December 11, 2019

Letti gemelli, garage, doppio pavimento, tre armadi guardaroba, possibilità di letto basculante, interni piacevolmente moderni e luminosi e ampie possibilità di personalizzazione: con il nuovo Lyseo t 728 G Bürstner scende in campo nei profilati di fascia media offrendo al cliente finale la possibilità di upgradare il proprio veicolo con soluzioni solitamente appannaggio di veicoli di classe superiore.

In sintesi

Tipologia Profilato
Meccanica Fiat Ducato 35 Light con telaio ribassato Camping-Car Special e passo extralungo da 430 cm
Motorizzazione di base 2.287 cc – 96kW/130 cv Euro6
Motorizzazioni opt. 2.287 cc – 109kW/148 cv Euro6
2.287 cc – 132kW/177 cv Euro6
Posti omologati 4
Posti letto 3 (+2 OPT)
Dimensioni 749x230x295 cm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 3.015 Kg
Prezzo base Euro 57.400 Con IVA FF
 
Costruzione starYstarYstarYstarY
Meccanica starYstarYstarYstarGstarG
Dotazioni di sicurezza starYstarGstarGstarGstarG
Abitabilità giorno starYstarYstarYstarY
Abitabilità notte starYstarYstarYstarYstarG
Cucina starYstarYstarYstarYstarG
Bagno starYstarYstarYstarYstarY
Impiantistica starYstarYstarYstarYstarG
Stivaggio starYstarYstarYstarY
Rapporto qualità/prezzo starYstarYstarY
 
Le valutazioni sono il risultato dell’analisi del veicolo fatta nel momento del test, alla luce delle informazioni disponibili sulle dotazioni di serie, e rapportate alla tipologia e alla fascia di prezzo di appartenenza.

L’analisi

Il vestito esterno, classico e quasi consueto, può trarre in inganno, lasciando accostare il Lyseo t ai tanti profilati di fascia media presenti sul mercato. Forme piacevoli ma tutto sommato semplici, altezza esterna non particolarmente contenuta ma, comunque, in linea con un gran numero di altre proposte, dimensioni generose ma tutto sommato equilibrate rispetto alla meccanica di base. Come spesso accade, però, le differenze sono nascoste: l’ultimo nato in casa Bürstner, infatti, gioca le proprie carte a tutto tondo e su diversi terreni. Si caratterizza, infatti, per la presenza di un doppio pavimento passante da 12 cm di luce, presente su tutta la superficie del veicolo, per le non comuni possibilità di personalizzazione, dedicate a esterni, interni, componenti, soluzioni di arredo, look, meccanica e telaio, e per un listino davvero interessante. Un veicolo, quindi, che non è ciò che sembra e che, proprio per questo, è tutto da scoprire, in primis perchè non è disegnato intorno alla presenza e all’integrazione nell’abitacolo del basculante anteriore, ma per offrire un comfort di alto livello al proprio equipaggio, indipendentemente dalla presenza o dall’assenza dell’ormai inflazionato letto discendente: degli otto modelli a catalogo, solo i due più compatti lo propongono, di serie, mentre i restanti sei lo offrono come opzione. Il risultato è quello di una gamma completa, nata soddisfare in primis le esigenze della coppia: dinamica e amante della massima convivialità diurna, grazie a maxi living anteriori con servizi posteriori in poco meno di sei metri (Lyseo t 586 e Lyseo t 590), desiderosa di bilanciare ingombri esterni non eccessivi (699 o 710 cm) all’indubbia comodità di letti gemelli, letto centrale o matrimoniale trasversale (Lyseo t 690, Lyseo t 700, Lyseo t 710), o più matura e consapevole del valore aggiunto dato dagli ampi spazi abitabili nei viaggi a lungo raggio (Lyseo t 728G, Lyseo t 734, Lyseo t 744), capaci di sfiorare i 7,5 metri di lunghezza e di proporre abitacoli generosi e particolarmente accoglienti. Doti, queste, assolutamente evidenti nel veicolo oggetto di questo CamperOnFocus, il nuovo Lyseo t 728G.

Contraddistinto dalla presenza dei letti gemelli posteriori su garage passante, di una nuova toilette laterale con doccia indipendente abbinata a un attrezzato blocco cucina a L e a un living anteriore comodo e conviviale, il 728 G è un profilato classico ma piacevole e ricco di carte da giocare, a partire dal design esterno. Se, infatti, le linee sono quelle ormai consuete di questa tipologia di veicoli, con una buona sintesi tra la linearità della tradizionale scocca a pannelli sandwich e le forme automobilistiche del cupolino anteriore monoblocco in vetroresina, le possibilità di personalizzazione offerte da Bürstner sono invece un unicum nel panorama continentale.

Il veicolo, infatti, è disponibile di serie con le “normali” finestre in metacrilato Polyplastic, efficaci ma poco automobilistiche, o con le più moderne e accattivanti Dometic S7 ultrapiatte, complete di telaio in alluminio e superficie piana. Allo stesso tempo, la porta cellula, in versione XL, può essere costituita da un elemento tradizionale a sviluppo intero o da una automotive Hartal Premium con finestra e serratura di sicurezza con chiusura centralizzata, mentre per ciò che concerne il look, il costruttore offre la possibilità di optare per tre diverse colorazioni dedicate alla cabina di guida (bianco, Argento metallizzato o Champagne metallizzato), ognuna abbinata a grafiche esterne specifiche, e addirittura di poter scegliere se richiedere o meno i predellini anteriori, prosecuzione ideale delle classiche bandelle sottoscocca. Ancora, ogni veicolo può essere equipaggiato con il classico sunroof panoramico integrato al cupolino anteriore o con più portelli di accesso al garage posteriore, tutti serviti da serrature di sicurezza di ultima generazione con doppio punto di aggancio e comando centrale unificato. 

Le linee classiche, quindi, nascondono una insospettabile personalità senza tradire la missione principale di questo veicolo: massimizzare gli spazi abitabili interni. Ecco, allora, che l’altezza complessiva non è certo tra le più contenute, ma è ben mitigata da una grafica serigrafata dinamica e accattivante, giocata sulle tinte dello champagne e dell’antracite metallizzato che, insieme alle finestre e ai portelli dedicati alle aperture di servizio, spezza efficacemente lo sviluppo verticale delle pareti. Anteriormente, il compito di congiungere la cabina guida del Ducato, marcatamente automobilistica, alla tradizionale scocca sandwich è invece affidato a un nuovo cupolinoin vetroresina: ben profilato, ha forme morbide sia lateralmente sia frontalmente, con questa zona che, giocando su una scalfatura centrale, ospita con naturalezza sia il classico logo della factory di Kehl sia il sunroof panoramico, disponibile in opzione. Lateralmente, invece, le bandelle inferiori in alluminio sono piuttosto sottili e poco appariscenti, ben integrate nell’estetica generale del veicolo: più evidenti sono, invece, i parafanghi posteriori, realizzati in abs e plasmati a imitazione di quelli originali del Ducato, e i carter che ingentiliscono la parete di coda, dominata dagli ormai classici gruppi ottici Bürstner a sviluppo verticale. 

Lungo 749 cm, largo 230 e alto 295 cm, il nuovo Lyseo t 728 G sfrutta come meccanica di base il Fiat Ducato 35 Light con telaio ribassato Camping-Car Special e passo extralungo da 430 cm in modo da distribuire le porzioni a sbalzo tra una anteriore di 94.8 cm e una posteriore di 224,2 (pari al 52,1 % del passo): un dato decisamente importante, specie in un veicolo a trazione anteriore, che permetterà di sfruttare correttamente le generose volumetrie garantite dal garage posteriore. 

Di serie, Bürstner propone il telaio 35 Light mentre in opzione è disponibile lo chassis Ducato Maxi (1.476 Euro): per entrambi la motorizzazione base è rappresentata dal nuovo 2.3 Multijet II da 130 cv (320 N/m di coppia). Chi desidera maggiori performance può richiedere il rinnovato 2.3 Multijet II 148 cv (380 N/m – 1.774 Euro) o il nuovo e potente 2.3 Multijet II Power da 177 cv (400 N/m di coppia, 4.050 Euro). Tutte le motorizzazioni, rispettose delle normative antinquinamento Euro6, sono proposte, di serie, con cambio manuale a sei rapporti, mentre in opzione è disponibile il sistema automatizzato ComfortMatic (Euro 2.074). A livello di dotazioni, Buerstner propone ABS con EBD, Airbag lato guida, cerchi e pneumatici maggiorati a 16 pollici, alzacristalli elettrici, chiusura centralizzata con telecomando e paraurti anteriore verniciato in tinta con l’allestimento. Assolutamente obbligatorio diventa, quindi, richiedere il Pack Chassis, disponibile sia in versione con climatizzatore manuale (Euro 3.024) che automatico (Euro 3.464) che comprende, oltre ovviamente al climatizzatore, anche Airbag passeggero, specchietti retrovisori riscaldabili ed orientabili elettricamente, ESP (Sistema di stabilità elettronico), Traction+ e Hill Holder incluso, Cruise Control, poltrone cabina con fodere coordinate.

Il veicolo provato, dotato di motorizzazione da 130 cv, è dotato di telaio Ducato Maxi, di Pack Chassis con clima manuale, di Pack Interieur Design Fiat (abbelimento cruscotto in alluminio design, ghiera del pannello strumenti cromata, sterzo e pomello cambio rivestiti in pelle – Euro 410), della cabina guida in tinta Champagne metallizzato (Euro 920) e delle luci anteriori DRL a led (Euro 329).

Lo chassis ribassato Camping-Car Special, opportunamente prolungato, in coda, da un telaio ausiliario in acciaio zincato, è la base che sostiene il pavimento inferiore del veicolo: si tratta di un sandwich da 41 mm di spessore composto da un rivestimento esterno in vetroresina, un’intelaiatura perimetrale in poliuretano e un isolamento interno in XPS abbinato, sul lato interno, a un secondo pannello in vetroresina.

Questo pianale rappresenta la base del doppio pavimento: presente su tutta la superficile della cellula abitativa, escluso naturalmente il garage posteriore, ha una luce passante di 12 cm ed è pensato per contenere al proprio interno gran parte delle componenti tecniche di bordo (canalizzazioni degli impianti idrico, elettrico e del riscaldamento, batterie servizi) in un ambiente protetto e riscaldato: a tutto ciò, naturalmente, si abbinano i classici e utili vani di stivaggio, raggiungibili tramite apposite botole interne integrate al piano di calpestio, realizzato in sandwich di multistrato fenolico/XPS e alluminio per un totale di 20 mm di spessore rivestito, nella porzione superiore, in linoleum effetto parquet. 

Le pareti, da 30 mm di spessore, sfruttano un rivestimento esterno in alluminio liscio, intelaiatura in poliuretano, coibentazione in XPS e rivestimento interno in multistrato fenolico rivestito in melaniminico: una costruzione identica, ma contraddistinta dal rivestimento esterno in vetroresina antigrandine, è poi impiegato per il tetto. La scocca si completa, poi, con il già citato cupolino anteriore, realizzato in vetroresina e il cui cielo è rivestito, all’interno, con tessuto nautico imbottito, con le bandelle laterali, stampate in alluminio verniciato a polvere, con il paraurti posteriore, i parafanghi e i raccordi tra cabina e abitacolo in abs.

A tetto, poi, il nuovo Lyseo t 728 G vede la presenza dello sky-view anteriore (opzionale, Euro 562), di tre Dometic MiniHeki da 40×40 cm (dedicati a living, cucina e camera da letto posteriore) e di due oblò a pantografo da 28×28 cm a servizio di toilette e doccia separata: questi, uniti a quattro finestre Dometic S7 con cornice in alluminio verniciato apribili a compasso concorrono a fornire un buon apporto di luce naturale e di possibilità di aerazione.

L’accesso al veicolo può poi contare su una porta cellula Hartal XL (opzionale, Euro 1.015 con larghezza maggiorata (190×66 cm), completa di finestra fissa con oscurante plissettato, serratura di sicurezza a doppio aggancio e chiusura centralizzata con telecomando (opzionale, Euro 240), controstampo interno in abs vano portaoggetti/portaombrelli, zanzariera scorrevole a pacchetto e luce esterna a led, mentre l’accesso ai vani tecnici di bordo si affida a portelli Hymer-Metall con cornice in alluminio e serrature di sicurezza. 

Tra questi, naturalmente, vi sono quelli dedicati al garage posteriore: servito da un portello laterale destro da 107×82 cm, eventualmente integrabile da un secondo simmetrico sul lato sinistro di identiche dimensioni (Euro 511), il vano di carico si sviluppa in un ambiente profondo 216 cm, largo 104 e con un’altezza utile interna di 120 cm. Completo di fondo antisdrucciolo e antiusura, vede la presenza di due utili binari con ganci riposizionabili per il fissaggio del carico, offre una soglia di carico a 52 cm da terra e è completo di illuminazione (uno spot led azionabile dal portello laterale destro) e riscaldamento, tramite una bocchetta sezionabile. 

In opzione, il vano garage può essere equipaggiato a piacere in modo da sfruttarne al massimo la capacità di stivaggio: tra le varie possibilità, Bürstner propone anche utili elementi contenitori organizzabili a piacere e facilmente asportabili in caso di necessità (presenti sull’esemplare provato).

Gli impianti

L’autonomia idrica è affidata a un serbatoio da 120 litri, realizzato in polietilene lineare alimentare e inserito all’interno della cassapanca ricavata alla base del divano frontemarcia.


Parzializzabile a 20 litri in caso di equipaggio al completo, il serbatoio è raggiungibile dall’esterno grazie all’apposito Service-Box, il vano tecnico che raggruppa bocchettone di rifornimento idrico, tappo di ispezione del serbatoio, allacciamento alla rete elettrica e valvola antigelo Frost-Control e che è collocato lungo la fiancata sinistra.


Servito da una pompa a immersione Schaudt, l’impianto idrico utilizza tubazioni in rilsan e giunti a fascetta per distribuire l’acqua alle varie utenze di bordo, dove è erogata da rubinetti monocomando in plastica cromata e, dove, una volta utilizzata, è raccolta da pilette inox da 35 mm di diametro abbinate a sifoni ispezionabili prima di essere indirizzata al serbatoio di recupero da 90 litri, inserito sottoscocca nella parte centrale dell’abitacolo e scaricabile grazie a un rubinetto a sfera in ottone con rimando del comando lungo la fiancata sinistra.


Il serbatoio, realizzato in polipropilene, può essere richiesto completo di coibentazione e riscaldamento (Euro 819 o Pack Winter); il wc, invece, è il classico Thetford C260 con tazza girevole e cassetta estraibile da 19 litri.
Il riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria sono affidati alla stufa a gas Truma Combi 6 CP Plus: inserita alla base del divano frontemarcia del living, accanto al serbatoio dell’acqua potabile, è accessibile tramite un portello superiore facilmente amovibile.


Con una potenza di 6kW e una ventola capace di una portata oraria di 327 metri cubi di aria, la Truma Combi distribuisce il calore prodotto sfruttando una canalizzazione di dieci bocchette distribuite in tutto il veicolo, compresa la cabina di guida che, richiedendo il Pack Winter, può beneficiare di apposite diramazioni utili a riscaldare le relative poltrone.


La canalizzazione e il riscaldamento, sviluppati interamente all’interno del veicolo, sfruttano molto bene le possibilità offerte dal doppio pavimento e sono gestiti dalla sonda termostatica collocata, insieme al pannello di comando dell’impianto, a fianco alla porta di ingresso. In opzione, Bürstner offre la possibilità di richiedere il Lyseo t 728G equipaggiato di riscaldamento Truma Combi 6E CP Plus, completo di resistenze elettriche integrate (Euro 769): sempre in opzione, poi, è proposto il sistema di comando in remoto dell’impianto elettrico Truma iNet System (Euro 562).


L’impianto elettrico si avvantaggia della presenza di una batteria servizi Varta Professional Dual Purpose da 90Ah, installata all’interno del doppio pavimento, nella parte sottostante al divanetto laterale destro: affiancabile da un secondo accumulatore, già previsto in sede di progettazione del vano di contenimento (opzionale, 238 Euro), è gestita da un trasformatore/caricabatterie Schaudt EBL 99, inserito all’interno della base sedile conducente in cabina di guida.


Il comando dell’impianto elettrico è affidato a un pannello Schaudt LT 96: installato a fianco alla porta di ingresso e molto semplice nelle fattezze, permette di monitorare l’autonomia energetica (batteria servizi e batteria motore), idrica (serbatoio acqua potabile e recupero), di comandare l’attivazione della pompa dell’acqua a immersione e ospita il classico interruttore generale dell’impianto a 12V.

Sempre per ciò che concerne l’impianto elettrico, il Lyseo t 728G è equipaggiato di cinque prese di corrente a 220V (dedicate a living, cucina, zona di ingresso, toilette e camera da letto posteriore), due a 12V (vano tv e cabina di guida) e una USB (cabina di guida), mentre l’illuminazione, interamente a led, abbina spot incassati, spot di lettura riposizionabili a piacere e elementi a diffusione indiretta.

In particolare, la cabina di guida e il living anteriore sono serviti da tre spot trasversali a tetto, integrati al pannello di rifinitura dell’unione tra cupolino e soffitto, dall’illuminazione indiretta a tetto, distribuita sopra ai pensili lungo le pareti destra e sinistra e da due spot di lettura orientaibili e riposizionabili a piacere su ciascun lato (totale quattro elementi). La zona di ingresso abbina due spot superiori a tetto all’illuminazione indiretta del vano di stivaggio inferiore a giorno, situato a sinistra della porta, mentre il blocco cucina a L opta per l’illuminazione indiretta a tetto e per due spot sottopensile orientabili e riposizionabili. La toilette beneficia, invece, della retroilluminazione laterale del classico specchio di cortesia, abbinandovi due spot integrati a soffitto: due ulteriori spot, poi, servono la doccia separata.

In coda, la camera padronale con letti gemelli sfrutta due spot a tetto e due spot di lettura orientabili e riposizionabili: non mancano, poi, i sistemi di illuminazione interna automatica dedicati agli armadi guardaroba, uno spot a servizio del garage posteriore e la luce esterna dedicata all’eventuale veranda.
Per ciò che concerne l’impianto gas, invece, il veicolo è equipaggiato di un vano dedicato a ospitare le due classiche bombole da 10 kg: è inserito lungo la fiancata sinistra ed è accessibile tramite un portello con apertura ad ala di gabbiano.


Dotato di fondo in lamiera zincata, opportunamente provvisto di feritoie di aerazione, è completo di ganci fermabombola e di riduttore di pressione a 30Mbar Cavagna Group: l’impianto, realizzato con tubazioni in acciaio, è poi corredato di tre rubinetti sezionatori (dedicati a riscaldamento/boiler, frigorifero, fornello) inseriti alla base del blocco cucina.

In opzione, poi, Bürstner propone il sistema Toptron CPU (Crash Protecion Unit) che assicura la possibilità di utilizzare il riscaldamento in marcia, grazie alla presenza dell’interruttore inerziale, e di beneficiare del sistema automatico di scambio bombola.

All’interno

Piacevolmente moderni e lineari, gli interni sono disponibili in due diverse tonalità: più scura, in essenza “Santina”, o più chiari e luminosi, nella variante “Ginger Teak”, come sull’esemplare oggetto di questo CamperOnFocus.
Per entrambi, Bürstner prevede una costruzione curata, come da tradizione della casa, optando per ante dei pensili bombate laccate in bianco lucido e contraddistinte da ampie maniglie in metallo cromato. Sotto a queste, la base dei pensili, ben raccordata, ospita i binari che contengono gli spot led riposizionabili a piacere, ben integrati e obiettivamente funzionali. 

Realizzati in multistrato nobilitato bilaminato con spessori tra 12 e 18 mm a seconda della componente, i mobili vantano un assemblaggio preciso ed efficace e si caratterizzano per l’adozione di componenti meccaniche di qualità tra cui spiccano le cerniere in acciaio della modenese DGN e i cassetti completi di rientro assistito soft-close.


Non mancano, naturalmente, ampie paretine anticondensa a servizio della zona living, con gli schienali dei divani distanziati di 7 cm dalle pareti, e le utili feritoie posteriori dedicate ai pensili, pensate per massimizzare la circolazione di aria all’interno dell’abitacolo. Proprio i pensili, poi, si segnalano per una intelligente parete di fondo fittizia, leggermente separata da quella del veicolo, e per la presenza di utili mensole interne. L’attenzione del costruttore è poi evidente nella qualità dei rivestimenti, con il cupolino interno imbottito e rifinito con tessuto tecnico, mentre in coda, i letti gemelli hanno pareti anticondensa, riscaldamento perimetrale, reti a doghe e materassi in schiuma fredda da 12 cm di spessore. 


Per ciò che concerne le sellerie, infine, Bürstner offre una scelta particolarmente ampia: si parte dall’individuazione della tipologia di stoffa, che può essere in tessuto (Pastis o Stone), in Ecopelle (Bianca o Sand) o in Vera Pelle (Ferra Arc o Havanna Wave) per passare all’abbinamento dei rivestimenti dei cuscini o delle fasce (Nero, Wallis, Mocca, Kiwi, Java, Lunel, Ariane, Latte) per permettere a ogni committente di realizzare il look interno più vicino ai propri gusti. L’esemplare oggetto di questo CamperOnFocus, in particolare, opta per la combinazione Ecopelle Bianca/Mocca.


Elemento comune per tutti i rivestimenti è dato dalle cuscinerie, comode ed ergonomiche (da 14/18 cm di spessore), con schienali laterali composti da due elementi accoppiabili e divanetto frontemarcia corredato da poggiatesta automobilistici e cinture di sicurezza a tre punti.

La zona anteriore dell’abitacolo è dedicata al living: pensato per ospitare fino a cinque persone, grazie anche alla partecipazione delle poltrone anteriori, complete di piastre girevoli, si compone di una semidinette a L (103×48+59×57 cm) opposta a un divanetto laterale (62×43 cm, eventualmente trasformabile in un quinto posto viaggio contromarcia) serviti da un tavolo centrale da 100/80×68/58 cm, completo di piano traslabile e girevole e monogamba collassabile.

La dinette a L, presente sull’esemplare oggetto di questo CamperOnFocus, è proposta in opzione (510 Euro): di serie, infatti, il Lyseo t 728G è proposto con la classica semidinette con tavolo ancorato a parete e piano di ampliamento a scorrimento per servire le postazioni situate lungo la fiancata destra.

L’ambiente, accogliente e rilassante, beneficia della luminosità fornita, oltre che dalla generosa vetratura della cabina di guida, da una finestra Dometic S7 apribile a compasso, collocata lungo la fiancata sinistra e completa di unibloc oscurante/zanzariera e tende a pacchetto, dalla finestra inglobata sulla porta di ingresso, dell’oblò panoramico sunroof integrato al cupolino anteriore e da un ulteriore oblò a tetto Dometic MiniHeki, mentre non è presente la classica finestra laterale destra alle spalle del divanetto a fianco all’ingresso. 

La privacy, come detto, può contare sugli unibloc oscuranti/zanzariera, previsti per tutte le finestre e per gli oblò, mentre la cabina guida, di serie, è fornita di oscuranti plissettati da mantenere in sede con bottoni automatici, lasciando così all’utente finale la possibilità di richiedere i più pratici Remis Remifront 4 (Euro 506). Di sera, invece, l’abitacolo può contare su un’ottimo apporto da parte dell’impianto illuminotecnico: sono infatti presenti tre spot a tetto, disposti trasversalmente a soffitto, l’illuminazione indiretta a led, diffusa sopra ai pensili e quattro spot di lettura orientabili e riposizionabili a piacere poichè sono installati in appositi binari opportunamente nascosti nella parte bassa dei montanti. L’effetto è molto piacevole e si abbina bene alle colorazioni chiare del mobilio: ancora per ciò che concerne l’impianto elettrico, il soggiorno del Lyseo t 728G è poi provvisto di una presa di corrente a 220V e può sfruttare la comoda USB originale della meccanica di base Fiat Ducato, collocata nella parte destra del cruscotto e fruibile anche a motore spento. 

Come ovvio, l’assenza del letto basculante (peraltro disponibile in opzione), regala all’ambiente una eccellente ariosità e generosità in termini di spazio: un aspetto, questo, che si ripercuote anche sui volumi di stivaggio, con due ampi pensili collocati a coronamento del divano a L, lungo la fiancata sinistra (totale 148x32x48 cm) e uno lungo quella destra, sopra al divanetto laterale (58x32x48 cm): sono dotati di una comoda mensola interna, dotata di bordo anticaduta, e sono affiancati, nella porzione inferiore dell’abitacolo, dalla cassapanca ricavata alla base del divano di destra, nella porzione ricavata sopra al vano batterie, e da un utile vano inserito nel doppio pavimento (71x27x12 cm) servito da un’apposita botola (74×40 cm).

A questi si aggiungono, poi, i vani a giorno inseriti all’interno del cupolino di raccordo anteriore (laterali 28x63x47/20 cm, frontale 188x13x15 cm) e i due vani a giorno ricavati accanto all’ingresso in quella che è la vera e propria colonna dedicata a ospitare anche la classica tv led grazie alla predisposizione delle relative prese 12/220V/antenna ma non dell’utile supporto orientabile.

Collocato alle spalle del soggiorno, il blocco cucina si sviluppa a L: il piano, da 95×45+94×55 cm, vede la presenza di un fornello Cramer a tre fuochi disposti in linea (59×35 cm, distanza tra gli erogatori 17 cm), completo di coperchio in cristallo temperato e accensione piezoelettrica integrata, e di un ampio lavello circolare in acciaio inox (diametro 30 cm), ben servito da un elegante rubinetto monocomando in plastica cromata. 

Non manca, nella parte interna della penisola, un utile piano di lavoro 48×33 cm) mentre per ciò che concerne l’aerazione, il Lyseo t 728G si affida all’abbinamento tra una finestra Dometic S7 apribile a compasso e un oblò a tetto Dometic MiniHeki da 40×40 cm. In opzione, invece, ecco la cappa aspirante (Euro 204).

L’illuminazione opta per il fascio indiretto a soffitto, distribuito sopra ai pensili, e due spot orientabili e riposizionabili, collocati alla base di questi, mentre per ciò che concerne lo stivaggio ecco un ampio pensile a soffitto (95x32x48 cm) completo di mensola interna.

Altri vani, naturalmente, sono poi disponibili nella parte inferiore: sotto al piano cottura ecco infatti il classico cassetto portaposate (36x41x9 cm), un secondo cassetto (36x41x24 cm) e un vano con sportello incernierato parzialmente occupato dall’interruttore magnetotermico dell’impianto elettrico. Nella porzione a penisola, invece, il Lyseo t 728 ospita i rubinetti sezionatori dell’impianto gas e, sotto a questi, due cassetti da 36x41x24 cm. 

A fianco al blocco cucina ecco, poi, la classica colonna dedicata a ospitare il frigorifero: ospita un Dometic RML 9435 da 145 litri, completo di selezione automatica della fonte di alimentazione e cella freezer integrata. Sopra a questo non mancano, poi, un vano pensato per ospitare l’eventuale forno a gas, disponibile in opzione (Euro 650), e un ulteriore cassetto inferiore.

Di fronte al blocco cucina, la toilette si sviluppa linearmente lungo la parete destra ed è accessibile tramite una porta a battente da 196×49 cm: l’ambiente è suddiviso tra una porzione dedicata al bagno (88/74×73 cm) e a una pensata per ospitare la doccia separata (78/64×45 cm).

Pregevolmente arredato in legno, il bagno vede la presenza, sulla sinistra, del wc a cassetta Thetford C260 con tazza girevole e serbatoio asportabile da 19 litri, mentre sulla destra ecco il mobile con lavabo in termoformato contraddistinto da dimensioni superiori alla media e una forma che ricorda da vicino le realizzazioni domestiche: è servito da rubinetto monocomando in metallo cromato con getto a vista e da una piletta inox da 35 mm completa di sifone.

L’allestimento si completa, naturalmente, con il classico specchio di cortesia, ben illuminato sia da due elementi verticali indiretti sia da due spot a soffitto dedicati, mentre l’aerazione si affida a un oblò dedicato a tetto da 28×28 cm con apertura a pantografo.

Per ciò che concerne lo stivaggio, invece, ecco un pensile superiore, nella porzione prospiciente il wc, completo di due mensole interne, e uno inferiore, sotto al lavabo, suddiviso in tre porzioni. 

A fianco alla toilette, il box doccia è a sviluppo trapezoidale ed è completamente arredato in termoformato: il piatto inferiore è dotato di doppia piletta di scarico maggiorata ed è abbinato a una colonna attrezzata con rubinetto monocomando, erogatore a telefono su piantana regolabile e doppia mensola portaoggetti. Non mancano, naturalmente, l’illuminazione, che sfrutta due spot led a soffitto, e l’aerazione, con un oblò a pantografo a tetto, mentre la separazione è affidata a due semiporte a libro in metacrilato traslucido. 

La camera da letto posteriore si affida alla sempre più richiesta soluzione dei letti gemelli su garage: in particolare, il Lyseo t 728G offre due letti da 200/190×80 cm (lato destro) e 199×80 cm (lato sinistro).


I letti, situati a 112 cm da terra, beneficiano di un cielo utile di 93 cm, di materassi in schiuma fredda da 12 cm di spessore collocati su reti a doghe e corredati di paretine anticondensa all’interno delle quali è immessa l’aria calda proveniente dall’impianto centralizzato Truma Combi 6 CP Plus. 


La camera da letto beneficia di due finestre Dometic S7 simmetriche coadiuvate, a tetto, da un oblò MiniHeki da 40×40 cm, mentre l’illuminazione si affida a due faretti incassati a tetto e a due spot orientabili di lettura a coronamento delle testate dei letti gemelli.

Non mancano, sempre dedicate all’ambiente posteriore, le prese a 12 e 220V, mentre per ciò che concerne la separazione rispetto al resto dell’abitacolo, ecco una utile doppia porta scorrevole inserita tra i letti e la toilette.

Facilmente accessibili tramite due appositi gradini a pavimento (soglia 59 cm), entrambi sfruttabili per lo stivaggio e con il gradino inferiore scorrevole per non intralciare il passaggio quando non necessario, la camera padronale può vantare tre ampi pensili posteriori e diverse possibilità di stivaggio inferiori, studiate in maniera intelligente per essere sfruttabili senza alcuna movimentazione dei letti.

L’armadio guardaroba principale, infatti, è inserito alla base del letto posteriore destro, si sviluppa in un ambiente da 85x60x88 cm, è accessibile tramite un’anta incernierata ed è completamente estraibile, permettendo così un facile sfruttamento dell’appendiabiti. Non manca, naturalmente, l’illuminazione interna ad accensione automatica.

Un trattamento simile, poi, è riservato allo spazio ricavato alla base del letto singolo di sinistra: i tecnici Bürstner, infatti, hanno realizzato un mobile estraibile articolato su tre vani (per un totale da 36×60/48×88 cm) sfruttabili per riporvi maglie, felpe e capi ripiegati. 

Un terzo armadio a sviluppo verticale, poi, è inserito tra colonna frigo e letto singolo di sinistra: offre uno spazio utile da 190x28x55 cm e può essere configurato a piacere, sfruttando i sei ripiani in dotazione o dedicandolo a ospitare i classici capi appesi. Per le scarpe, invece, viene in soccorso un apposito vano interno al doppio pavimento: è situato tra cucina e toilette, è servito da un’apposita botola e offre uno spazio utile da 90x47x12 cm.

In assenza del letto basculante, come detto disponibile in opzione (Euro 1.590), per ospitare un terzo passeggero sarà possibile sfruttare il living anteriore: va detto, però, che la possibilità di trasformare questo ambiente in un letto singolo è proposta solo come optional (Euro 306) e permette di realizzare un singolo trasversale lungo 205 cm e contraddistinto da una larghezza massima di 103 cm e una una minima di 62 cm. L’allestimento del letto, in particolare, richiede l’abbassamento del piano del tavolo e l’utilizzo di un apposito cuscino supplementare. 

 

Piantine e misure

Dotazioni di serie

Fiat Ducato 35 Light 130 MultijetII Euro6 completo di ABS, EBD, Airbag lato guida, paraurti anteriore in tinta, alzacristalli elettrici e chiusura centralizzata, poltrone cabina con fodere coordinate, cerchi in acciaio da 16 pollici. Veicolo provato, comprensivo di:

  • Telaio Fiat 2.3 Multijet Maxi 130 Multijet II – Euro 1.476
  • Pack Chassis con clima manuale (Airbag passeggero, Specchietti retrovisori riscaldabili ed orientabili elettricamente, ESP (Sistema di stabilità elettronico), Traction+ e Hill Holder incluso, Climatizzatore manuale con filtro antipolline, Cruise Control, poltrone cabina con fodere coordinate) – Euro 3.024
  • Pack Interieur Design Fiat (Abbelimento cruscotto in alluminio design, Ghiera del pannello strumenti cromata, Sterzo e pomello cambio rivestiti in pelle) – Euro 410
  • Verniciatura cabina di guida Champagne metallizzato – Euro 920
  • Pack Luce Lyseo (illuminazione indiretta sopra ai pensili, illuminazione sotto al piano di lavoro, specchio retroilluminato in bagno) – Euro 296
  • Pack Winter (Truma Combi 6E al posto di Combi 6, Serbatoio di scarico e svuotamento isolato e riscaldabile, Truma Combi 6 E, Sedile riscaldato autista, Sedile riscaldato passeggero, tende termoisolanti esterne) – Euro 1.568
  • Pack Ambiente (Cuscini decorativi, 4 pz., Copriletto (i), Lenzuola con gli angoli per letti fissi, Moquette cabina guida e cella abitativa) – Euro 477
  • Luci diurne DRL Fiat – Euro 329
  • Finestre con cornice in alluminio – Euro 716
  • Portellone garage supplementare lato sinistro – Euro 511
  • Porta d’ingresso intera con finestra, zanzariera e pattumiera (Hartal Premium XL) – Euro 1.015
  • Chiusura centralizzata porta cellula – Euro 240
  • Skyroof panoramico integrato nel cupolino – Euro 562
  • Mondo abitativo Ecopelle bianca/Mocca – Euro 153
  • Dinette anteriore a L – Euro 510
  • Trasformazione a letto per living anteriore – Euro 306
  • Zanzariera porta ingresso – Euro 323
  • Indicatore a distanza bombole gas CPU – Euro 57
  • Sistema multimediale Pioneer AVH-X5800BT con retrocamera – Euro 1.322

Totale veicolo in CamperOnFocus Euro 71.615

Conclusioni

L’idea è semplice e brillante: creare una gamma di prodotti che, grazie alle innumerevoli possibilità di personalizzazione, possa rispondere a esigenze anche molto diverse tra loro. Un modo per semplificare il listino, certo, ma anche e soprattutto la creazione di un percorso che accompagni il cliente finale a costruire, particolare dopo particolare, il proprio veicolo in base al proprio gusto, alle proprie necessità, al proprio budget. E’ nata così la gamma Lyseo t, l’ultima proposta di Bürstner in materia di profilati. O di profilati con basculante. Di profilati di fascia media. O, anche, di profilati di fascia alta: permetteteci il gioco di parole,  non è confusione, ma è la semplice realtà. Lyseo t è tutto questo, ovvero tutto ciò che chi lo sceglie decide che il proprio esemplare debba essere.

Il conosciuto brand tedesco ha costruito il proprio successo abbinando tre fattori chiave: una buona e riconociuta qualità costruttiva, una innegabile capacità di leggere l’andamento del mercato e di anticiparne e cavalcarne le tendenze, e una non comune originalità per uscire dagli schemi di un costruttore generalista e stupire il pubblico con soluzioni, spesso, uniche. Che si tratti di un ibrido tra un van, un profilato e una monovolume (il Brevio), di una caravan con letto basculante (Averso Plus), di un profilato con basculante trasversale e garage estraibile posteriore (l’indimenticabile MegaVan), di un motorhome di lusso con maxi parabrezza (il recente Grand Panorama) o di un profilato con basculante longitudinale a scomparsa (l’ultima generazione Ixeo), Bürstner è sempre riuscita a connotare fortemente i propri veicoli. Veicoli particolari, certo, ma proprio per questo assolutamente interessanti, capaci di emergere nella moltitudine di proposte disponibili sul mercato. 

Il nuovo Lyseo t non è da meno: è sicuramente più convenzionale rispetto ai prodotti citati pocanzi, e forse per questo è ancora più interessante, perchè riesce a coniugare aspetti tecnici e stilistici solitamente molto distanti tra loro. La nuova gamma centrale di casa Bürstner, infatti, non solo è proposta in otto diversi modelli con lunghezze da 6 a 7,5 metri, ma è pensata per essere competitiva e attrattiva in almeno due differenti fasce di mercato, quella media (prezzi nell’orbita dei 55/60 mila Euro) e quella medio/alta (60/70 mila) semplicemente giocando le proprie carte su una buona base di partenza e su una non comune possibilità di personalizzazione. Ecco, allora, che uno dei modelli di maggiori dimensioni, il Lyseo t 728G, può essere acquistato a partire da 60.424 Euro in versione “base” ma comprensiva del necessario (e imprescindibile) Pack Chassis, superare i 70.000 Euro per un esemplare ben accessoriato come quello oggetto di questo CamperOnFocus o puntare ancora più in alto con equipaggiamenti e meccanica degni di un vero e proprio veicolo di alta gamma, senza alcun timore reverenziale in materia di qualità o peculiarità tecniche. I fondamentali, infatti, ci sono tutti, indipendentemente dal conto finale: una scocca ben realizzata e completa di un utile doppio pavimento tecnico presente su tutta la superficie del veicolo, impianti adeguati e curati, pensati per offrire comfort di alto livello all’equipaggio/tipo, un mobilio curato e molto piacevole nel look, uno sfruttamento degli spazi accorto e obiettivamente convincente. Ciò che cambia, semplicemente, è la ricchezza delle dotazioni, esattamente come avviene nel mondo dell’auto.

Disponibile sia senza che con letto matrimoniale basculante a movimentazione elettrica, questo profilato di dimensioni medio/grandi è un ottimo alleato della coppia: offre spazio in abbondanza sia in termini di volumi abitabili che stivabili, è ben realizzato e ha diverse carte da giocare. Il Lyseo t 728G ha, infatti, una camera da letto posteriore ampia e curata, due ottimi armadi guardaroba che, finalmente, possono essere raggiunti senza dover disfare i soprastanti letti gemelli, un garage ampio e regolare, una toilette con doccia separata che non ha nulla da invidiare a quelle con box indipendente, un blocco cucina ben attrezzato e un living anteriore conviviale e ospitale, specie se richiesto in versione a L. Ancora, il soggiorno potrà essere ordinato in versione trasformabile in un comodo terzo letto singolo, andando così a sostituire il letto basculante anteriore, anch’esso disponibile in opzione e dedicato a chi desideri la possibilità di ospitare occasionalmente due ulteriori persone. Un veicolo dalle tante possibilità, quindi, a patto di trovare il giusto bilanciamento tra opzioni, listino e pesi: questi ultimi due, infatti, possono risentire in maniera sensibile delle scelte effettuate in sede di ordine del veicolo.

Cosa ci è piaciuto di più

  • La presenza del doppio pavimento passante, capace di coprire tutta la superficie della cellula abitativa, fa sì che tutte le canalizzazioni dei vari impianti di bordo (acqua, riscaldamento, elettricità…) siano interne e protette.
  • Il layout interno sfrutta molto bene i centimetri a disposizione regalando sempre ambienti ampi e fruibili: ciò vale per il living anteriore, per il blocco cucina, per la toilette, completa di doccia separata comoda e ben realizzata e per la camera da letto posteriore, con letti gemelli ampi, ben raggiungibili e molto ben allestiti.
  • Il mobilio, disponibile in due essenze, è ottimamente realizzato: piacevole e contemporaneo nel design, è progettato per assecondare la propagazione del calore prodotto dall’impianto termico Truma e offre ampie paretine e feritoie anticondensa.
  • Lo stivaggio è davvero ampio ed è razionale negli spazi offerti: molto comodi sono i due armadi guardaroba estraibili sotto ai letti posteriori. Si tratta di una soluzione ideale, che permette di sfruttare al meglio i volumi utili senza movimentare (e disfare) i letti.
  • Gli impianti sono molto curati, a partire da quello di riscaldamento, potente e ben distribuito in ogni ambiente, compresa la cabina di guida con poltrone riscaldate, i letti gemelli dotati di riscaldamento perimetrale, il doppio pavimento e il garage posteriore.
  • Il letto basculante è proposto solo in opzione: una scelta corretta per un veicolo che si rivolge in primis alla coppia e che potrà ospitare un terzo passeggero trasformando in pochi secondi il living anteriore in un letto singolo trasversale senza perdere così la possibilità di utilizzo della zona di ingresso.
  • Le possibilità di personalizzazione sono piuttosto ampie e contemplano, tra gli altri, quattro design per gli esterni, due per gli interni, quattro motorizzazioni, due telai, due sistemi di riscaldamento.
  • Il passo extralungo (430 cm) è ben calibrato rispetto alle dimensioni dell’allestimento e permette di non eccedere con lo sbalzo posteriore.

Cosa ci è piaciuto di meno

  • La dotazione di serie della meccanica di base è ridotta all’osso: inimmaginabile che un veicolo moderno come questo Lyseo t 7282G non abbia, di serie, le dotazioni basilari di una normalissima utilitaria. Il Pack Chassis andrebbe previsto rigorosamente di serie.
  • Il doppio pavimento, presente su tutta la superficie del veicolo, potrebbe essere sfruttato meglio, ad esempio ospitando, almeno parzialmente, il serbatoio di recupero delle acque grigie, esterno e coibentabile solo come opzione, o il caricabatterie/trasformatore, relegato all’interno della base sedile guida in cabina.
  • Nel prezzo iniziale, il costruttore non prevede diverse componenti necessarie su un veicolo come questo: il Pack Winter, le finestre con telaio in alluminio, il maxi oblò nel cupolino, la possibilità di trasformare a letto la dinette, la porta cellula con finestra e la relativa zanzariera, la trasformazione del living in letto tanto per citarne qualcuno, vanno richiesti a parte e finiscono per incidere sensibilmente sul prezzo finale di acquisto.
  • All’interno, la cellula non dispone delle utili prese USB. In più, la gestione del rifornimento idrico, con il tappo del serbatoio inserito all’interno del service-box, non brilla per immediatezza e facilità di fruizione.
  • Sull’esemplare provato, la cassapanca laterale destra è poco sfruttabile per lo stivaggio a causa dell’assenza del necessario pannello di separazione rispetto al sottostante vano batterie. 
Riferimenti e contatti del costruttore
Bürstner GmbH Weststrasse 33 D-77694 Kehl
 
Rappresentata in Italia da: Erwin Hymer Group Italia S.p.A. Via Leonardo da Vinci, 120 50028 Tavarnelle Val di Pesa (Fi) Tel. 055 01994-0 – Fax 055 8070088 E-mail: buerstneritalia@erwinhymergroup.com

Michel

Comments are closed.