Il 2019 di Weinsberg, marchio entry-level del gruppo Knaus, è all'insegna del furgonato. Due sono gli elementi che non sono cambiati nelle apprezzate gamme CaraTour e CaraBus: il nome e la meccanica di base del Fiat Ducato. Sette i modelli disponibili, con due differenti allestimenti interni, inediti nel design e nell'ergonomia degli spazi.

Una missione sempre più chiara e tangibile quella di Weinsberg, che si pone l’obiettivo di rafforzare ancor di più la sua presenza nell’agguerrita fascia entry-level del mercato, portando in dote l’apprezzata qualità costruttiva e le peculiarità tecniche tipiche del Gruppo Knaus-Tabbert di cui fa parte. Weinsberg alza il sipario sulla collezione 2019 attraverso una gamma sempre più ricca di contenuti, capace di spaziare dalle caravan ai mansardati, dai van ai profilati classici o dotati di letto basculante.

Per la nuova stagione, i tecnici della factory tedesca hanno concentrato le loro attenzioni principalmente sulle conosciute e sempre più richieste gamme di furgonati CaraTour e CaraBus che vantano, per la nuova stagione, degli interni completamente rinnovati nel design e nell’ergonomia degli spazi.
Le due versioni si posizionano ora sullo stesso livello, condividendo le medesime rifiniture, dotazioni di serie e tipologie abitative, ma differenziandosi nello stile degli interni: gli arredi “Effect Ulme” donano ai nuovi CaraBus un tocco di  modernità, mentre i mobili in essenza “Mali Akazie” destinati ai CaraTour conferiscono un aspetto più classico e informale. E’ attorno al concetto di spazio e comfort di bordo che sono stati riprogettati i loro interni. I rinnovati mobili sono caratterizzati da moderni profili stondati e, in particolare, il pensile posizionato sopra la dinette sul lato sinistro, presenta alcuni ripiani a giorno rimovibili per consentire l’installazione di un televisore con grandezza massima di 24”.

Nuova la concezione di living anteriore votata all’abitabilità, grazie all’adozione di un tavolo sospeso “Comfort Entry” ancorato alla parete e privo della classica gamba d’appoggio. Una soluzione che favorisce l’accesso alla seduta della dinette e garantisce lo spazio necessario per ospitare comodamente sulla panca le due persone previste.

Le camere posteriori vantano un rivestimento in tessuto traspirante delle pareti laterali, che impreziosisce l’ambiente, e letti matrimoniali trasversali che, in molti modelli, raggiungono ben 152 cm di larghezza totale. In opzione, è poi disponibile anche un ulteriore armadietto pieghevole in tessuto, che può essere fissato alla parte inferiore della rete a doghe del letto con appositi occhielli.

Cambia aspetto anche il locale toilette, con l’adozione di rinnovati arredi, volti ad aumentarne la fruibilità, e di un piatto doccia ribassato per recuperare qualche utile centimetro in altezza. A ridosso della parete è stato posizionato il nuovo lavello scavato in un piano realizzato in termoformato e dotato, viste le sue dimensioni leggermente contenute, di doppia vasca. Per ottimizzare gli spazi del vano, la classica tenda doccia ancorata su un binario a tetto è stata sostituita da una con fermi magnetici, così da poterla applicare solo quando necessario.

Interventi sono stati eseguiti anche nel mobile cucina, caratterizzato ora da uno sviluppo lineare più regolare e da un gruppo cottura rettangolare che ingloba due fochi dotati di accensione piezoelettrica e il lavello. Inoltre, su alcuni modelli, è ora possibile richiedere in opzione anche il più capiente frigorifero a colonna Slim Tower da 140 litri.

Particolare attenzione è stata rivolta anche agli aspetti tecnici. La gamma 2019 vede l’adozione di un nuovo e più capiente serbatoio dell’acqua potabile (105 litri), posizionato sempre in coda sopra al passaruota, che consente di risparmiare spazio e aumentare così lo stivaggio nel vano sotto al letto posteriore.

Migliorie che hanno interessato anche l’impianto di riscaldamento, con il riposizionamento della stufa all’interno della cassapanca della dinette, così da ottimizzare la circolazione uniforme del calore in tutte le parti dell’abitacolo ed eliminare l’eventuale rumorosità a letto durante la notte.

Importanti interventi hanno poi interessato l’isolamento del veicolo, cercando di andare a eliminare il più possibile i ponti termici e la formazione di condensa, in particolare durante l’utilizzo invernale del mezzo. Di nuova concezione il pavimento da 25 mm di spessore, con una struttura che ingloba sandwich e materiale isolate appoggiata ora direttamente sul fondo in lamiera, al quale si adatta perfettamente grazie alla presenze di apposite scanalature. Oltre ad aumentare la coibentazione, questa configurazione dona maggiore robustezza al pavimento stesso e aumenta di qualche utile centimetro l’altezza interna dell’abitacolo. Infine, nella lista degli optional compare, per la nuova stagione, anche un interessante riscaldamento elettrico a pavimento.

I rinnovati CaraTour e CaraBus si presentano alle porte della stagione 2019 con sette differenti modelli, distribuiti sulle tre lunghezze previste dalla meccanica di base del Fiat Ducato (541, 599 e 636 cm): 540 MQ, 600 MQ, 600 DQ, 600 K, 600 MQH, 600 ME e 630 ME.
Nuovo ingresso tra i furgonati marchiati Weinsberg per il CaraTour/CaraBus 600 ME. Un van dedicato alla coppia, lungo 599 cm, che sviluppa al suo interno il layout che prevede due letti gemelli in coda con accesso facilitato. Anteriormente trova posto il nuovo living con tavolo sospeso privo di gamba, mentre centralmente sono collocati il rinnovato locale toilette e il blocco cucina a sviluppo lineare, che ingloba il nuovo piano cottura, un frigorifero a compressore e, nella parte confinante con i letti di coda, un piccolo e stretto armadio guardaroba.

Ad aprire la collezione, il piccolo CaraTour/Carabus 540 MQ che, grazie alla nuova concezione di comfort abitativo, guadagna ora maggiore ariosità e spazio di movimento interni. Classica la disposizione offerta nei suoi 541 cm di lunghezza, che prevede un matrimoniale trasversale in coda, i nuovi servizi centrali e living anteriore integrato con la cabina di guida.

Layout simile e stesse innovazioni tecnico-costruttive vengono proposte dal fratello maggiore CaraTour/CaraBus 600 MQ, che offre al suo equipaggio un ampio e comodo letto matrimoniale posteriore, confinante da un lato con la classica colonna frigo/armadio e, dell’altro, con il nuovo vano toilette, e la rinnovata zona giorno anteriore.

Infine, sul modello CaraTour/CaraBus 601 MQH, si segnala l’adozione per la stagione 2019 di un nuovo tetto rialzato in vetroresina, ora dal design più moderno e dotato di apposite predisposizioni per l’installazione degli accessori a tetto.

Per quanto riguarda la categoria dei classici profilati, crescono ulteriormente le dotazioni offerte di serie per i best-seller CaraCompact Edition [PEPPER]. Riproposti anche per la stagione 2019 nelle varianti 600 MG – con matrimoniale trasversale in coda su garage – e 600 MEG – che prevede i comodi letti gemelli su garage – entrambi con una lunghezza esterna di 674 cm e una larghezza ridotta a 220 cm, vedono aggiungersi al loro completo equipaggiamento anche gli oscuranti plissettati per i vetri della cabina di guida e il più potente propulsore 2.0 BlueHDi da 163 cv della meccanica di base Peugeot Boxer.

Base di partenza, quella francese, che per la stagione 2019 va ad equipaggiare anche la gamma di mansardati CaraHome, portando in dote la ricca dotazione offerta in fatto di dispositivi legati alla sicurezza attiva/passiva durante la guida: avviso di cambio corsia, segnalatore della distanza di sicurezza, Intelligent Traction Control e Hill Descent Control. Infine, i CaraHome vengono dotati della nuova porta cellula caratterizzata da un ampio e comodo maniglione e zanzariera scorrevole.

Confermati i tre collaudati modelli già presenti a listino: i più compatti CaraHome 550 MG, 600 DKG e il più generoso CaraHome 700 DG.

Fotogallery

Condividi questo articolo!

    Comments are closed.