February 27, 2020

Un mansardato dalle dimensioni contenute e dal prezzo interessante, in grado di accogliere comodamente a bordo una famiglia o un equipaggio numeroso, grazie alla possibilità di offrire fino a sette posti per la notte e altrettanti omologati in viaggio, oltre a un’ottima abitabilità interna 

In sintesi

Tipologia Mansardato
Meccanica Ford Transit 350 con passo da 375 cm
Motorizzazione di base 2.000 cc – 130cv
Motorizzazioni opt 2.000 cc – 170cv
Dotazioni di sicurezza ABS, ESP, ASR, Hill Start Assist, Airbag conducente e passeggero, Cruise Control, Start & Stop 
Posti omologati 7
Posti letto 7
Dimensioni 697x230x304 cm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. n.d.
Prezzo base Euro 45.763,71 Con IVA FF
 
Costruzione starYstarYstarYstarGstarG
Meccanica starYstarYstarYstarG
Dotazioni di sicurezza starYstarYstarYstarYstarG
Abitabilità giorno starYstarYstarYstarYstarG
Abitabilità notte starYstarYstarYstarYstarG
Cucina starYstarYstarYstarHstarG
Bagno starYstarYstarYstarGstarG
Impiantistica starYstarYstarYstarGstarG
Stivaggio starYstarYstarYstarG
Rapporto qualità/prezzo starYstarYstarYstarHstarG
 
Le valutazioni sono il risultato dell’analisi del veicolo fatta nel momento del test, alla luce delle informazioni disponibili sulle dotazioni di serie, e rapportate alla tipologia e alla fascia di prezzo di appartenenza.

L’analisi

Quali devono essere gli aspetti e le peculiarità offerte da un veicolo di accesso dedicato alla famiglia? Certamente molteplici, ma quelli da non sottovalutare sono la semplicità d’utilizzo, la robustezza, l’economia di esercizio e di acquisto. Prerogative, queste, che da più di quarant’anni segnano il processo evolutivo di Rimor. Un marchio che nel corso della sua storia ha sempre mantenuto fede a questi valori maturando esperienza e ritagliandosi il suo spazio in una fascia, quella entry-level, molto competitiva. Con l’attuale stagione, il brand toscano inserisce all’interno della sua offerta la nuova serie EVO; caratterizzata da particolarità tecniche e costruttive inedite, è articolata su una completa offerta che contempla quattro profilati – con letto basculante anteriore – e due mansardati tutti allestiti sulla meccanica Ford Transit. L’Evo Sound, in particolare, se da una parte conferma e ribadisce i concetti propri del marchio, dall’altra si caratterizza per la sua vocazione a offrire alla famiglia media, o “allargata”, un valido compromesso tra abitabilità, dotazioni e convenienza, con una disposizione ampiamente collaudata dal costruttore toscano su varia gamme nel corso degli anni, che privilegia la vivibilità diurna ma comunque in grado di garantire fine a sette posti per la notte e altrettanti per il viaggio.

L’Evo Sound è allestito – come già accennato – sulla base meccanica del Ford Transit con passo da 375 cm a fronte di una lunghezza complessiva di 697 cm, una larghezza di 230 cm, un’altezza di 304 cm, offerto di base con la motorizzazione da 2 litri EcoBlue TDCi e 130 CV e prevedendo in opzione il più potente propulsore da 170 CV. Per quanto concerne la sicurezza durante la guida la dotazione standard è di sicuro interesse: sono infatti presenti ABS, ESP, ASR, Hill Start Assist, doppio Airbag, radio DAB-Bluetooth-USB-MP3 con comandi al volante, Cruise Control, Start & Stop e specchietti retrovisori elettrici. A questi, va ad aggiungersi il climatizzatore manuale per la cabina di guida che, seppur presente nella lista degli optional, va a equipaggiare tutti i nuovi veicoli destinati al nostro mercato.
A livello costruttivo, il nuovo Evo Sound beneficia di un nuovo sistema di giunzione delle pareti con il tetto introdotto in questa stagione e realizzato tramite un profilo perimetrale. Nuovo anche il design della parte in termoformato, che va a costituire il frontale della mansarda.

Confermata, invece, una scocca standard costituita da un sandwich con rivestimento esterno in vetroresina, isolante in polistirolo ad altra densità e parte interna in legno. La scocca si completa, poi, con sette finestre Plastoform, dotate di lastra esterna brunita per un look più automobilistico, due oblò a tetto da 40×40 cm, dedicati a living e cucina, la porta cellula completa di finestra apribile a compasso, zanzariera a pacchetto e portaombrelli inferiore, doppio gradino integrato in abs e serratura di sicurezza. Come consuetudine, sulle fiancate sono presenti le aperture dei vani di servizio tra cui l’ampio portellone laterale sinistro – sorretto da un’asta da posizionare manualmente – che consente l’accesso al gavone a volume variabile. Ricavato al di sotto dei letti a castello, il vano si sviluppa in un ambiente profondo 60 cm, largo 167 e con un’altezza che varia tra un minimo di 45 cm – in presenza dei due letti allestiti – o 125 cm con il solo letto superiore. L’allestimento, infatti, prevede la rete a doghe del letto inferiore incernierata così da poter essere sollevata e consentire il carico di oggetti di dimensioni importanti. A completamento, sono presenti la bocchetta dedicata al riscaldamento e la luce, mentre sono assenti i pratici binari con ganci ferma carico riposizionabili.

Di sicuro impatto, a livello estetico, è il nuovo frontale in termoformato che contraddistingue la mansarda: un design che stravolge, quanto meno nella parte anteriore, le linee classiche e morbide che da tempo accompagnano le produzioni del brand toscano, con forme decise e pronunciate che ben si sposano con quelle della meccanica di base del Ford Transit. La presenza sul veicolo in prova del “Premium Pack” – che annovera equipaggiamenti come fari “High Series” con luci svolta statiche, fari fendinebbia, plancia strumenti trend, cassetto porta guanti, specchi retrovisori elettrici con sbrinatore, rivestimenti interni Trend, modanature e paraurti in tinta con la carrozzeria – contribuisce a forgiare un look total-white della carrozzeria, scocca e bandelle mentre la serigrafia, giocata sulle tinte del blu e del grigio, ha il compito di spezzare i volumi e dare dinamismo alle fiancate.

Gli impianti

Per quanto riguarda la scorta di acqua potabile, l’Evo Sound, conta su un serbatoio da 85 litri – non certo abbondante per un equipaggio al completo – posizionato all’interno della cassapanca frontemarcia della dinette principale e servito da una pompa a pressostato mentre, alle acque reflue, è dedicato un serbatoio di raccolta da 100 litri posizionato esternamente, sotto al pianale, non coibentato e riscaldato di serie.

Il riscaldamento e la produzione di acqua calda sono affidati alla Truma Combi da 4 kW, alimentata a gas, collocata all’interno della cassapanca frontemarcia della dinette piccola: una potenza che si può comunque considerare sufficientemente adeguata alla cubatura del veicolo, quanto meno nel caso di temperature non troppo estreme. Per ciò che concerne la distribuzione del calore, l’Evo Sound conta su un impianto di canalizzazione e sei bocchette le quali, però, sono assenti sia nel letto singolo superiore sia in mansarda. Infine, la gestione e il controllo dell’unità termica, fanno capo al moderno pannello digitale Truma CP Plus posizionato, insieme alla sonda termostatica, a lato dell’armadio guardaroba.

L’impianto elettrico fa capo a una centralina/caricabatteria AirSilicii che, insieme alla batteria servizi (non fornita di serie dal costruttore), è alloggiata in un gavone laterale ad accesso esterno mentre, la gestione dell’impianto e delle utenze di bordo, è affidata al semplice e intuitivo pannello comandi collocato sopra la porta d’ingresso. L’illuminotecnica di bordo sfrutta la tecnologia a led e conta su plafoniere, spot di lettura orientabili in mansarda e nei letti a castello, elementi led nei sotto pensili e una piacevole luce d’ambiente inserita nella parte superiore dei pensili. Piuttosto basica la disponibilità di prese USB, 12 V e 220 V, che si limita a un’unita per tipologia.

L’impianto del gas, infine, conta su un gavone esterno capace di contenere due bombole da 10 Kg, allestito con ganci ferma bombole e regolatore di pressione Truma MonoControl CS con Crash-Sensor mentre, i sezionatori, sono collocati all’interno del blocco cucina, facilmente raggiungibili.

All’interno

Al suo interno, il nuovo Evo Sound propone un look totalmente inedito, dove linee semplici ed essenziali dettano le forme del mobilio mentre, le tinte, alternano piacevolmente un’essenza scura con venature orizzontali a elementi laccati bianco lucido, che contribuiscono a massimizzare la luminosità interna lasciando alle sellerie, vivaci nelle tonalità, il compito di conferire all’abitacolo un tocco di colore. Fulcro vero e proprio dell’allestimento, il soggiorno è pensato per ospitare sei commensali grazie all’abbinamento di due dinette, una singola e una doppia, in posizione affiancata. Sul lato destro, lo sviluppo complessivo di quella doppia fa si che vi possano trovare comodamente posto quattro persone grazie a due divani contrapposti che fronteggiano il tavolo ancorato a parete. Sulla fiancata opposta, invece, quella singola ha uno sviluppo più contenuto e offre due poltroncine servite anch’esse da un piccolo tavolo ancorato a parete. All’occorrenza, entrambe possono essere trasformate in letto così da poter disporre di ulteriori tre posti per la notte di cui, quello singolo, viste le dimensioni piuttosto ridotte, adatto solo a un bambino.

La luminosità diurna e il necessario ricambio di aria sono affidati, oltre che all’ampia vetratura anteriore della meccanica di base Ford (oscurabile con la tenda a giro cabina, fornita di serie) a due finestre laterali apribili a compasso, complete di oscurante e zanzariera, e un oblò a tetto da 40×40 cm. Nelle ore più buie, invece, una piacevole luce diffusa a soffitto in abbinamento a elementi lineari posizionati sotto ai pensili garantiscono un’apprezzabile illuminazione. Interessante la possibilità di stivaggio del living che dispone di cinque pensili a soffitto, con chiusura servoassistita di tipo domestico, ai quali vanno ad aggiungersi due vani ricavati al disotto alle panche contromarcia delle due dinette e accessibili rimuovendo il pannello a incastro in legno che fornisce la base alla seduta.

Alle spalle del soggiorno, lungo la parete destra, si sviluppa il blocco cucina: lineare nella forma, è attrezzata con piano cottura a tre fuochi, dotato di accensione piezo elettrica e coperchio incernierato, a fianco al quale trova collocazione un lavello quadrato realizzato in acciaio inox e servito da un rubinetto monocomando. Buone anche le possibilità di stivaggio, fornite da un cassetto con portaposate, uno estraibile con pattumiera integrata, una dispensa, due pensili superiori e a un ulteriore vano ricavato sopra la colonna frigo. Quest’ultima è posizionata sul lato opposto e ospita un Thetford N4141 E da 141 litri in conformazione slim, completo di cassetto porta bottiglie inferiore, cella freezer interna, illuminazione e selettore automatico della fonte di alimentazione. Infine, manca di serie la cappa aspirante (ottenibile in opzione) ma alla necessaria aerazione provvedono la finestra apribile, l’oblò da 40×40 cm e, quando consentito dalle condizioni climatiche, la vicinanza della porta d’ingresso può essere di supporto allo scopo.

La toilette, realizzata in coda al veicolo, sfrutta una configurazione adottata in modo esteso negli anni dai modelli familiari prodotti dalla factory toscana. Ovviamente rinnovata nel corso del tempo, associa un vano bagno con lavabo e wc Thetford C 223S dotato di cassetta estraibile, a un box doccia separato, provvisto di piatto in termoformato, colonna attrezzata e aeratore dedicato. Lo stivaggio è affidato a un pensile a specchio e a un armadietto sottolavabo, mentre, mancando un oblò, l’aerazione è affidata a una finestra con lastra satinata, sprovvista però di oscurante e zanzariera.

A fianco alla toilette, l’Evo Sound vede la presenza della cameretta posteriore che offre due letti a castello longitudinali (dimensioni 190×77 cm) completi di finestra apribile a compasso con oscurante e zanzariera, tende di separazione utili a garantire la giusta privacy e spot di lettura orientabili. Il letto inferiore, al contrario del superiore, è provvisto di piano con rete a doghe il quale, come già descritto, sollevandosi consente di aumentare il volume di carico del sottostante gavone.
Altri due posti letto sono forniti dalla classica mansarda dotata di un letto di dimensioni piuttosto generose ma, anche in questo caso, sprovvisto di rete a doghe. Manca anche una finestra aggiuntiva o un oblò dedicato e l’aerazione è affidata alla sola finestra collocata sul lato destro. Sono invece presenti due luci di lettura posizionate sotto un utile ripiano a giorno, mentre il piano del letto può scorrere in avanti per consentire, così, un più agevole passaggio da e per la cabina di guida.

Come accennato in precedenza, ulteriori tre posti letto sono ricavabili dalla trasformazione delle due dinette. A completamento, l’ampio armadio guardaroba è posizionato a lato del frigorifero e attrezzato al suo interno con asta appendiabiti.

Piantine e misure

 

Dotazione di serie: 

ABS, ESP, ASR, Hill Start Assist, doppio Airbag, radio DAB-Bluetooth-USB-Mp3 con comandi al volante, Cruise Control, Start & Stop e specchietti elettrici.

Optional presenti sul veicolo in prova:

  • Climatizzatore maniale in cabina – Euro 1.140,00
  • Camper Premium Pack – Euro 768,60

Prezzo del veicolo provato – Euro 47.673,01

Conclusioni

Spiccate attitudini familiari, praticità e semplicità d’uso sono le peculiarità del nuovo Evo Sound. Un veicolo che non fa mistero della sua economicità attirando su di sé l’attenzione dell’utenza in cerca di un mansardato nuovo, di primo prezzo, che possa soddisfare la propria voglia di vacanza itinerante. Nonostante le sue dimensioni siano contenute in poco meno di sette metri, l’Evo Sound garantisce, con la complicità della disposizione interna, un’apprezzabile vivibilità generale, una buona disponibilità di stivaggio e una base meccanica moderna che si fa apprezzare per la dotazione di serie dei principali ausili alla sicurezza durante la guida. Al contrario, appare decisamente anacronistica la scelta di inserire nella lista degli optional il climatizzatore; un accessorio presente nella quasi totalità dei veicoli prodotti per il nostro mercato, fatto salvo rare eccezioni, ma che il brand toscano sceglie si di istallare su tutti i mezzi, ma di non includerne il costo nel prezzo base. Trattandosi di un veicolo di primo prezzo non ci si può aspettare particolare ricercatezza nel look o nello stile ma, ciò nonostante, con l’adozione di piacevoli accostamenti chiaro scuro per il mobilio e tonalità accese per le tappezzerie, l’ambiente interno appare moderno e brioso. Considerando l’inevitabile ottimizzazione dei costi per la realizzazione di un veicolo di fascia entry-level, vi sono da annoverare alcune particolarità che potremmo definire “contraddittorie”, come l’adozione della Truma Combi dotata di comando digitale CP Plus ma priva di termoventilazione in zone importanti come la mansarda, il letto singolo superiore e la cabina di guida, o la presenza della chiusura servoassistita di tipo domestico per i pensili in contrapposizione alla mancanza di oblò o una finestra aggiuntiva in mansarda. Nel complesso, l’Evo Sound è un prodotto semplice, basilare, dedicato a chi predilige veicoli nuovi per avvicinarsi al mondo del camper e desidera spazio da abitare, magari adattando poi, nel tempo, il veicolo alle proprie necessità.

Cosa ci è piaciuto di più

  • La dotazione meccanica di serie annovera i principali dispositivi legati al comfort e alla sicurezza durante la guida.
  • Il layout interno è uno dei più riusciti dedicati alla famiglia con due bimbi: quattro posti letto sempre pronti, maxi soggiorno e un ottima abitabilità in tutte le aree del veicolo. 
  • L’ambientazione è piacevole: le tinte scure abbinate ai pensili laccati non vanno a penalizzare la luminosità generale di un ambiente reso vivace dai tocchi di colore delle sellerie.
  • Lo stivaggio interno è ben dimensionato rispetto all’equipaggio tipo o completo.
  • Apprezzabile la presenza del Truma Crash Sensor mono control.

Cosa ci è piaciuto di meno

  • L’autonomia di acqua potabile, 85 litri, è sottodimensionata per un veicolo da 7 posti dedicato a equipaggi numerosi. Non presenti, inoltre, gli utili sifoni anti odore.
  • Le porte di ingresso del locale bagno e del box doccia lasciano a desiderare in fatto di robustezza e chiusura.
  • Di serie, il veicolo appare poco propenso a essere utilizzato durante la stagione fredda: l’impianto di riscaldamento può contare su una distribuzione del calore tutt’altro che capillare che esclude diversi ambienti (mansarda e letti a castello posteriori). In più, il serbatoio di recupero delle acque grigie non è coibentato nè riscaldato.
  • Obsoleta l’asta di supporto per l’apertura del portellone laterale.
  • L’allestimento delle due camere da letto è un po’ minimalista: i letti non dispongono di reti a doghe e hanno materassi di spessore contenuto.

Riferimenti e contatti del costruttore
LUANO CAMP S.r.l. – Via Piemonte, 3 53036 Poggibonsi (Siena) www.rimor.it

Fotogallery

Si ringrazia per la collaborazione: Gigi Caravans

Viale Monza, 7 – Caponago (MB) – 20040

Tel. 02 95746030      www.gigicaravan.it

Danilo Colombo

Comments are closed.