July 23, 2019

Generale rinnovamento della gamma centrale Magis, ma soprattutto una serie Riviera completamente nuova dal punto di vista tecnico e stilistico: ecco il 2020 di CI, che si accompagna anche a un nuovo concetto di spazio nella zona anteriore dei furgonati Kiros

Una proposta generale ottimizzata, con l’inserimento di importanti miglioramenti, e una gamma medio-alta completamente rivista e ricca di connotati tecnici e stilistici di rilievo: è questa la sintesi del 2020 di CI che porta a compimento il generale rinnovamento del catalogo inziato nella scorsa stagione con gli “entry level” Horon.

Come “Core business” del marchio si conferma la serie Magis che vede, per la nuova stagione, un importante aggiornamento sia per quanto riguarda l’allestimento, sia nei confronti della composizione della proposta, ora uniformata – eccezion fatta ovviamente per la presenza dei motorhome – alla gamma Horon.

I Magis modello 2020 si segnalano esternamente per una grafica completamente rinnovata, la colorazione grigio chiaro della cellula e l’aggiunta di un utile scomparto apribile ricavato nelle bandelle laterali, mentre ancora più consistenti e significativi sono gli interventi effettuati a livello di allestimento.

Da segnalare, in particolare, il nuovo mobilio caratterizzato da un elegante colore scuro che sfoggia anche un design bombato per le ante dei pensili, mentre sono rivisti anche i cuscini delle dinette, di foggia ergonomica. L’arredo sfoggia poi una serie di particolari minori ma significativi come una botola di stivaggio ricavata nel pavimento, il rivestimento trapuntato del sottobasculante, il rivestimento della parte inferiore nelle sedute, i pannelli a parete con tasche nella zona d’ingresso e sulla parete laterale anteriore, le tende a pacchetto e i pannelli di finitura ad appannaggio dei letti fissi, siano essi gemelli, centrali o trasversali.

Importanti anche gli interventi mirati a migliorare la funzionalità a bordo, come un nuovo modulo doccia sui modelli caratterizzati dalla toilette in ambienti indipendenti che, oltre a dotarsi di una doppia piletta di discarico e di asta appendiabiti, permette di aumentare di 70 mm lo spazio utile a beneficio del soggiorno.

Rivista anche la cucina, che ora è allestita con cassetti scorrevoli, una moderna e utile parete attrezzata sulla parete laterale e anche uno specchio retroilluminato sul lato adiacente alla dinette.

Per quanto riguarda, infine, nello specifico, i motorhome Magis Integral, viene introdotto un nuovo oscurante per il parabrezza anteriore con funzione “privacy”.

Una nota particolare la meritano le dotazioni di serie che seguono la consolidata politica commerciale del “tutto incluso” e si arricchiscono di elementi come la radio doppio DIN Pioneer con CarPlay e Android Auto, le casse acustiche dedicate alla zona posteriore e diffusione dell’audio esterna sfruttando le pareti coma cassa di risonanza. Presente anche, sempre di serie, la retrocamera a doppia ottica.

L’offerta Magis è confermata nella disponibilità delle tre tipologie (mansardati, profilati con basculante e motorhome), ottimizzata nell’offerta; per quanto riguarda in particolare i motorhome Integral, da registrare l’inserimento di due nuovi modelli dotati di dinette “face to face” e lunghezza esterna di 741 cm: 67 con letto centrale e 87 con letti gemelli.

Se per la nutrita offerta Magis si può parlare di un corposo e significativo “upgrade”, per la storica serie di semintegrali Riviera la nuova stagione rappresenta un punto di svolta particolarmente significativo.

La gamma di CI inserita nella fascia di mercato medio-alta, infatti, non subisce un semplice aggiornamento, ma una completa rivisitazione, a partire dalla base: la costruzione, infatti, prevede l’adozione di un doppio pavimento di ben 19 cm realizzato che non solo ospita impianti e serbatoi protetti dal gelo e in posizione ottimale per il baricentro, ma offre anche ampio spazio di stivaggio, grazie a un gavone passante nella zona anteriore accessibile sia esternamente, tramite due ampi portelli simmetrici, sia internamente tramite delle botole ricavate nel pavimento.

A supportare la nuova configurazione interviene una scocca che prevede un inedito cupolino a raccordare e dissimulare la maggiora altezza generale, dotato di serie di “Open Sky” panoramico, uno specchio di coda arricchito da ampi cantonali e una dotazione di serie che prevede la porta cellula a larghezza maggiorata e pratico vano portascarpe ricavato all’interno del gradino interno.

L’arredo, completamente nuovo, si segnala per una linea moderna con colorazione scura, ante dei pensili laccate e di forma arrotondata ed elegante rivestimento “soft-touch” del tetto. Molto ricercata anche l’illuminazione, con una capillare distribuzione di elementi a led che contemplano anche la diffusione a soffitto e nelle testate dei letti.

Le zone soggiorno adottano un ampio tavolo ampliabile a libro mentre le cucine, caratterizzate da un top scuro, sono realizzate con ampi cassetti e parete attrezzata.

Un “tocco” di eleganza in più è rappresentato, infine, dall’arredo dei locali toilette, in particolare dai box doccia dotati di un rivestimento ricercato e di colonna retroilluminata.

Tre i modelli previsti in gamma, tutti ovviamente dotati della configurazione “tutto compreso” che comprende anche, tra l’altro, pannello solare, retrocamera e climatizzatore: i Riviera 67 XT e 87 XT, lunghi 745 cm, condividono la dinette “face to face” e la toilette in ambienti indipendenti ma si differenziano per la zona notte posteriore, dove il primo offre il letto nautico centrale mentre il secondo i letti gemelli…

… Mentre il Riviera 98 XT, su una lunghezza di 743 cm, si caratterizza per la sempre richiesta configurazione con letto trasversale posteriore, arricchita da una toilette classica con doccia separata e soggiorno con semidinette a divano laterale.

Tutti i modelli sono dotati di letto basculante a movimentazione elettrica e di gavone garage posteriore: da notare come anche il Riviera 67 con letto centrale, grazie all’adozione del doppio pavimento, benefici di un garage ad altezza standard che non necessita, per poter essere sfruttato al meglio, del sistema di variazione in altezza del piano letto.
Interessanti i prezzi che, nonostante caratteristiche costruttive di rilevo come, appunto, il doppio pavimento, e la dotazione accessoristica completa, si mantengono nella fascia tra i 60.990 e i 61.990 euro.

In un panorama generale fortemente rinnovato, non potevano mancare interventi importanti anche nei riguardi dell’ampia offerta di furgonati Kyros: i van CI, infatti, vedono l’eliminazione della classica cappelliera in cabina e la conseguente creazione di una zona anteriore che guadagna in abitabilità, rendendo di fatto il van più simile a un semintegrale. In opzione, poi, è disponibile un ampio lucernario frontale che, in combinazione con l’oblò centrale panoramico, dona a tutta la zona soggiorno una grande luminosità.

L’offerta di modelli 2020 si compone di sei varianti totali, di cui 4 sulla lunghezza di 599 cm e uno sul furgonato da 636 cm: si tratta dei confermati Kyros 2 e 4 con letto trasverale posteriore, Kyros 5 con doppio matrimoniale in coda, Kyros 6 con letti gemelli e toilette estensibile e, sulla lunghezza maggiore, Kyros Duo con letti gemelli e parte posteriore multi funzione. Completa la gamma il compatto Kyros K2 da 541 cm con classico matrimoniale trasversale posteriore che, per l’occasione, vede rivisto in modo significativo il dimensionamento degli arredi al fine di aumentare di ben 120 mm lo spazio in lunghezza a disposizione della dinette.

Per quanto riguarda gli allestimenti, sono confermate le due versioni Base e Elite, con quest’ultima che si arricchisce delle finestre Seitz S7 a filo carrozzeria, mentre per la nuova stagione è introdotta la serie speciale Limited Edition, con una dotazione di serie compresa nel prezzo particolarmente ricca che comprende, tra l’altro, climatizzatore, Cruise Control, cerchi in lega da 16”, radio doppio Din con comandi al volante, retrocamera, pannello solare e zanzariera scorrevole. Questa serie è dedicata specificatamente ai modelli Kyros 2 e 5 e il prezzo finale è fissato rispettivamente in 45.490 e 45.990 euro.

Confermatissimi, infine, gli “entry level” Horon, novità della scorsa stagione, sempre disponibili sia su meccanica Fiat Ducato sia su Ford Transit, che vedono l’adozione delle finestre Seitz e alcuni aggiornamenti in fatto di arredo, come i box doccia indipendenti rivisti, la presenza di cassetti scorrevoli sotto i letti gemelli e i pensili con anta nella zona posteriore.

 

Fotogallery

 

Beppe

Comments are closed.