August 22, 2019

Pilote_P656C

Letto centrale in meno di sei metri e mezzo, letto basculante singolo, due livelli di allestimento e ampie possibilità di personalizzazione per un semintegrale versatile che punta a coniugare agilità e compattezza al comfort ottimale in sosta

In sintesi

pagella_Pilote

Tipologia Profilato con letto basculante
Meccanica Fiat Ducato 35 Light – Telaio ribassato CCS, psso 3450 mm
Motorizzazione base
2287 cc – 96 kW/130 CV
Motorizzazioni opt.
2287cc – 109 kW/148 CV
2999cc – 130 kW/177 CV
Posti omologati 4
Posti letto 3
Dimensioni 6497x2300x2850 mm
Peso massimo ammesso 3500 kg.
Peso dichiarato in o.d.m.
Essentiel: 2890 Kg
Sensation: 2940 Kg
Prezzo base
Essentiel: Euro 51.381
Sensation: Euro 56.627
Iva compresa, franco fabbrica

 

Le valutazioni sono il risultato dell’analisi del veicolo fatta nel momento del test, alla luce delle informazioni disponibili sulle dotazioni di serie, e rapportate alla tipologia e alla fascia di prezzo di appartenenza.

L’analisi

Un aumento importante dell’offerta nelle gamme più compatte, proponendo modelli con  configurazioni solitamente ad appannaggio di mezzi dalle dimensioni significative, senza rinunciare a offrire superiori doti di comfort e massima versatilità d’utilizzo: è questa la linea guida che Pilote ha seguito per la produzione 2016, impostando un significativo incremento nei modelli fino a sette metri di lunghezza.
Uno degli esempi più significativi di questa filosofia è senza dubbio il nuovo semintegrale P656C, che all’originale concetto progettuale già proprio del modello P650C presentato all’inizio del 2015 – zona notte con letto centrale nautico in una lunghezza inferiore ai sei metri e mezzo – aggiunge la disponibilità di un letto basculante anteriore singolo ad azionamento elettrico, portando così a tre i posti per la notte sempre pronti.

Pilote_P656C_02

Pilote_P656C_04

Il nuovo P656C, però, non è solo una variante, ma un veicolo strutturalmente nuovo: rispetto al P650, infatti, cambia l’altezza totale, maggiorata, seppure di poco (285 contro 275 cm), per alloggiare convenientemente il letto in posizione di riposo lasciando una buona “luce” utile (197 cm) nella zona soggiorno. Rimangono identici, invece, gli altri ingombri, in particolar modo la lunghezza di 6497 mm che ne fa l’autocaravan con letto centrale nautico e basculante più compatto del mercato.

Pilote_P656C_55

Allestito sulla meccanica Fiat Ducato con telaio ribassato Camping Car special, il P656C presenta una linea esterna che non risente in modo significativo dell’incremento in altezza, rimanendo filante grazie al bel design del cupolino anteriore e alla linearità delle fiancate. Gradevole e riuscito anche lo specchio posteriore, dove spicca il nuovo paraurti che ingloba i generosi gruppi ottici dal design automobilistico.

Pilote_P656C_07

La costruzione segue il concetto generale consolidato della produzione della Casa transalpina che da questa stagione assume la connotazione generale “Isotek”: sotto questo nome sono riuniti sia la costruzione vera e propria – con profili strutturali in alluminio per pareti e tetto, rivestimento esterno del tetto e del pavimento in vetroresina, pareti rivestite esternamente di serie in alluminio e a richiesta in vetroresina, isolamento in Styrofoam, bandelle in alluminio – sia la scelta della componentistica, come le serrature di qualità a compressione per il gavoni e le belle finestre Polyvision (quattro in tutto) a filo carrozzeria. Il resto della componentistica vede l’adozione di oblò Remis a manovella e porta intera attrezzata. Come per tutta l’offerta di semintegrali Pilote, anche il P656C è offerto in due livelli di allestimento, “Essentiel”, più lineare, che caratterizza il veicolo oggetto di questo test, e “Sensation”, più ricco e completo: in quest’ultimo sono di serie (comunque disponibili in opzione per l’allestimento base) anche il “maxi” oblò centrale da 80×50 cm, lo skyview nel cupolino e la porta cellula con zanzariera, vetratura fissa e scalino elettrico. A ulteriore incremento del valore costruttivo generale interviene, infine, la presenza di un pavimento “tecnico” che ingloba gran parte degli impianti e delle tubazioni, comprese le canalizzazioni del riscaldamento.

Pilote_P656C_08

La due versioni di allestimento non si differenziano solo per i componenti di arredo e finitura, ma anche nelle dotazioni tecniche. Ad esempio, nel caso specifico, la versione Sensation offre la disponibilità del piano del letto ad altezza variabile che permette una maggiore elasticità di utilizzo del gavone posteriore. Anche in versione “base” Essentiel, però, questo vano mantiene una buona fruibilità: in entrambi i casi, comunque, occorre fare un po’ di attenzione a non eccedere troppo con i pesi, a causa del passo da 3450 mm che lascia “scoperto” uno sbalzo relativamente sensibile (2099 mm, pari al 60,8% del passo).

Pilote_P656C_09

Per contro, il gavone posteriore beneficia di una consistente struttura di sostegno (correttamente ancorata al telaio originale Fiat), è ben servito da due portelloni laterali di ampie dimensioni (85×66 e 85×55 cm) e vanta una volumetria totale minima di ben 1720 litri ottenuti tramite una larghezza di 220 cm, una profondità massima di 85 cm e un’altezza cha varia dai 98 cm delle parti esterne ai 75 cm centrali. Buona anche la soglia di carico, a 58 cm da terra, mentre appare un po’ spartano il suo allestimento, con pavimento in semplice linoleum e ganci di fissaggio del carico a pavimento in materiale plastico. Nella versione Essentiel l’illuminazione è assente (fornibile in opzione o compresa nella configurazione “Sensation” con l’utile presa da 220V), ma di serie è presente una bocchetta di riscaldamento dedicata.

Pilote_P656C_12

Pilote_P656C_11

Le dotazioni della meccanica di base sono buone anche se va annoverato come a livello di sicurezza attiva comprendano – anche per l’allestimento superiore “Sensation” – solo ABS e Airbag conducente, mentre Airbag passeggero, Cruise Control e il “pacchetto” composto da ESP, Traction+ e ASR, sono opzionali. Per contro, anche nell’allestimento “base” Essentiel, il P656C offre di serie climatizzatore manuale, chiusura centralizzata con telecomando, sedili con braccioli e specchietti esterni regolabili e riscaldabili elettricamente.

Gli impianti

Come da tradizione Pilote, l’impiantistica segue regole di buon livello e finalizzate a un utilizzo pratico e affidabile. L’impianto idrico, ad esempio, prevede la collocazione del serbatoio d’acque potabile (di ottima capacità: 130 litri) in un vano all’interno di una porzione di doppio pavimento ricavata in corrispondenza della camera posteriore, al riparo dal gelo e con facile accesso, per le operazioni di pulizia e controllo, dal garage posteriore, mentre l’acqua è inviata alle utenze tramite una pompa a pressostato di qualità (raggiungibile tramite un pozzetto collocato sotto il letto posteriore che ospita anche la valvola Frost Control” per lo svuotamento del boiler) e tubazioni in Rilsan. Il serbatoio di raccolta ha una capienza sensibilmente minore (95 litri), il che potrebbe causare qualche relativo piccolo “disservizio” nella gestione dei carichi e scarichi durante i viaggi, ma è comunque collocato in corretta posiziona avanzata (esterno alla scocca e riscaldato e isolato di serie solo per l’allestimento “Sensation”) che favorisce il regolare deflusso delle acque reflue provenienti da bagno e cucina.

Pilote_P656C_16

Pilote_P656C_17

Pilote_P656C_18

Le utenze di bordo sono comandate da un pannello di comando analogico piuttosto semplice ma facile da usare; più completo, e in versione digitale con display, quello utilizzato nell’allestimento “Sensation”. L’illuminazione interna, interamente a led, è abbastanza efficace e capillare, che se non abbondantissima. Buona la dotazione di prese, che prevede punti a 220V nella camera posteriore e nel bagno, e due prese a 12V, una in cucina e una in soggiorno, a servire la zona deputata ad accogliere la tv lcd, completa di porta tv scorrevole in altezza e predisposizione completa. Lodevole anche la presenza di una presa USB dedicata a caricare i dispositivi mobili, anche se collocata a fianco della cucina e quindi in posiziona non particolarmente ottimale dal punto di vita della praticità.

Pilote_P656C_13

Pilote_P656C_15
L’impianto elettrico prevede l’utilizzo di una centralina Shaudt (dotata di portafusibili) con batteria servizi da 100 Ah, entrambe collocate all’interno della cassapanca in soggiorno, facili da raggiungere per controlli e manutenzione.

Pilote_P656C_19

Nella stessa posizione è inserito anche il complesso Truma Combi in versione CP Plus che sovraintende al riscaldamento e alla produzione di acqua calda: con una potenza di 4000 kW (6000 kW nell’allestimento “Sensation”), e anche grazie a una buona distribuzione effettuata tramite un totale di sei bocchette interne (più una per il gavone), è in grado di climatizzare convenientemente lo spazio in un cellula dalle dimensioni così compatte.

L’impianto gas, infine, fa capo a due bombole collocate in un gavone esterno molto ben realizzato e di facile accesso, completo di serie, di Truma CS (in versione Duo Control per “Sensation”) con Crash Sensor che interrompe l’erogazione di gas in caso di incidente: questa dotazione permette di poter utilizzare in sicurezza le utenze a gas anche durante la marcia.

Pilote_P656C_22

Pilote_P656C_23

All’interno

Il mobilio Pilote, ora dotato di un’essenza più scura ed elegante ottenibile anche con finitura lucida, accoglie con linee sobrie ma efficaci, e volumi che, nonostante la inevitabile compressione degli elementi determinata dalla configurazione con letto centrale, riesce a dare ancora una buona sensazione di spazio generale. L’agibilità interna è discreta in tutti gli ambienti, anche se il pavimento presenta un sensibile gradino posteriore oltre a un piccolo dislivello tra cabina e abitacolo; giocano però a favore sia la parte anteriore, che beneficia dello spazio lasciato libero attorno alla porta cellula, sia quella posteriore, dove il letto è dotato di fruibili disimpegni laterali.

Pilote_P656C_25
Con la produzione 2016, oltre ai due livelli di allestimento – e al mobilio ottenibile anche con la variante Bavaria più chiara e moderna – sono ulteriormente aumentate le possibilità di personalizzazione, in particolare per quanto riguarda le tappezzerie e i rivestimenti, dove, abbandonate le colorazioni con inserti colorati, sono disponibili rivestimenti più sobri in tonalità chiara: Cocon e Tissé (con particolare tessuto tecnico) per i rivestimenti in tessuto, Plume e Vigne (quest’ultimo con inserto beige superiore) per l’ecopelle, Perle e Argile per la pelle.
Per “costruire” l’interno del proprio camper su misura, Pilote fornisce poi ben otto “set” diversi di personalizzazione – quattro in tinta unita e quattro in motivi colorati – che comprendono ognuno una serie di cuscini (non disponibili per il livello di allestimento Essentiel) con tende laterali delle finestre e copriletto coordinati. Il veicolo in test, in particolare, adotta una riuscita combinazione tra tappezzeria in tessuto Cocon e “set” decorativo Tangerine.

Pilote_P656C_41

Il soggiorno adotta una configurazione con singola semidinette e, come sviluppo e struttura, richiama quelli abitualmente presenti sui van, beneficiando però di uno spazio in larghezza nettamente superiore. Il tavolo, nella variante Essentiel (come quelle del veicolo in test) è ancorato a parete e dotato di comodo prolunga pivottante mentre nell’allestimento Sensation è centrale, montato su piantana e traslabile nelle quattro direzioni; in quest’ultimo caso è associato a una dinette a “L”. I posti a tavola sono quattro, grazie alla rotazione dei sedili in cabina, mentre un quinto posto di fortuna è ricavato tramite un sedile ribaltabile ripiegato lungo la parete del mobile cucina, a fianco dell’ingresso. Buone la luce e l’ariosità forniti dalla finestra e (se presenti) dallo skyview nel cupolino e dalla vetratura nella porta cellula, mentre lo stivaggio, stante l’assenza di spazio disponibile all’interno della cassapanca, occupato dagli impianti, si appoggia a un pensile sottobasculante sul lato sinistro, comunque di discreta capienza e interno frazionato.

Pilote_P656C_27

Pilote_P656C_28

Pilote_P656C_29

La cucina, lineare, è molto compatta, ma non rinuncia a fornire tutta la fruibilità necessaria, soprattutto nell’ottica di utilizzo da parte di un equipaggio di coppia. Le dotazioni prevedono un gruppo cottura a due fuochi disposto perpendicolarmente e un lavello inox (entrambi dotati di copertura), oltre a un utilissimo piano di lavoro supplementare estraibile. Le possibilità di stivaggio sono, poi, insospettabilmente considerevoli, potendo contare su un ampio pensile con divisioni interne, due cassetti, tra cui uno attrezzato a portaposate, e due cassettoni scorrevoli, oltre che due vani collocati sopra e sotto il frigorifero Dometic da 135 litri con cella freezer interna. Nelle dotazioni, da annoverare anche il portaspezie, la luce diffusa sotto il piano di lavoro e, nell’allestimento “Sensation”, la cappa aspirante con illuminazione a led e la luce diffusa dietro il pannello frontale.

Pilote_P656C_30

Pilote_P656C_31

Pilote_P656C_35

Anche la toilette deve necessariamente fare i conti con lo spazio limitato, e quindi adotta una sistema a volumetria variabile che permette, una volta ruotata la parete che sorregge lavabo e specchio, di ottenere un buon box doccia indipendente dotato di proprio erogatore e piatto in termoformato. L’arredo, in legno, è completo e prevede un armadietto sottolavabo e un altro sul lato destro, mentre l’aerazione è affidata a un oblò a manovella. La volumetria totale non è eccessiva ma la sua configurazione risponde ai prevedibili problemi di fruibilità da parte di persone molto robuste con un ambiente intelligentemente aperto su due lati (e chiudibile tramite una serrandina scorrevole), così da permettere buona libertà di movimento negli utilizzi che richiedono meno “privacy”. Il piatto doccia, infine, è normalmente coperto da una pedana in legno e quindi va a costituire, di fatto, a serrandina aperta, zona di passaggio verso la camera posteriore.

Pilote_P656C_37

Pilote_P656C_39

Pilote_P656C_40

Pilote_P656C_42

La zona notte occupa da sola in lunghezza circa metà dello spazio disponibile in cellula (207 cm su un totale di 4 metri e 6 centimetri) e, a dispetto delle dimensioni globali del veicolo, è piuttosto ariosa. Il letto ha dimensioni nella norma, anche se con una configurazione sensibilmente arrotondata (resa peraltro necessaria per favorire la movimentazione) ed è dotato di rete a doghe con testiera rialzabile e materasso Bultex. Ai lati del matrimoniale sono ricavati due armadi di larghezza differenziata (il letto, infatti, non è perfettamente centrale ma spostato di circa 10 cm sulla destra), mentre altri spazi di stivaggio sono costituiti, oltre che dai due pensili sulla parete di fondo, da due ampi cassetti frontali. Sollevando la rete del letto, con l’ausilio di due pistoni a gas, si raggiungono, poi, altri vani utili che sfruttano l’altezza da terra del piano letto; sul fondo di quello centrale è ricavato il già citato pozzetto che ospita la pompa dell’acqua e la valvola “Frost Control”. L’ambiente, infine, è arredato con due finestre simmetriche e un oblò, e non mancano, oltre a punti luce centrali, anche due spot di lettura orientabili.

Pilote_P656C_44

Pilote_P656C_45

Pilote_P656C_46

Pilote_P656C_48

Pilote_P656C_49

Il letto basculante anteriore singolo è di facile messa in opera, grazie all’assistenza elettrica del movimento, e una volta abbassato va ovviamente a occupare la zona della porta cellula che però resta ancora fruibile in caso di emergenza.
La sua configurazione (dimensioni abbondanti, corretta configurazione, rete a doghe, materasso di qualità e spazio utile in altezza superiore alla media) è, rispetto ad altri esempi del genere, tutt’altro che spartana o concepita puramente in funzione d’emergenza, e permette, invece, di avere a disposizione un posto per la notte in più piuttosto confortevole e utilizzabile non solo occasionalmente, ma anche in modo relativamente continuativo.

Pilote_P656C_50

Pilote_P656C_52

Pilote_P656C_54

Piantine e misure

Mis_esterne_Pilote656C

piantina_pla_ok

Dotazioni di serie

Essentiel

ABS, Airbag conducente, vetri e specchi elettrici, climatizzatore manuale, chiusura centralizzata con telecomando, sedili girevoli con braccioli, predisposizione radio, predisposizioni montaggio tv, retrocamera e pannello solare, dinette con poggiatesta regolabili.

Sensation

Le dotazioni Essentiel più: oscuranti plissettati cabina guida, radio/CD Bluetooth con ingressi USB/AUX e altoparlanti in cabina, finiture cruscotto alluminio, porta cellula vetrata con zanzariera e scalino elettrico, riscaldamento con Truma Combi 6000 kW (anziché 4000 kW), dinette a “L” con tavolo centrale traslabile, cappa aspirante, decorazioni esterne carrozzeria specifiche, serbatoio raccolta isolato e riscaldato, appendiabiti ripiegabile in doccia, testata letto sollevabile, guardaroba illuminati, cuscini coordinati alle tende, piano letto ad altezza variabile, vano garage con illuminazione e presa 220V.

Conclusioni

La configurazione della zona notte con letto centrale è verosimilmente una di quelle più belle e confortevoli che si possano avere a bordo di un veicolo ricreazionale. Certo, in modo un po’ superficiale, si potrebbe dire che piace perché fa molto “casa”, essendo del tutto assimilabile alle situazioni domestiche. Ma alla prova dei fatti (e molto più praticamente), costituisce il “non plus ultra” per l’equipaggio composto da persone non più giovanissime: il letto è basso e vi si accede facilmente da ambo le parti in modo indipendente senza dover scavalcare il compagno o la compagna, alla bisogna serve egregiamente anche come zona relax e, rispetto ad esempio ai letti gemelli, è molto più facile da rifare alla mattina. Il rovescio della medaglia è costituito soprattutto dal suo essere particolarmente esoso in fatto di spazio e obbligare a dimensioni esterne incompatibili con la massima agilità in marcia. Il Pilote P656C fornisce una soluzione interessante proponendo questa configurazione in un veicolo di lunghezza limitata che comunque, non rinuncia, grazie a una progettazione attenta e a vari accorgimenti tecnici, a dare un buon livello di vivibilità generale. Ma non si accontenta, perché a tutto questo aggiunge la disponibilità di un letto basculante singolo “vero” e non di fortuna, rivolgendosi a più fasce di utenza, particolari ma tutt’altro che esigue: la coppia con un figlio piccolo, oppure  proprio la già citata coppia non più giovanissima che si trova a ospitare occasionalmente il nipotino di turno o il “figlio di ritorno”.
Il tutto in un camper dinamico, ben costruito, ampiamente personalizzabile, grazie a due livelli di allestimento e svariate combinazioni di arredo, e molto “stradale” per ingombri e qualità meccaniche. Peccato che, proprio ad avvalorare ulteriormente quest’ultima dote, non sia prevista – neppure nell’allestimento superiore “Sensation” – una dotazione di serie più completa per quanto riguarda i moderni dispositivi di sicurezza attiva e passiva, come l’Airbag del passeggero, il Cruise Control, l’ESP e il Traction+.
Pilote li prevede naturalmente come optional, e facilmente ottenibili al momento dell’ordine. Non si dovrebbe, però, lasciare all’utente la scelta se dotarsene o meno: è auspicabile che al più presto, nel settore dei veicoli ricreazionali – come ormai da tempo succede nel mondo dell’automobile -, queste dotazioni siano rese di fatto obbligatorie, anche a costo di un aumento (comunque piuttosto limitato) del prezzo di listino.
In ogni caso, anche con queste irrinunciabili dotazioni, e grazie al fatto che Pilote saggiamente fornisce come meccanica di serie il più che adeguato 2,3 litri da 130 CV, il prezzo di listino si mantiene su valori interessanti, sia che si scelga di optare per l’allestimento “Essentiel” (magari implementando qualche accessorio come l’isolamento del serbatoio di scarico o la porta vetrata) sia che si vada sulla completissima “Sensation” che in quanto a dotazioni di serie lascia ben poco spazio ai desideri. Il risultato è un mezzo compatto e maneggevole su strada, comodissimo di notte (anche nel caso di un terzo ospite) e ben vivibile di giorno, adatto sia ai brevi weekend sia ai viaggi a lungo raggio.

Pilote_P656C_01

 

Cosa ci è piaciuto di più

  • Notevoli le possibilità di personalizzazione: oltre a due livelli di allestimento spiccano le innumerevoli combinazioni dell’ambiente interno offerte dalla varietà di tappezzeria, cuscini e tendaggi disponibili
  • L’ambiente interno, pur se “compresso” dalla presenza della camera posteriore, mantiene  ancora un buona fruibilità generale
  • La camera posteriore è ampia in relazione alle dimensioni globali e offre molteplici e articolate possibilità di stivaggio
  • Buona la scelta di offrire di base la meccanica da 130 CV, già più che adeguata per un veicolo di queste dimensioni

Cosa ci è piaciuto di meno

  • Il garage posteriore ha un allestimento piuttosto spartano ed è illuminato solo nella configurazione “Sensation”
  • Il letto posteriore ha dimensioni nella norma, ma un forma fortemente arrotondata sui lati che ne limita la comodità per le persone di alta statura
  • ESP, Airbag passeggero, Cruise Control e Traction+ non sono di serie neppure nell’allestimento più ricco “Sensation”

Riferimenti e contatti del costruttore

Pilote
Route du Demi-Boeuf – 44310 La Limouzinière – France
Tel. +33 02 40 32 16 00 – Fax +33 02 40 32 16 37
www.pilote.fr

Tutto su Pilote

 

Beppe

Comments are closed.