July 11, 2020

Raffronto tra i due modelli rappresentanti della gamma di furgonati Charming Coupé di casa Malibu. Uguali per tre quarti del layout, si differenziano sia nella lunghezza sia nella configurazione della camera da letto: classica e intramontabile con letto trasversale per lo Charming Coupé 600 DB, più moderna e ricercata con letti gemelli per lo Charming Coupé 640 LE

In sintesi

Tipologia Furgonato (Charming Coupé 600 DB)
Meccanica Fiat Ducato 33 Light L3H2 e passo da 403,5 cm
Motorizzazione di base 2.287 cc – 89 kW/120 cv 
Motorizzazioni opt. 2.287 cc – 103 kW/140 cv – 118 kW/160 cv ; 2.287 cc – 132 kW/177 cv 
Dotazioni di sicurezza ABS, ASR, ESP, Traction+, Hill Holder, Hill Descent Control, Airbag conducente 
Posti omologati 4
Posti letto 2+1 opt.
Dimensioni 599x205x259 cm
Peso massimo ammesso 3.300 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 2.775 kg
Prezzo base Euro 49.240,00 Con IVA FF
 
Tipologia Furgonato (Charming Coupé 640 LE)
Meccanica Fiat Ducato 35 Light L4H2 e passo da 403,5 cm
Motorizzazione di base 2.287 cc – 89 kW/120 cv 
Motorizzazioni opt. 2.287 cc – 103 kW/140 cv – 118 kW/160 cv ; 2.287 cc – 132 kW/177 cv 
Dotazioni di sicurezza ABS, ASR, ESP, Traction+, Hill Holder, Hill Descent Control, Airbag conducente 
Posti omologati 4
Posti letto 2+1 opt.
Dimensioni 636x205x259 cm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 2.845 kg
Prezzo base Euro 51.600,00 Con IVA FF
 
Le valutazioni sono il risultato dell’analisi del veicolo fatta nel momento del test, alla luce delle informazioni disponibili sulle dotazioni di serie, e rapportate alla tipologia e alla fascia di prezzo di appartenenza.

L’analisi

Nato inizialmente come “costola” Carthago e dedicato univocamente a marchiare i van prodotti dalla casa di Aulendorf, Malibu ha oramai acquisito una dimensione di marchio a sé stante, sia come produttore di pannellati sia di veicoli furgonati. È con quest’ultimo segmento che, sul mercato italiano, Malibu si è fatto conoscere e apprezzare forte delle solide e conosciute basi su cui poggia e che hanno fatto del brand Carthago uno dei marchi più apprezzati nel panorama europeo dei costruttori di veicoli ricreazionali. Fin da subito, i van prodotti dal costruttore tedesco, eleganti, raffinati, contraddistinti da un look accattivante e ricco di personalità, riscuotono successo, ma la volontà del costruttore di primeggiare in questo segmento, particolarmente affollato e in continua crescita, spinge i tecnici teutonici a osare andando oltre ai classici schemi.

È così che prende forma quello che potremmo definire l’anello di congiunzione tra il van e il profilato: il Malibu Charming GT. Un progetto che supera il concetto di van e trasforma il suo abitacolo in un salotto più ampio, arioso e luminoso, traendo ispirazione dal mondo dei semintegrali. Dunque via la classica cappelliera standard del Fiat Ducato, e relativo stipetto, e spazio a un nuovo cupolino comprensivo di uno sky-view anteriore fisso e di un secondo posteriore apribile, in modo da inondare di luce cabina e living anteriore. Un cambiamento che giova a tutto l’ambiente interno in termini di ariosità e che garantisce una continuità lineare degli arredi superiori oltre a una perfetta integrazione tra abitacolo e cabina di guida. In virtù dell’apprezzamento dimostrato per la serie GT, per il 2020, Malibu amplia la gamma Charming con l’introduzione della nuova versione Coupè, pensata e realizzata per chi desidera le stesse peculiarità e caratteristiche della linea GT, rinunciando però allo sky-roof. Ed è proprio su quest’ultima serie nata che si gioca questo match: a confrontarsi sono i due modelli disponibili che condividono lo sviluppo della zona anteriore, ma si diversificano per la lunghezza esterna e l’adozione di due diverse configurazione della camera da letto. Il Malibu Charming Coupè 600 DB, sviluppa il classico e intramontabile layout con letto matrimoniale trasversale posteriore e si rivolge alla coppia che non vuole rinunciare a eleganza, stile e personalità sfruttando a pieno le dimensioni contenute entro i sei metri del veicolo. Il  Malibu Charming Coupè 640 LE, invece, è dedicato principalmente alla coppia che vuol godere di una camera con i comodi letti gemelli e necessita di un vano di carico capiente a fronte, ovviamente, di qualche centimetro in più di lunghezza.

Entrambi i veicoli sfruttano la base di partenza del Fiat Ducato con motorizzazione da 2,3 litri e 120 CV mentre, per chi desidera prestazioni maggiori, sono disponibili in opzione i propulsori da 2,3 litri e 140, 160 o 177 CV. Completa in termini di sicurezza alla guida la dotazione offerta di serie da Malibu che conta ABS con EBD, ASR, ESP, Traction+, Hill Holder, Hill Descent Control e Airbag conducente, oltre agli alzacristalli elettrici e alla chiusura centralizzata con telecomando. Rimangono però esclusi dall’equipaggiamento della parte meccanica alcuni accessori oramai indispensabili come il climatizzatore manuale in cabina, Airbag passeggero, Cruise Control, specchietti retrovisori elettrici e riscaldabili inseriti, però, nel pacchetto opzionale “telaio” insieme ai sedili cabina rivestiti in coordinato con la tappezzeria e regolabili in altezza, oscuranti plissettati per i vetri cabina, sensori di parcheggio, zanzariera porta cellula, rivestimento interno del soffitto realizzato in microfibra. Uguali nella larghezza, 205 cm, e nell’altezza, 259 cm, i due Charming Coupè si differenziano sia nella lunghezza complessiva sia nel telaio adottato: infatti lo Charming Coupè 600 DB, lungo 599 cm, adotta un telaio 33 Light con passo da 403,5 (in opzione è disponibile la versione da 35 q.li) mentre, lo Charming Coupè 640 LE misura 636 cm e adotta come standard il telaio con il medesimo passo ma con portata massima pari a 35 q.li. 

Le linee esterne, sono quelle tracciate dalla classica carrozzeria del Ducato H2 caratterizzata, però, da una grafica giocata sui toni dell’antracite e del bronzo metallizzato, che dona personalità ed eleganza a un veicolo che non rinuncia a un tocco di sportività accentuato dalla presenza, su entrambi i modelli in oggetto, del pacchetto opzionale denominato “Style” (volante e pomello del cambio in pelle, cerchi da 16″, mascherina in nero lucido, cornice fari nera, paraurti in tinta con la carrozzeria). Un look esterno personalizzabile ancor di più grazie alle undici varianti di colore disponibili di cui quattro, di serie, tra cui sceglie in fase di ordinazione: bianco, Rosso Tiziano, Blueline e Blu Imperiale. Con particolare riferimento ai veicoli oggetto di questo confronto, lo Charming Coupé 600 DB  è qui proposto nella colorazione esterna “Grigio allumino” mentre, il 640 LE nel particolare”Grigio ferro” entrambi, come già accennato, disponibili con sovrapprezzo. Oltre alla grafica esterna, la carrozzeria vede poi la presenza di quattro finestre, contraddistinte da una lastra esterna scura per un look più automobilistico e posizionate sul portellone laterale, in coda al veicolo sulle classiche porte a battente e sulla fiancata sinistra. A queste, inoltre, vanno a sommarsi le quattro finestre circolari, due per lato a beneficio della zona notte, che oramai sono diventate un particolare distintivo dei van Charming anche se, a onor del vero, va segnalato che sono opzionali e quindi disponibili con sovrapprezzo. L’allestimento si completa, poi, con la presenza, a tetto, del già citato oblò panoramico dedicato alla dinette e due oblò da 40×40 cm a servizio del locale bagno e della zona posteriore.
La scocca utilizza, evidentemente, la struttura in lamiera di acciaio propria della meccanica di base: il pavimento e il tetto, in particolare, beneficiano di una coibentazione in RTM da 20 mm di spessore, mentre le pareti laterali si affidano a una apposita guaina poliuretanica autoadesiva al fine di massimizzare la larghezza interna disponibile. L’accesso al veicolo, come ovvio, sfrutta l’ampia porta scorrevole laterale del Fiat Ducato: servita dalla chiusura centralizzata, è completa di gradino elettrico, luce esterna e della pratica zanzariera scorrevole plissettata, quest’ultima, optional incluso nel pacchetto telaio.

Appena saliti a bordo, si viene accolti in un ambiente dove lo sviluppo anteriore integra, alla perfezione, cabina di guida e abitacolo, dando luogo a spazi ampiamente vivibili ed eliminando definitivamente quella sensazione di costrizione percepita da chi sedeva sulle poltrone della cabina di guida. Un’ambientazione raffinata ed elegante, in puro stile Carthago, dove la continuità dei pensili superiori, che segue l’andamento del tetto fino a giungere sopra la cabina di guida, viene messa in risalto da una scenografica ed efficace illuminazione diffusa a LED. La configurazione del living è quella classica per questo segmento di veicoli: spazio quindi al divano fronte marcia, coadiuvato dalle già citate poltrone della cabina, servito da un tavolo ancorato a parte e dotato di prolunga e gamba di supporto. Non mancano, poi, le possibilità di abbinare all’essenza degli arredi, denominata “Legno Charming”, diverse varianti di tappezzerie. La luminosità e l’areazione si avvantaggiano, oltre che della vetratura della cabina di guida, di due finestre laterali simmetriche, entrambe apribili a compasso e dell’oblò panoramico Midi-Heki a soffitto.

Per ciò che concerne lo stivaggio, l’equipaggio può contare su due pensili laterali a soffitto, altri due vani ricavati tra tetto e cabina di guida chiusi da ante, su un pratico cassetto estraibile lateralmente – inserito sotto al divano frontemarcia – e su un utile vano interno alla porzione di doppio pavimento prevista nella zona sotto al tavolo. In questo ambiente, ben nascosti e alloggiati al di sotto del sedile del conducente, sono presenti le componenti elettroniche dell’impiantistica di bordo, in particolare, la batteria da 95 Ah Gel e il caricabatterie Schaudt mentre, il pannello comandi, trova posto al di sopra della porta di ingresso all’abitacolo chiuso all’interno di un vano con anta.
Opposto al soggiorno, il blocco cucina a sviluppo trapezoidale, si caratterizza per la presenza di un fornello in acciaio inox, completo di due erogatori con accensione piezoelettrica integrata e coperchio in cristallo temperato, e di un lavello rettangolare servito da rubinetto monocomando e completo di coperchio/tagliere sdoppiato che, grazie a un apposito supporto, si trasforma in pochi secondi in un utile piano di appoggio con binario di sostegno a parete.

Sempre per ciò che concerne la fruibilità dell’ambiente, entrambi i Malibu Charming Coupè posso contare su una pratica pattumiera e un’utile piano di lavoro a ribaltina che, quando utilizzato, va però logicamente a occludere parzialmente lo spazio della porta scorrevole. Questa, in particolare, assolve poi anche alla funzione di aerare il locale, sia direttamente, quando le condizioni climatiche lo consentono, sia tramite la già citata finestra a compasso di cui è dotata. A livello di aerazione, inoltre, l’ambiente beneficia della vicinanza dell’oblò panoramico. L’illuminazione si affida a uno spot centrale dedicato e a uno a soffitto, mentre non mancano due comode prese elettriche a 220 V (di cui una laterale, verso l’ingresso). Per lo stivaggio, invece, sono disponibili un pensile a soffitto e, nella parte inferiore, un ampio cassetto superiore diviso in due porzioni (con quella di destra organizzata come porta posate) e due ampi cassettoni, capienti e ben organizzati. A fianco alla cucina ecco la colonna frigo: ospita, nella parte superiore, un frigorifero trivalente da 80 litri e, nella parte inferiore, è stato ricavato il classico spazio dedicato ai capi appesi.

Collocata tra zona living e letto posteriore, la toilette è uno degli ambienti più originali di questo allestimento; accessibile tramite una funzionale porta scorrevole, che non intralcia l’ampio corridoio centrale, si caratterizza per un allestimento funzionale e razionale che consente di configurare l’area in funzione della necessità del momento. L’intera superficie interna, è servita da un piatto doccia in termoformato completo di doppia piletta di scarico e di binario guida per l’acqua verso i punti di smaltimento: una soluzione, questa, che è pensata per consentire un comodo utilizzo della doccia, con una vera e propria cabina separata da un gioco di due porte sdoppiate a libro in metacrilato che vanno a proteggere le parti sensibili dell’allestimento consentendo la creazione di un ambiente ampio e adatto anche a persone di corporatura robusta. Tutto ciò, è reso possibile dall’intelligente sistema di wc a scomparsa, con il classico vaso dotato di cassetta estraibile, inserito su un supporto traslabile che ne consente lo spostamento al di sotto del letto posteriore quando non in uso. La toilette, arredata parzialmente in legno, vede poi la presenza di un comodo lavabo a sviluppo triangolare, realizzato in termoformato, mentre lo stivaggio si affida a un pensile superiore, completo di anta a specchio, e su due inferiori. Non manca l’illuminazione, con due spot led a soffitto, mentre l’aerazione si affida a un oblò a tetto da 40×40 cm.

Nella parte posteriore dei veicoli, la camera da letto è quella che differenzia i due modelli a confronto in questo match. Il Malibu Charming Coupè 600 DB vede infatti la presenza di un letto matrimoniale trasversale, facilmente raggiungibile grazie alla presenza di un pratico gradino laterale estraibile, in luogo dei letti gemelli che contraddistinguono, invece, la zona notte del Malibu Charming Coupè 640 LE. Entrambi le camere da letto sono arredate con cura: oltre a beneficiare di pareti laterali imbottite e rivestite in microfibra, hanno dotazioni tipiche di un veicolo di alto livello e un giro pensili superiore – tre per lo Charming Coupè 600 DB e cinque per il 640 LE – che garantisce un adeguato spazio di stivaggio. Ottima l’illuminazione naturale data dall’ampia finestratura, quattro finestre tonde, due apribili sui portelloni posteriori e un oblò a tetto mentre, nelle ore buie, la luce è garantita da spot a incasso nei sotto pensili.

Ovviamente, la differente misura esterna dei veicoli, incide sulla dimensione della superficie di quello che è il vano di carico principale ricavato al di sotto dei letti. Separabile dal resto dell’abitacolo grazie a delle paretine amovibili, il vano è accessibile, come di consueto, grazie ai due portelloni posteriori ed è modulabile in funzione delle dimensioni degli oggetti; all’occorrenza, è infatti sfruttabile a tutta altezza grazie alle reti dei letti sollevabili. A completamento, poi, sono presenti gli utili ganci ferma carico (optional), illuminazione, bocchetta del riscaldamento e, nel modello 640 LE, due ulteriori vani a giorno. In aggiunta, è disponibile – con sovrapprezzo – un ulteriore piano da inserire nel mezzo del gavone, con il quale è possibile creare una sorta di doppio pavimento che permette di organizzare al meglio lo stivaggio delle attrezzature al suo interno.

Nella parte posteriore di entrambi i modelli, poi, è ospitata buona parte dell’impiantistica di bordo: il serbatoio dell’acqua potabile da 100 litri, in particolare, è collocato sul lato destro sotto una porzione del letto. L’impianto è servito da una pompa a immersione, mentre i lavandini sono dotati degli immancabili sifoni anti-odore. Una volta utilizzata, l’acqua viene convogliata nel serbatoio di recupero da 92 litri inserito centralmente nel sottoscocca non provvisto però, di serie, di adeguata coibentazione e riscaldamento. A quest’ultima mancanza, è possibile ovviare optando per il pacchetto “cellula” (presente in entrambi i veicoli oggetto di questo match) che, oltre all’isolamento del serbatoio esterno include, anche, la potente Truma Combi da 6 kW alimentata a gas, in luogo di quella fornita di sere da 4 kW di potenza. L’unità termica, preposta alla fornitura di acqua sanitaria e riscaldamento, trova anch’essa posto nella zona posteriore del veicolo all’interno di un vano ed è comandata dal moderno pannello digitale Truma CP Plus. Per ciò che concerne il gas, infine, i veicoli offrono il classico vano per due bombole da 10 kg: accessibile tramite le classiche porte posteriori a battente del Ducato, il vano è completo di portello con guarnizione perimetrale, ganci di fissaggio e riduttore di pressione standard. L’impianto, è poi gestito dai classici rubinetti sezionatori collocati alla base del blocco cucina, in posizione facilmente raggiungibile.

Piantine e misure

 

 

Dotazioni di serie

ABS con EBD, ASR, ESP, Tracion+, Hill Holder, Hill Descent Control e Airbag conducente, alzacristalli elettrici e chiusura centralizzata con telecomando.

Optional presenti sullo Charming Coupé 600 DB:

  • Pacchetto Telaio (Specchietti esterni regolabile e riscaldabili elettricamente, sistema di assistenza parcheggio con sensori nella parte posteriore, climatizzatore manuale in cabina di guida, Tempomat-Cruise control, Airbag passeggero, serbatoio carburante da 90 litri, Booster di ricarica, sistema oscurante della cabina di guida per finestrini e parabrezza, abbellimento cruscotto con griglie di ventilazione argento, sedile passeggero regolabile in altezza, sedili cabina rivestiti nello stesso tessuto della zona giorno, zanzariera portellone d’ingresso, predisposizione autoradio con antenna DAB+, altoparlanti in cabina e gruppo sedute) – Euro 3.015,00
  • Pacchetto Cellula (Rivestimento interno climatico in microfibra sul soffitto, illuminazione diffusa a LED della zona giorno, upgrade cucina: frontali color bianco madreperla, prolunga piano di lavoro, coprilavello diviso con tagliere e supporto a parete, materassi posteriori a 7 zone, Truma Combi 6 al posto della Combi 4 di serie,  pannello digitale Truma CP Plus, sistema ancoraggio vano bagagli, serbatoio di recupero incassato e completamente isolato) – Euro 1.220,00
  • Pacchetto Style (Volante e pomello del cambio in pelle, cerchi in acciaio da 16″, mascherina in nero lucido, cornice fari nera, paraurti in tinta con la carrozzeria) – Euro 740,00
  • Motorizzazione Fiat Ducato 2,3 litri da 140 cv – Euro 915,00
  • Aumento portata a 35 q.li – Euro 515,00
  • Cerchi in lega da 16″ (in sovrapprezzo al Pacchetto Style) – Euro 400,00
  • Finestre zona letto posteriore – Euro 505,00
  • Verniciatura “Grigio Alluminio” metallizzato – Euro 610,00
  • Interni “Palermo”: combinazione similpelle-stoffa – Euro 370,00
  • Doppio pavimento estraibile nel vano di carico posteriore – Euro 125,00

Prezzo del Malibu Charming Coupè 600 DB in prova: Euro 57.655,00

Optional presenti sullo Charming Coupè 640 LE:

  • Pacchetto Telaio (Specchietti esterni regolabile e riscaldabili elettricamente, sistema di assistenza parcheggio con sensori nella parte posteriore, climatizzatore manuale in cabina di guida, Tempomat-Cruise control, Airbag passeggero, serbatoio carburante da 90 litri, Booster di ricarica, sistema oscurante della cabina di guida per finestrini e parabrezza, abbellimento cruscotto con griglie di ventilazione argento, sedile passeggero regolabile in altezza, sedili cabina rivestiti nello stesso tessuto della zona giorno, zanzariera portellone d’ingresso, predisposizione autoradio con antenna DAB+, altoparlanti in cabina e gruppo sedute) – Euro 3.015,00 
  • Pacchetto Cellula (Rivestimento interno climatico in microfibra sul soffitto, illuminazione diffusa a LED della zona giorno, upgrade cucina: frontali color bianco madreperla, prolunga piano di lavoro, coprilavello diviso con tagliere e supporto a parete, materassi posteriori a 7 zone, Truma Combi 6 al posto della Combi 4 di serie,  pannello digitale Truma CP Plus, sistema ancoraggio vano bagagli, serbatoio di recupero incassato e completamente isolato) – Euro 1.220,00
  • Pacchetto Style (Volante e pomello del cambio in pelle, cerchi in acciaio da 16″, mascherina in nero lucido, cornice fari nera, paraurti in tinta con la carrozzeria) – Euro 740,00  
  • Motorizzazione Fiat Ducato 2,3 litri da 140 cv – Euro 915,00 
  • Telaio Heavy – Euro 515,00
  • Cerchi in lega da 16″ (in sovrapprezzo al Pacchetto Style) – Euro 400,00
  • Finestre zona letto posteriore – Euro 505,00
  • Verniciatura “Grigio Ferro” metallizzato – Euro 610,00
  • Porta biciclette nero due posti – Euro 480,00

Prezzo del Malibu Charming Coupé 640 LE in prova – Euro 60.000,00 –

Conclusioni

Una domanda potrebbe venire in mente di fronte a questi due van Malibu: quanto sono “Carthago”? La risposta è tanto, se consideriamo il DNA, l’approccio progettuale, la cura costruttiva le basi tecnologiche, ma anche poco, perché questo marchio ha ormai sviluppato una sua personalità ben definita e una precisa e indipendente collocazione sul mercato. Un’azienda che ha saputo coniugare tutta l’esperienza, l’eleganza e lo stile sviluppati negli anni nella tipologia in cui è più difficile fare la differenza, quella dei furgoni attrezzati. Già dall’esterno si nota la cura nel realizzare una grafica in grado di conferire personalità e tratti distintivi a quella che, ovviamente, è la base di partenza Fiat che accomuna molte delle produzioni continentali di questo segmento. Salendo a bordo, poi, ci si rende conto ancor di più come la mano dei tecnici Carthago abbia, sapientemente, convertito un semplice vano di carico di un furgone in un ambiente dall’atmosfera raffinata, elegante e calorosa, ricco di dettagli e funzionale. Se poi, a tutto ciò, si sommano un’attenta razionalità nello sfruttamento degli spazi, con la toilette che in quanto a funzionalità ne è un esempio eclatante, e la consueta cura costruttiva tipica del marchio tedesco, si comprende rapidamente come Malibu stia registrando successo in tutti i principali mercati europei. Un’offerta arricchita, in questo 2020, con i nuovi modelli Charming Coupé 600 DB e Charming Coupé 640 LE, messi a confronto in questo CamperOnMatch, giocandosi le loro carte vincenti nella lunghezza complessiva e in quella zona del veicolo che deve offrire il massimo comfort a garanzia di un adeguato riposo: la camera da letto. Ecco dunque due veicoli che condividono tre quarti dell’allestimento ma che offrono, da una parte il “classico” layout con letto matrimoniale trasversale posteriore, che da sempre caratterizza i veicoli furgonati, e, dall’altra, una pianta più moderna e ricercata, che vede la presenza dei comodi letti gemelli posteriori. Tra di loro ci sono 37 cm che possono fare la differenza, soprattutto, in questa tipologia di veicoli nati per essere agili e maneggevoli, dove scendere a qualche compromesso è d’obbligo. Affermare con certezza che questi centimetri possano decretare un vincitore non è possibile, tutt’altro, perché se da una parte si privilegia dimensioni contenute agevolando anche la possibilità di parcheggiare il veicolo in stalli di dimensioni “standard”, dall’altra si sfruttano i centimetri in più per lasciar spazio a una camera da letto ampia e, di conseguenza, un vano di carico di dimensioni maggiori. Ecco, quindi, le ragioni per le quali spetterà al committente finale, in funzione della propria scelta, decretare il suo personale vincitore. Anche il prezzo gioca un ruolo importante che, vista la qualità e il livello dei veicoli, è decisamente interessante e in linea con i principali competitor di Malibu. Di contro, però, si potrebbe obiettare come il prezzo di listino sia in verità poco indicativo, perché per avere un veicolo completo degli accessori degni di questa classe e blasone, sia “quasi” obbligatorio attingere alla lista degli optional, scegliendo tra i vari pacchetti disponibili proposti, comunque, a condizioni particolari. Quale sarà la scelta finale poco importa, non bisogna dimenticare, però, di come accanto al marchio Malibu ci sia scritto ben chiaro “A Company of Carthago”; una dicitura che permette di entrare in possesso di un van curato e convincente, pensato per due persone e realmente capace di accompagnarle in ogni tipologia di viaggio, coniugando eccellenti doti automobilistiche e un elevato comfort di bordo.

Cosa ci è piaciuto di più

  • Lo sviluppo di entrambi le piante interne è razionale, arioso e molto ben studiato, permettendo la realizzazione di ambienti pratici e fruibili.
  • La toilette con wc a scomparsa è funzionale, pratica e, oltre a permette la creazione di una vera doccia separata, consente l’utilizzo anche a persone di corporatura robusta.
  • Le possibilità di personalizzazione sono davvero molte: sia all’esterno che all’interno ogni cliente può ordinare il proprio veicolo soddisfacendo al meglio i propri gusti o le proprie esigenze.
  • La cura dell’allestimento interno è davvero notevole: rifiniture, mobilio, materiali, ambientazione e soluzioni costruttive richiamano le realizzazioni del brand Carthago di cui Malibu è marchio integrante.

Cosa ci è piaciuto di meno

  • Non è totalmente condivisibile, su un veicolo di tale livello, la scelta di offrire in pacchetti aggiuntivi accessori ormai indispensabili legati al comfort e alla sicurezza durante la marcia, o alcune importanti dotazioni che interessano la cellula abitativa.
  • Le finestre laterali della zona notte, elemento distintivo della serie Charming, sono un optional. In aggiunta, e curiosamente solo per il modello 600 DB, quella apribile ha un ulteriore costo aggiuntivo.
  • All’esterno, un veicolo di tale livello come questo avrebbe meritato di adottare finestre più automobilistiche e snelle negli ingombri.
Riferimenti e contatti del costruttore
 
Carthago Reisemobilbau GmbH
Carthago Ring 1 – D-88326 Aulendorf
Tel. +49 (0) 7525-9200 0 – Fax +49 (0) 7525-9200 3003– E-mail: info@carthago.com www.carthago.com

Tutto su Malibu

Fotogallery

Danilo Colombo

Comments are closed.