Il moderno centro di Ouarzazate può essere considerato la Hollywood marocchina, grazie al grande sviluppo che l'industria cinematografica ha avuto in questa città. Da non perdere la visita alla Kasbah di Taourirt, una delle meglio conservate del Paese, al Musée du Cinema e agli Studios della Atlas Film Corporation, camminando tra i set di famosi film internazionali.

Pernottiamo presso il “Camping Ouarzazate”, situato a un paio di chilometri dal centro storico dell’omonima città. Situata su un altipiano a 1160 metri d’altitudine, a sud dei monti dell’Alto Atlante, il moderno e sviluppato centro di Ouarzazate sorge in una posizione strategica tra le due principali valli dell’Atlante – quella del Dadès e quella del Drâa – trovandosi all’incrocio dei collegamenti commerciali tra il Nord e il Sud del Marocco.

Ampliata e sviluppata nel corso degli anni ’20 dai francesi, che la resero un importante centro amministrativo e doganale per la zona circostante, in origine questo luogo era formato solo da un insieme di kasbah costruite con fango secco dalle locali comunità berbere, circondate da palme e campi coltivati irrigati dai fiumi. Chiamata anche la Porta del Deserto, questa città rappresenta oggi l’ultimo importante grosso centro prima di raggiungere il magico Sahara; un posto tranquillo – che si addice al proprio nome che nella lingua berbera locale significa “senza rumore” – immerso in un paesaggio circostante davvero scenografico.

Ma c’è un altro fattore che ha reso Ouarzazate particolarmente famosa negli anni: è considerata la “Hollywood” marocchina. Qui l’industria cinematografica si impose gradualmente dopo la fine del protettorato francese negli anni ’50 e, da allora, i suoi studi cinematografici acquisirono valore e interesse anche per molti registi di fama mondiale: in poco tempo, divenne un luogo ideale per i film ambientati in location esotiche. Ne rappresentano un esempio pellicole come “Il gioiello del Nilo”, “Asterix & Obelix – Missione Cleopatra”, “La Mummia”, “Il Gladiatore”, “I dieci comandamenti”, “Lawrence d’Arabia” e molte altre, che hanno preso vita proprio nei tre Studios presenti a Ouarzazate. In particolare si consiglia una visita al “Musée du Cinema” situato proprio nel cuore del centro cittadino, che ripercorre la storia dei famosi film che sono stati girati in questo luogo, attraverso set, oggetti di scena, locandine e storici macchinari da ripresa e montaggio.

Inoltre, sono visitabili anche gli Studios della Atlas Film Corporation, il primo dei tre studi aperti qui, ubicato a circa 5 km a ovest del centro, lungo la strada che conduce verso Marrakech (coordinate GPS: N 30.942100 ; W 6.966262). In città è presente anche una scuola di cinema, dove le persone del posto possono imparare tutto il necessario sull’industria cinematografica, dalla creazione degli effetti speciali, al trucco, fino alla valutazione del materiale scenico e della scenografia.

Ma il mondo del cinema non è l’unica cosa interessante di Ouarzazate, d’obbligo è sicuramente una visita alla Kasbah di Taourirt. Situata anch’essa nel cuore del centro, è una delle meglio conservate del Paese e, oggi, patrimonio dell’Unesco. Costruita come da tradizione con fango e paglia, era una fortezza palazzo risalente al XVIII secolo appartenuta alla potente famiglia berbera dei Glaoui, che l’abitò fino agli anni ’30 del XX secolo.

La facciata è splendida, formata da alte mura lisce interrotte da serie di archi, disegni geometrici e motivi intagliati, mentre il tetto è coronato da torri merlate. I suoi interni sono riccamente decorati, con molte stanze rifinite in zellige – un’arte decorativa tipica del Maghreb che unisce un insieme di tessere di ceramica volte a formare un disegno geometrico – e soffitti rivestiti in legno di cedro, talvolta dipinto. Il complesso, realizzato su più piani, è costituito da un labirinto di sale, scale e stanze che, un tempo, erano riservate agli appartamenti delle mogli e delle concubine del pascià oltre alla servitù e alle cucine. Inoltre, le finestre sono coperte da schermi decorativi che permettevano ai suoi abitanti di guardare fuori senza essere visti.

Oggi la Kasbah di Taourirt ospita anche una galleria d’arte dov’è esposto un particolare mix di opere di artisti locali, una sala per le mostre, una biblioteca e un anfiteatro dove si tengono eventi musicali e festival.

Una volta finita la visita, è possibile fare una passeggiata tra le particolari vie del quartiere circostante, risalente alla stessa epoca della kasbah; offre un interessante scorcio sulla vita quotidiana locale oltre a qualche piccolo esercizio commerciale, che si differenzia un po’ dai classici negozi per turisti. La sera, in particolare, la città prende vita popolando la piazza principale e le sue vie circostanti.

Dove sostare

Ouarzazate: "Camping Ouarzazate” (Coordinate GPS: N 30.923187 ; E -6.886841). Campeggio annuale dotato di camper service e wc con docce calde, situato a un paio di chilometri dal centro cittadino, raggiungibile a piedi oppure con i taxi locali.

Ouarzazate: ampio parcheggio asfaltato (Coordinate GPS: N 30.920440 ; E -6.898524) situato all'esterno della Kasbah di Taourirt e di fronte al Musée du Cinema, ottimale per visitare queste attrazioni e il centro cittadino.

Fotogallery

Condividi questo articolo!

    Comments are closed.