettonate, quella con letti gemelli posteriori su maxi garage passante.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-006

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-010

Un vano, quello dedicato al carico di oggetti ingombranti, moto e bici in primis, dotato di fondo in lamiera mandorlata coibentata, sul lato esterno, da Trocellen CS, servito da due portelli simmetrici da 117×92 cm e capace di offrire uno spazio interno regolare (217x115x123 cm), provvisto di riscaldamento, illuminazione, ganci di fissaggio del carico riposizionabili grazie alla loro collocazione su appositi binari e, soprattutto, di facile accesso, con una soglia di carico a 52 cm da terra e una complanarità pressoché perfetta tra portelli e fondo del vano, peraltro ben sorretto da una struttura di rinforzo inferiore imbullonata ai longheroni originali del telaio Fiat. Questo, poi, è adottato in versione con passo lungo (403,5 cm) al fine di consentire un buon equilibrio tra meccanica e scocca, con sbalzi anteriori e posteriori rispettivamente di 100.6 e 233.9 cm.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-009

Sempre per ciò che concerne le dimensioni, poi, l’altezza complessiva si attesta sui 289 cm (200 quella interna al centro dell’abitacolo), mentre la larghezza è di 235 cm. Quattro i posti omologati: per ciò che concerne i pesi, infine, i valori in ordine di marcia, per un veicolo equipaggiato di motorizzazione da 2.3 litri, si attestano a 3162 kg, lasciando un utile di 338 kg.

Gli impianti

L’autonomia idrica è affidata a un serbatoio da 120 litri realizzato in polietilene lineare alimentare e posizionato all’interno della cassapanca frontemarcia del living anteriore, accessibile attraverso una apposita botola.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-031

Collegato direttamente al bocchettone di carico e dotato di sfiato, il serbatoio è dotato di tappo a vite per l’ispezione e la pulizia interna ed è servito da una pompa a pressostato Shurflo Trail King 7 da 7 litri/minuto posizionata in un incavo dello stesso.

Realizzato sfruttando tubi in rilsan divisi per contenuto e colore, l’impianto idrico adotta raccorderie tipo John Guest e conduce l’acqua fino alle utenze. Queste possono contare su rubinetti monocomando in acciaio inox, su pilette di scarico inox da 50 mm, mentre non sono previsti i classici sifoni.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-058

I tubi di scarico, corrugati semirigidi, conducono le acque reflue verso il serbatoio di recupero da 110 litri posizionato centralmente nella parte anteriore del veicolo per un corretto bilanciamento dei pesi. Servito da una valvola a ghigliottina con tubo di rimando laterale rigido, azionabile dal lato sinistro tramite un apposita leva di comando, il serbatoio è dotato di coibentazione e riscaldamento tramite resistenza a 12V comandabile tramite un interruttore posizionato a destra della porta di ingresso.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-059

Il wc, infine, è un Thetford C260 con tazza girevole e cassetta da 19 litri.

L’impianto elettrico è parzialmente raggruppato all’interno del doppio pavimento tecnico: una botola di fronte all’ingresso, verso il living,  consente infatti di accedere al caricabatterie Nordelettronica NE 186, al quadro di distribuzione, completo di fusibili, all’interruttore generale, con magnetotermico e salvavita e al classico staccabatterie, mentre la batteria dei servizi, non fornita, trova ospitalità in una vasca plastica ribassata collocata sotto al divanetto laterale destro.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-032

L’impianto elettrico è gestito da un moderno pannello di comando fornito sempre da Nordelettronica: dotato si schermo lcd a colori e comandi touch, permette di monitorare tutte le informazioni sull’impiantistica di bordo e sulla relativa autonomia, tenendo sotto osservazione i serbatoi di carico e di recupero (con indicazione percentuale), le batterie di motore e cellula (con indicazione della tensione), le temperature (interna ed esterna), ora, data, l’allacciamento alla rete elettrica a 220V e di comandare tutte le diverse componenti (illuminazione interna, illuminazione esterna, pompa acqua, impianti ausiliari, interruttore generale). Collocato sopra la porta di ingresso, all’interno di un pannello nero lucido per un piacevole effetto “tecno”, il pannello di comando gestisce, tra gli altri, un efficace sistema di illuminazione a led, particolarmente scenografica e che, contando su diverse soluzioni, combina efficacemente elementi indiretti (sia a luce bianca brillante che blu, con vere e proprie cornici che ripercorrono le forme del mobilio), sia i classici spot da incasso, ben distribuiti su tutta la superficie del veicolo.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-019

Ancora per ciò che concerne l’impianto elettrico, il K-Yacht TeknoLine MH 85 si segnala per l’abbondanza di prese interne: sono infatti disponibili ben cinque prese a 220V (dedicate a zona living, cucina, toilette, camera da letto, mobile tv e garage) e tre a 12 V (living, letto posteriore e mobile tv) e una utile USB, collocata in cucina ma accessibile anche dal vicino living.

Il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria sono affidati alla collaudata Truma Combi 6 CP Plus: alimentata a gas, dotata di boiler integrato e caratterizzata da una potenza massima di 6kW a fronte di una potenza massima della ventola di 327 metri cubi/ora, distribuisce il calore prodotto tramite una canalizzazione di sette bocchette posizionate in tutto l’abitacolo.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-011

La stufa, collocata alla sotto al letto singolo posteriore sinistro, è accessibile dal garage tramite un apposito portello: nella stessa posizione è inserita anche la valvola di scarico automatica del boiler Truma FrostControl. La sonda termostatica dell’impianto è collocata accanto al pannello di comando delle utenze elettriche, sopra la porta di ingresso, mentre il pannello di comando digitale dell’impianto si trova sopra la porta di ingresso, a fianco al pannello di comando delle utenze elettriche.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-004

L’impianto a gas, servito dalle consuete due bombole da 10 kg, è ospitato in cabina di guida, a fianco alla poltrona del passeggero: il vano, servito da un portello e completo di fondo prestampato in materiale plastico, è completo di ganci fermabombola e riduttore di pressione da 30Mbar Cavagna Group ad alimentare un impianto basato sulle classiche tubazioni in acciaio e gestito da quattro rubinetti sezionatori posizionati nella parte inferiore della penisola del blocco cucina, sotto al lavello, e facilmente accessibili.

All’interno

Moderni ed eleganti, gli interni sono realizzati in multistrato nobilitato con spessori di 14 mm per i pensili, di 25 per i montanti verticali e di 30 per i piani, tutti laminati antigraffio.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-028

Decisamente accurati nella lavorazione, i mobili giocano su un piacevole contrasto cromatico tra parti legno e parti laccate, con le ante superiori dei pensili con finitura lucida personalizzate da una doppia applicazione bianca percorsa, centralmente, da una modanatura tinta legno intervallata da tre bande cromate che si armonizzano con le maniglie, anch’esse cromate. Una finitura ripresa, poi, anche dai cassetti del blocco cucina, con pannelli esterni laccati bianchi, mentre l’anta convessa della penisola sceglie, invece, più calde tinte legno.

Dotati di doppia aerazione anticondensa (posteriore e superiore, tramite apposite ferìtoie), i pensili offrono mensole interne con bordo anticaduta da 50 mm (anche le mensole sono complete di feritoie anticondensa) e sfruttano, per le ante di maggiori dimensioni, cerniere Aventos Blum con rientro assistito.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-037

Diversi sono i segnali che indicano una elevata cura costruttiva: a soffitto, l’unione tra mobilio e tetto è curata da un apposito profilo antivibrazioni in gomma, mentre il living e i letti sempre pronti possono contare su pannelli anticondensa rifiniti in microfibra o in ecopelle.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-030

Quest’ultimo materiale riveste poi la totalità delle cuscinerie del living, composte da elementi ergonomici con spessori variabili tra 14 e 18 cm, e l’unione tra cabina e abitacolo, affidata a pannelli adeguatamente imbottiti. Degni di nota, sempre per ciò che concerne le cuscinerie, sono i nuovi poggiatesta, regolabili in altezza e automobilistici nella concezione. I letti, dotati di reti a doghe, beneficiano di materassi in schiuma da 12 cm di spessore (letti gemelli in coda) e 10 cm (basculante).

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-080

Da segnalare sono poi gli allestimenti di cucina e toilette, entrambi completi di un pregevole piano in pietra minerale acrilica abbinato a elementi funzionali e di arredo in acciaio inossidabile cromato: da notare, infine, come la doccia indipendente possa beneficiare di un piatto inferiore in vetroresina.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-053

Vero e proprio cuore dell’allestimento, il living anteriore è pensato per ospitare tranquillamente fino a cinque commensali grazie anche alla partecipazione delle poltrone della cabina di guida, dotate di piastre girevoli: in particolare, il K-Yacht TeknoLine MH 85 beneficia di un divano a L sul lato sinistro (98×45 e 64×40 cm) servito da un tavolo centrale completo di monogamba e piano girevole e traslabile (106×69 cm) e da una poltroncina laterale collocata lungo la fiancata destra, a fianco all’ingresso (60×45 cm).

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-020

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-021

L’ambiente, elegante e ricercato, beneficia della luce naturale e della panoramicità fornite dall’ampia vetratura della cabina di guida a cui si aggiungono una finestra Dometic S4 D-Lux apribile a compasso e completa di unibloc oscurante-zanzariera e tende di cortesia e a pacchetto, collocata lungo la fiancata sinistra, sulla finestra fissa installata sulla porta di ingresso e, a tetto, su un maxi oblò panoramico Dometic Heiki 3.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-025

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-026

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-027

Molto curata, l’illuminazione a led vede invece la presenza di due spot inseriti nel sottobasculante, di tre spot a soffitto e di diverse sorgenti luminose indirette sia a luce bianca ultrabrillante a percorrere le forme dei pensili e del divano frontemarcia, sia con le scenografiche luci night-blue dedicate all’utilizzo notturno. Non mancano, come già sottolineato, utili prese di corrente (220/12/USB), utili ad alimentare device mobili, mentre per ciò che concerne lo stivaggio il TeknoLine MH 85 vede la disponibilità di un pensile superiore, inserito lungo la parete sinistra e completo di mensola interna, e della cassapanca inferiore destra, accessibile superiormente tramite una apposita botola, mentre la cassapanca del divano frontemarcia è interamente dedicata all’impianto idrico.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-029

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-022

Un ulteriore vano di stivaggio a giorno è disponibile, in cabina di guida, nella parte superiore del mobile che, a fianco alla poltrona guidatore, ospita il vano per le bombole del gas, mentre il doppio pavimento tecnico è sfruttato con un vano portaoggetti collocato tra ingresso e blocco cucina.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-023

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-033

Questo, sviluppato a L, si sviluppa in un ambiente da 94×51+92×43 cm e beneficia di un pregevole piano superiore in pietra minerale acrilica a inglobare un fornello Dometic a tre fuochi, completo di coperchio in cristallo temperato, accensione piezoelettrica integrata e parafiamma laterale, lavello in acciaio inox cromato da 36 cm di diametro completo di coperchio/tagliere utilizzabile anche come piano di appoggio grazie alla presenza di appositi supporti nella parte retrostante della spalliera del vicino living e, nella parte interna, di un utile raccoglitore per la raccolta differenziata dei rifiuti, facilmente estraibile.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLin

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-038

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-039

Non manca, di conseguenza, un utile piano di lavoro (48×34+50×43 cm), mentre per ciò che concerne l’aerazione sono disponibili una finestra S4 D-Lux apribile a compasso, la classica cappa aspirante, inserita nel sottopensile, e il già citato maxi oblò panoramico a tetto. L’allestimento del blocco cucina è decisamente curato: la parete di fondo, infatti, può contare sulla presenza di una utile controparetina fittizia in metacrilato, proposta in tinta argento metallizzato e capace di sia di inglobare prese elettriche sia di nascondere, dietro a sé, l’unibloc oscurante-zanzariera della finestra, mentre non mancano utili complementi di arredo e soluzioni intelligenti, con la possibilità, quando non in uso, di andare a riporre il coperchio/tagliere del lavello in un apposito supporto estraibile nascosto dal cassetto portaposate.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-041
Lo stivaggio sia affida, nella parte superiore, a un capiente pensile diviso in quattro porzioni (due superiori e altrettante inferiori) da apposite mensole separatrici, mentre nella parte inferiore ecco il classico cassetto portaposate e, sotto a questo, un ulteriore cassetto e un capiente cassettone estraibile.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-036

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-044

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-045

A loro fianco, la porzione di penisola è servita da un’anta convessa e, soprattutto, da un utile cestello estraibile. Una soluzione, questa, riproposta anche a fianco all’ingresso, con una vera e propria dispensa a sviluppo verticale facilmente sfruttabile come capiente portabottiglie e sormontata dal classico vano porta tv con supporto estraibile e orientabile per uno schermo lcd e, ovviamente, necessarie prese 12/220V/tv/tv satellitare.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLin

L’allestimento di questa zona si completa, poi, con la presenza del grande frigorifero Thetford N3150: con una capacità di 150 litri, offre scelta automatica della fonte di energia, cella freezer separata e illuminazione interna a led ed è sormontato dall’utile forno a gas Dometic e da un ulteriore vano di stivaggio a giorno con bordo anticaduta cromato; non manca, a pavimento, il classico portabottiglie Mobilvetta, ricavato parzialmente all’interno del doppiofondo e capace di ospitare sei bottiglie.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLin

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-034

Alle spalle del blocco cucina, la zona posteriore è separata dal resto dell’abitacolo da un gradino a pavimento da 12 cm e, soprattutto, da una utile porta scorrevole in legno impreziosita da inserti in metacrilato traslucido con effetto fumé: una soluzione, questa, utile a facilitare lo sfruttamento della classica toilette passante, completa di doccia indipendente.
Installato lungo la fiancata destra, il bagno si sviluppa in un ambiente da 90×85 cm ed è accessibile grazie alla presenza di una porta a serrandina con doppio binario guida.

K-Yacht-Toilette

Ben arredato, l’ambiente ospita un mobile lavabo a L con acquaio in acciaio inox cromato servito da rubinetto monocomando in metallo e da un doppio specchio angolare, mentre sul lato opposto ecco il classico wc Thetford C260 con tazza girevole e serbatoio estraibile da 19 litri. L’aerazione beneficia di una finestra S4 D-Lux apribile a compasso e con lastra opacizzata a coniugare luminosità e privacy e, a tetto, di un utile oblò Fiamma con elettroventola estrattore/ventilatore integrato, mentre per ciò che concerne l’illuminazione sono presenti tre spot led a soffitto.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-057

Non mancano, infine, le possibilità di stivaggio, organizzate tramite un pensile a soffitto, con un vano a giorno alle spalle del wc e con un utile stipetto collocato alla base del mobile lavabo; l’arredamento, infine, si completa con utili complementi di arredo.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-056

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-058
Di fronte alla toilette, la doccia indipendente (74×70 cm) è schermata da una pregevole porta in metacrilato fumé: dotata di piatto in vetroresina con piletta di scarico, ha colonna attrezzata, pedana nautica in legno, portaoggetti, rubinetto monocomando con erogatore a telefono, illuminazione a led, oblò e portasciugamani retrattile.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLin

Tra toilette e doccia, la porzione di pavimento vede la presenza di una botola dedicata allo sfruttamento di un vano di stivaggio interno al doppio fondo, mentre in coda all’abitacolo ecco i due classici letti gemelli. Dotati di rete a doghe e materassi da 12 cm, i letti si trovano a 106 cm da terra e beneficiano di un cielo utile di 86 cm: per entrambi la larghezza è di 80 cm, mentre le lunghezze variano tra 187 cm (letto sinistro) e 200 cm (destro).

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-068

Facilmente raggiungibili tramite due utili gradini centrali completi di luci marcapasso e sfruttabili anche come portaoggetti grazie alla porzione superiore incernierata, i letti beneficiano di due finestre S4 D-Lux simmetriche e apribili a compasso e di un oblò centrale panoramico Dometic MidiHeki.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-060

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-061

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-062

L’allestimento, abbastanza curato, vede poi la presenza di testate imbottite, luci di cortesia (spot orientabili di lettura, inserti led blu, plafoniera centrale), di un portaoggetti a giorno posteriore, con specchio, di ben sei pensili a soffitto (quattro laterali, due posteriori) con angoliere a giorno, prese di corrente dedicate a un ulteriore schermo tv lcd e, naturalmente, della possibilità di unire i letti gemelli per formare un maxi matrimoniale da 217×200/187 cm grazie alla presenza di un piano estensibile e di una intelligente scaletta retrattile collocata, quando non in uso, nel sottostante garage.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-069

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-070

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-071

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-072

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-073

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-074

Sotto ai letti, poi, ecco gli armadi guardaroba: quello di destra, il principale, può essere raggiunto sia superiormente, con la rete a doghe sollevabile e completa di pistoni a gas di mantenimento, sia frontalmente, con un’anta bombata, e offre uno spazio dedicato ai capi appesi di 80x60x100 cm a cui si sommano due utili ripiani.

K-Yacht-camera

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-065

L’armadio di destra, invece, ha dimensioni più compatte perché vede la presenza, nella parte inferiore, dell’unità termica del riscaldamento Truma Combi 6: lo spazio disponibile, in ogni caso, è di 70x40x42 cm.

K-Yacht-armadi

Altri due posti letto sempre pronti sono disponibili, nella parte anteriore dell’abitacolo, grazie al classico letto basculante: facilmente allestitile, previo abbattimento degli schienali delle poltrone cabina, scende in pochi secondi regolando un matrimoniale da 190×135 cm completo di un cielo utile di 90 cm e una soglia di accesso di 125.

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-076

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-077

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-078

Mobilvetta-K-Yacht-TeknoLine-MH-85-079

Il letto, protetto dagli oscuranti plissettati anteriori, è  provvisto di cielo imbottito, tenda perimetrale di cortesia, tenda di separazione verso l’abitacolo, rete a doghe, materasso in schiuma da 10 cm, oblò Dometic MiniHeki e spot di lettura a led e quando allestito tende però a occupare parte dello spazio dedicato alla zona living, lasciando comunque completamente utilizzabile parte del tavolo e l’intero divano posteriore.

Piantine e misure

MH85-misure

K-Yacht-85TL

Dotazioni di serie

Fiat Ducato 35 Light 130 Multijet completo di ABS, EBD, doppio airbag, cerchi in lega da 16 pollici, luci diurne DRL, specchi retrovisori elettrici, chiusura centralizzata con telecomando, climatizzatore automatico, volante e cambio rivestiti in pelle, cruscotto con bocchette in finitura bronzo, quadro strumenti cromato, ESP, Traction+, Hill-Holder, Hill-Descent-Control, Tempomat, poltrone cabina Aguti, oscuranti plissettati.

Veicolo provato, comprensivo di:

  • Motorizzazione Fiat Ducato 2.3 Multijet 148 cv (Euro 1.244, kg +0)

Totale esemplare provato, comprensivo delle dotazioni elencate,  Euro 78.244 (Massa in ordine di marcia kg 3162).

Conclusioni

Design, certo. Automobilistico, moderno, personale, accattivante. Si potrebbe definire bello, se la bellezza non fosse ciò che di più al mondo è personale e oppugnabile. In un camper, in un motorhome, il design non basta. La bellezza non basta. Per competere da protagonista in una delle fasce di mercato più ambite e combattute, quella degli integrali di fascia medio alta, servono anche tecnica, varianti, esperienza, carattere e prezzo. Solo un buon amalgama tra tutte queste credenziali può trasformare un prodotto in un prodotto interessante e appetibile per il grande pubblico: il nuovo K-Yacht Tekno Line ha tutto ciò?

Il design del frontale è, obiettivamente, uno tra i più riusciti esempi oggi disponibili sul mercato. E’ filante, è ben proporzionato, è sportiveggiante, è contemporaneo, non sfigura a fianco a una moderna automobile e, fatte le dovute proporzioni, ispira il giusto dinamismo. Il tutto anche attraverso una tecnica sviluppata ormai da qualche anno, con i Krosser prima e con i Kea P poi, che usa un tetto a conchiglia per raccordare direttamente tetto e pareti senza utilizzare i classici cantonali, portando sì in dote un’estetica più fluida, ma soprattutto finalmente una scocca interamente priva di legno e insensibile ad acqua e altri agenti atmosferici, la recentissima iTech 4.0. Certo, il doppio pavimento tecnico avrebbe potuto essere sfruttato meglio, magari optando per una concezione di tipo più teutonico, creando cioè un vero e proprio doppio fondo passante in cui inserire la totalità dell’impiantistica: la soluzione ibrida, proposta sul K-Yacht Tekno Line, propone sì alcuni utili vani di stivaggio ad accesso interno o esterno, ma obiettivamente non assolve in pieno alla missione principale di un doppio pavimento, ovvero quella di creare un ambiente protetto dedicato in primis agli impianti di bordo, andando a liberare utilissimi vani interni da dedicare allo stivaggio, a partire dalle cassapanche, abbassando il baricentro, distribuendo al meglio i carichi e raggruppando le componenti tecniche semplificando, negli anni, le necessarie operazioni di manutenzione.

Il terzo punto di analisi è rappresentato dall’esperienza: Tekno Line porta con sé tutto il bagaglio di conoscenze maturato in sei anni di K-Yacht e, precedentemente, in quasi trent’anni di storia Mobilvetta. Il punto focale continua a essere rappresentato dal frontale, che non cede alla tentazione dell’abs ma continua sulla strada, condivisibile, di un monoblocco in vetroresina. Soluzione, questa, certamente più dispendiosa economicamente ma destinata a offrire maggiori garanzie di robustezza e resistenza negli anni. Un know-how che non si ferma all’MH 85, oggetto di questo CamperOnFocus, ma che abbraccia una gamma di proposte basata su cinque layout per rispondere a diverse tipologie di esigenze di coppie o famiglie di quattro persone: quattro dei cinque nuovi K-Yacht Tekno Line si caratterizzano, infatti, per soluzioni convenzionali e apprezzate, offrendo letti gemelli (84 e 85), matrimoniale trasversale (87) o matrimoniale centrale (89) in abbinamento al garage, mentre l’originale MH 80 asseconda logiche diverse, preferendo optare per spazi multifunzionali da vivere anche e soprattutto di giorno ma facili da allestire e da trasformare per la notte. Versioni con un carattere proprio, non improvvisato ma maturato negli anni. Non meteore impazzite, ma credibili sviluppi di un progetto declinato anche in altre tipologie costruttive, i profilati e mansardati Kea P e Kea M, a conferma della volontà del costruttore di seguire un indirizzo preciso nel riconquistare il proprio spazio in un mercato sempre più attento al rapporto tra qualità e prezzo. E proprio a livello di posizionamento sul mercato, i circa 78.000 Euro necessari all’acquisto di questo MH 85 rappresentano un interessante punto di equilibrio: oltre, infatti, a offrire una confortante cura costruttiva per scocca e mobilio, una razionale organizzazione degli spazi e una evidente piacevolezza di forme e contenuti, sul piatto Mobilvetta pone anche una meccanica proposta, di serie, con tutto ciò che serve a viaggiare tranquilli: dotazioni come ESP, Tempomat, doppio airbag, Traction+, Hill-Holder e Hill-Descent Control non sono nomi vuoti o fini a loro stessi, ma indispensabili ausili pensati per fare la differenza, proprio quando serve.

 

Cosa ci è piaciuto di più

  • La meccanica di base è completa di tutte le dotazioni dedicate a sicurezza e comfort: ABS, EBD, ESP, Traction+, Hill-Holder, Hill-Descent-Control, Tempomat, Clima automatico e doppio airbag sono di serie.
  • Il design è moderno, piacevole e personale, tra i più riusciti oggi sul mercato.
  • La scocca ha peculiarità interessanti sia per ciò che concerne i materiali sia per le tecniche di assemblaggio.
  • La costruzione è curata, con buona attenzione verso i particolari, sia all’esterno che all’interno dell’abitacolo, e utilizza materiali solitamente appannaggio di veicoli di fascia superiore.
  • Gli spazi interni sono sfruttati in maniera razionale, con buona possibilità di circolazione nell’abitacolo e ambienti facili da vivere anche con equipaggio al completo.
  • Il veicolo è panoramico, piacevole da guidare e permette un facile controllo degli ingombri grazie a una corretta visuale garantita da parabrezza e specchi retrovisori.
  • L’accessibilità agli organi meccanici è superiore alla media della tipologia.

Cosa ci è piaciuto di meno

  • Il doppio pavimento meriterebbe di essere sfruttato meglio, andando a ospitare anche i serbatoi dell’acqua potabile e del recupero, il vano batteria in modo da garantire maggiori spazi di stivaggio e maggiore protezione alle diverse componenti.
  • Su un veicolo con doppio fondo, è curioso come il garage posteriore non utilizzi come base il pavimento inferiore ma una vasca in alluminio che seppure robusta e coibentata con una guaina adesiva esterna non può vantare le medesime doti del pavimento sandwich.
  • La collocazione dell’impianto elettrico all’interno del doppio pavimento tecnico appare migliorabile per ciò che concerne lo smaltimento del calore prodotto dal trasformatore.
  • Il letto basculante, quando allestito, va a coprire parzialmente il living anteriore: va detto, però, che il letto è davvero molto ben allestito.
  • L’impianto idrico non è provvisto degli utili (ed economici) sifoni antiodore.

Riferimenti e contatti del costruttore

Mobilvetta – SEA S.p.A.
Via Valle d’Aosta 4 – 1 – 53036 Poggibonsi – Siena
Tel. +39 0577 99 511 – E-mail: mobilvetta@mobilvetta.it
www.mobilvetta.it

Tutto su Mobilvetta

 

Fotogallery

 

Michel

Comments are closed.