July 11, 2020

Un furgonato dall’impronta classica e uno dall’anima moderna: questa è l’essenza del confronto tra il V 600 G e il V 600 J di casa Pilote. Due van che hanno in comune tutte le peculiarità tipiche del brand transalpino differenziandosi, però, per l’adozione di layout diametralmente opposti 

In sintesi

Tipologia Furgonato (V 600 G Standard)
Meccanica Fiat Ducato 35 Light con passo da 403,5 cm
Motorizzazione di base 2.287 cc – 89 kW/120 cv 
Motorizzazioni opt. 2.287 cc – 103 kW/140 cv; 2.287 cc – 118 kW/160 cv ; 2.287 cc – 132 kW/177 cv 
Dotazioni di sicurezza ABS, ASR, ESP, Airbag conducente
Posti omologati 4
Posti letto 2+1 opt.
Dimensioni 599x205x257 cm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 2.840 kg
Prezzo base Euro 48.800,00 Con IVA FF
 
Tipologia Furgonato (V 600 J Premium)
Meccanica Fiat Ducato 35 Light con passo da 403,5 cm
Motorizzazione di base 2.287 cc – 89 kW/120 cv 
Motorizzazioni opt.  2.287 cc – 103 kW/140 cv; 2.287 cc – 118 kW/160 cv ; 2.287 cc – 132 kW/177 cv 
Dotazioni di sicurezza ABS, ASR, ESP, Airbag conducente
Posti omologati 2
Posti letto 2
Dimensioni 599x205x257 cm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 2.870 kg
Prezzo base Euro 50.800,00 Con IVA FF
 
Le valutazioni sono il risultato dell’analisi del veicolo fatta nel momento del test, alla luce delle informazioni disponibili sulle dotazioni di serie, e rapportate alla tipologia e alla fascia di prezzo di appartenenza.

L’analisi

Il van continua a riscuote sempre più successo attirando su di sé le preferenze del mercato. Di conseguenza, con il proliferare delle proposte, è sempre più difficile trovare veicoli che esprimano una personalità unica. Caratteristiche, queste, che si possono esprimere attraverso colorazioni, abbellimenti che conferiscano unicità al look esterno oppure, all’interno, sviluppando layout particolari mirati ad assecondare le esigenze di un’utenza ben definita come la coppia, la famiglia di tre o quattro persone oppure l’equipaggio “allargato” in alcune occasioni. Ed è proprio su queste considerazioni che si gioca questo CamperOnMatch; a confrontarsi due veicoli facenti parte dell’offerta di furgonati Pilote che, nonostante la sua giovane età, anno dopo anno, è in continua evoluzione sviluppando, in chiave personale, le ultime tendenze del mercato in questo sempre più ricercato segmento. Ecco quindi un faccia a faccia tra due modelli destinati alla coppia, in apparenza simili guardandoli esternamente, ma in realtà completamente differenti salendo al loro interno, facendosi al tempo stesso portavoce anche delle due varianti disponibili: parliamo del Pilote V 600 G, qui in versione Standard, e del V 600 J, proposto invece nel moderno allestimento Premium. Il primo rappresenta un “classico” per questo segmento, sviluppando il layout con letto matrimoniale trasversale posteriore, e rivolgendosi alla coppia che privilegia un living più ampio a scapito di una minore capacità di carico del vano posteriore. Il secondo, invece, oltre a essere uno degli ultimi modelli inseriti nella gamma, offre un living la cui configurazione, vista l’assenza della panca fronte marcia, esce dagli schemi comuni mentre, nella zona posteriore, i comodi letti gemelli in posizione piuttosto rialzata, consentono di poter ricavare al di sotto di essi un ampio vano di stivaggio. Ad accomunare i veicoli, invece, sono le dimensioni esterne, 599 cm di lunghezza, 205 cm di larghezza e 257 cm di altezza, oltre all’elevato grado di personalizzazione che da sempre caratterizza l’intera offerta Pilote.

Allestiti quindi ambedue sfruttando la base di partenza del Fiat Ducato 35 Light con passo da 403,5 offrono, di serie, la motorizzazione da 2,3 litri in grado di erogare 120 CV mentre, in opzione, sono disponibili i più performanti propulsori da 140, 160 o 177 CV. La dotazione di serie legata strettamente alla meccanica di base è piuttosto essenziale; contempla, infatti, i soli ABS con EBD, ASR, Airbag conducente, climatizzatore manuale in cabina, specchietti retrovisori elettrici e riscaldabili e cerchi da 16” in lamiera. La factory francese lascia, invece, ausili come ESP, Airbag passeggero, Traction + e Cruise Control disponibili in opzione e raggruppati, insieme ai fari diurni e antinebbia a LED, all’interno del pacchetto “Chassis” che equipaggia entrambi i veicoli sotto esame.

La linea è quella originale del furgone Fiat nella sua versione caratterizzata di serie dalla colorazione della carrozzeria bianca, come il Pilote V 600 G oggetto della prova, mentre, il V 600 J, beneficia di una veste più personale e distintiva grazie alla colorazione “Rosso Profondo” metallizzato, scelta tra le sette diverse tinte disponibili per tutti gli allestimenti, con sovrapprezzo. Tra le altre caratterizzazioni estetiche possibili, da segnalare che entrambi i veicoli beneficano della presenza del pacchetto “Lusso Esterno”, comprensivo di paraurti anteriore verniciato, cornici dei gruppi ottici nere, bordo della calandra nero e piastra paramotore nera brillante, che contribuiscono a donare un piccolo tocco di sportività.

Per ciò che concerne la parte abitativa, invece, come già accennato i due furgonati a confronto sono allestiti nelle due varianti disponibili destinati all’arredo interno: il più moderno e rifinito Premium, caratterizzato da un mobilio che regala un gioco di chiaro-scuro abbinando parti di colore bianco a elementi grigio antracite, qui presente nel V 600 J mentre, per il V 600 G ecco la variante Standard, con la più classica essenza “Aspen”, caratterizzata da un’essenza legno con inserti di colore bianco.

Al di là delle dotazioni di serie implementabili con innumerevoli pacchetti o accessori in opzione, entrambi riprendono i canoni usuali per la categoria: la parte posteriore, infatti, permette di accedere, tramite i due portelloni di serie del Ducato, a parte dell’impiantistica di bordo ma, soprattutto, al vano di carico principale. La configurazione della zona posteriore è proprio uno degli elementi su cui si gioca questo confronto; a tal proposito, i due van condividono il posizionamento, sul lato destro, del serbatoio dell’acqua potabile da 110 litri, servito da una pompa pressostato e ispezionabile dall’alto, mentre su quello sinistro, è ricavato il vano deputato a ospitare la riserva di gas – due bombole da 10 kg – attrezzato con ganci ferma bombole e riduttore di pressione Truma MonoControl CS dotato di Crash Sensor. In questo ambiente, sfruttabile anche a tutt’altezza sollevando la parte centrale del piano dei letti, a far la differenza sono i numerosi spazi di contenimento e le volumetrie che garantisco una maggiore possibilità di carico a favore del V 600 J. Nella lista degli optional disponibili per configurare al meglio la zona di carico posteriore del V 600 G – non prevista per il V 600 J – , è presente un’interessante soluzione composta da un cassettone aggiuntivo estraibile verso l’esterno, utile a organizzare al meglio lo stivaggio delle attrezzature all’interno del vano.

Strettamente legata alla configurazione di quest’ultimo, la zona notte del V 600 G offre il classico letto matrimoniale trasversale completo di rete a doghe. L’ambiente trae vantaggio, per ciò che riguarda luce e areazione, dalla presenza di tre finestre, due sui portelloni e una laterale, e dell’oblò a tetto da 40×40 cm. Deputati allo stivaggio, invece, sono presenti due file di pensili a soffitto, l’armadio a estrazione scorrevole ricavato alla base della colonna frigo e un piccolo spazio all’interno del gradino, estraibile, che facilita l’accesso al letto. La camera da letto posteriore del V 600 J, invece, vede la presenza di due letti gemelli provvisti di materassi Froly a cubi indipendenti, facilmente accessibili grazie alla presenza di un doppio gradino fisso centrale. L’ambiente, reso accogliente dalla presenza delle luci a diffusione, si completa con spot a soffitto e una porta USB. L’aerazione e la necessità di luce naturale sono poi affidate alle due finestre apribili a compasso inserite sulle fiancate e all’oblò a tetto da 40×40 cm mentre, nei portelloni posteriori, in opzione, è possibile anche richiedere due ulteriori finestre. Interessanti le possibilità di stivaggio che, oltre a fare affidamento su ben cinque pensili a soffitto e piccoli vani ricavati all’interno dei gradini di salita ai letti, possono contare sul guardaroba a pozzetto con appendiabiti – collocato alla base del letto destro – un vano sul lato sinistro, un cassetto e uno stipetto, tutti accessibili sollevando le relative porzioni del letto. Manca, invece, una tenda di separazione dal resto dell’abitacolo.

È risaputo che nei van qualche compromesso in termini di spazio bisogna accettarlo; allo stesso modo, è un dato di fatto, che a risentirne la maggior parte delle volte sono le dimensioni del bagno. Nell’ottica di migliorarne la fruibilità, Pilote ha realizzato su entrambi un locale toilette dedicato ai van concepito per essere funzionale e pratico in ogni occasione. Dotato di porta d’accesso scorrevole a serranda, sfrutta elementi a scomparsa, quali lavandino a ribalta ed wc scorrevole su guide, a tutto vantaggio della possibilità di creazione di un vero e proprio box doccia. L’arredo conta su una serie di specchi utili anche a fornire una sensazione “virtuale” di spazio, un vano a giorno e uno stipetto celato dietro a due ante a specchio mentre, l’areazione, è garantita da un oblò a tetto da 28×28 cm che può essere supportata su entrambi i modelli da una finestra aggiuntiva disponibile in opzione, qui presente sul V 600 J. Infine, una volta utilizzata, l’acqua viene convogliata verso il serbatoio di recupero da 80 litri, posizionato esternamente, sotto al pianale del veicolo, sprovvisto però di serie di adeguata coibentazione e riscaldamento.

Le cucine, che per collocazione, organizzazione e sviluppo rispecchiano i canoni tipici di questo segmento di veicoli, differenziandosi tra loro nella disponibilità di spazio sia di stivaggio, sia di lavoro. Dotata di piano cottura a due fuochi con copertura in cristallo e ampio lavello in acciaio inox servito da un rubinetto monocomando, quella del Pilote V 600 G nella variante Standard è concepita per dare ampio spazio allo stivaggio, sfruttando come superficie di lavoro il piano a ribalta collocato lateralmente. Avvantaggiata dalla collocazione del frigorifero sopra il già citato armadio, la cucina trae vantaggio a pieno dalla parte inferiore offrendo quattro cassetti e uno stipetto mentre, a sostegno, vi sono anche un pensile superiore e dei piccoli ripiani laterali utilizzabili, ad esempio, come porta spezie. Differente, dal design moderno e dalla conformazione funzionale, invece, il mobile cucina che viene previsto nell’allestimento Premium del modello V 600 G.

Diversamente, la superficie del blocco cucina del Pilote V 600 J, oltre a essere di dimensioni maggiori, presenta un monoblocco in acciaio inox con gruppo cottura a due fuochi e lavello con miscelatore abbattibile, il tutto dotato di copertura in cristallo sdoppiata. Lo chef di turno dispone anche di una porzione del piano da sfruttare come appoggio, in aggiunta a quello laterale sollevabile. La disposizione, che vede affiancati nella parte inferiore il frigorifero e tre cassetti, si completa poi con un pensile a soffitto, non prevedendo la colonna di separazione con la camera da letto. Sia nella versione Standard, sia in quella Premium (come il veicolo oggetto di questo match), sul modello V 600 J la tipologia di mobile cucina non cambia. Per entrambi, infine, l’areazione è garantita dalla vicinanza dell’oblò della dinette e dalla finestra aprile a compasso presente sul portellone d’ingresso.

Ma arriviamo al living: configurati in modo diametralmente opposti, potremmo definirli uno dei punti chiave sui quali i due van a confronto si giocano la sfida. Forte di connotati fuori dagli schemi comuni, il più giovane Pilote V 600 J punta a dimostrare il suo valore a colpi di originalità e fantasia, offrendo una configurazione molto particolare. Una concezione completamente nuova per un living votato al massimo comfort di coppia che, stravolgendo la consuetudine, lascia spazio a un mobile basso provvisto di vani, che di fatto riduce a due i posti omologati per il viaggio. La dinette è quindi composta da un tavolo ancorato a parete traslabile in senso longitudinale, dotato di prolunga e fruibile grazie alla rotazione dei sedili della cabina di guida mentre, in luogo della classica seduta frontemarcia, è disponibile un appoggio per le gambe di chi occupa la poltrona di guida. Da un punto di vista obiettivo, considerando la presenza dei letti gemelli posteriori in una lunghezza complessiva di soli 599 cm, questa soluzione consente di poter disporre di un tavolo da pranzo di buone dimensioni.

Al contrario, il V 600 G, adotta una configurazione del living anteriore pensato per ospitare in sosta, così come in marcia, anche quattro persone, essendo composto da una semdinette integrata con la cabina di guida, grazie alla partecipazione dei sedili girevoli, servita da un tavolo ancorato a parete e dotato di prolunga girevole. In aggiunta, qualora lo si desiderasse, è disponibile con sovrapprezzo il kit con il quale ricavare un ulteriore posto letto in dinette. Andando oltre a quelle che sono le singole configurazioni, entrambi i living sono accumunati da un design razionale, che predilige linee pulite, e sfrutta al meglio gli spazi disponibili offrendo una buona possibilità di stivaggio con un pensile superiore, il consueto vano ricavato sopra la cabina guida e uno spazio accessibile attraverso una botola a pavimento. L’ambientazione, poi, gode dell’illuminazione data dalla vetratura della cabina di guida e dalle due finestre laterali; quest’ultime concorrono, insieme all’oblo a tetto a garantire anche un’adeguata areazione al soggiorno.

Infine, con particolare riferimento al modello V 600 G, si segnala all’interno della cassapanca frontemarcia la presenza della Truma Combi da 4 Kw di potenza, alimentata a gas e gestita da pannello digitale Truma CP Plus posizionato al di sopra del portellone di accesso all’abitacolo. L’unità termica del V 600 J, trova invece posto al di sotto del letto posteriore sinistro all’interno di un vano accessibile asportando la parte frontale. Interessante e particolare la gestione e il controllo degli impianti di bordo, su entrambi affidata al moderno sistema Pilote Xperience che, grazie a uno schermo touch-screen collocato a lato della porta d’ingresso, consente un facile monitoraggio dei livelli di acqua e batterie e di personalizzare le soglie desiderate per l’accensione degli allarmi dedicati, per esempio, al basso livello dell’acqua potabile o delle batterie.

 

Piantine e misure

Dotazioni di serie:

ABS, ASR, ESP, Airbag conducente, specchi esterni regolabili e riscaldabili elettricamente, pneumatici da 16″, gradino elettrico, illuminazione esterna a led e grondaia, precablaggio antenna satellitare, precablaggio pannello solare, Truma Combi 4 KW, batteria AGM.

Optional istallati sul Pilote V 600 G:

  • Pacchetto Chassis (Airbag passeggero + ESP + Traction+, regolatore di velocità, fari diurni i antinebbia a LED)
  • Pacchetto Lusso esterno (Paraurti anteriore verniciato, cornici dei gruppi ottici nere, bordo della calandra nero, piastra paramotore nera brillante)
  • Pack Energy (Pannello solare Batteria ausiliare AGM)
  • Pack Media 8” (Autoradio con schermo 8 pollici Ricezione DAB / DAB+ Telecamera di retromarcia)
  • Cerchi il lega da 16″
  • Serbatoio di recupero coibentato e riscaldato
  • Posto letto aggiuntivo in dinette
  • Pedana doccia
  • Doccetta esterna acqua calda/fredda
  • Finestra aggiuntiva posteriore lato destro
  • Cassetto aggiuntivo gavone posteriore+gradino letto
  • Sellerie in similpelle

Optional istallati sul Pilote V 600 J :

  • Pacchetto Chassis (Airbag passeggero + ESP + Traction+, regolatore di velocità, fari diurni i antinebbia a LED)
  • Pacchetto Lusso esterno (Paraurti anteriore verniciato, cornici dei gruppi ottici nere, bordo della calandra nero, piastra paramotore nera brillante)
  • Pack Energy (Pannello solare Batteria ausiliare AGM)
  • Pack Media 7” (Autoradio con schermo 7 pollici Ricezione DAB / DAB+ Telecamera di retromarcia)
  • Pack TV Sat (Televisore 20’’ Full HD, supporto regolabile per televisore a schermo piatto, antenna satellitare automatica Ø65)
  • Verniciatura Rosso profondo 
  • Cerchi in lega da 16″
  • Appoggio gambe sedile passeggero con movimentazione elettrica e controllo wi-fi
  • Pedana doccia
  • Finestra bagno
  • Doccetta esterna acqua calda/fredda 

Conclusioni

Come si potrebbe conferire personalità a un van? Verosimilmente si potrebbe pensare al look esterno, grafiche accattivanti, carrozzerie dai colori accesi oppure accessori che diano un tocco di personalità, magari sportiva, a quella che è la base di partenza uguale per tutti. Se si pensa all’interno, invece, tornano in mente i primi allestimenti fai da te che, agli albori, caratterizzavano questo segmento. Anno dopo anno, l’interesse rivolto a questa tipologia di veicoli, è andato in continua crescita spingendo, di fatto, i costruttori ad aumentare la propria offerta includendo una nutrita proposta di veicoli furgonati. Oggigiorno le proposte sono talmente tante e variegate che il van non è più solo un mezzo pratico e semplice da usare, ma è diventato un veicolo dove la cura realizzativa degli interni ha soppiantato quella che era la semplicità costruttiva iniziale. Tutto questo, oltre ad aumentare il bacino di utenti di questo segmento, implica, però, una maggior ricerca votata a colmare esigenze sempre più mirate sia in termini di layout sia di varianti interne d’arredo che soddisfino una clientela molto attenta ed esigente. Molti sono i produttori che oggi offrono molteplici soluzioni per rendere unico e personale il proprio van. Tra questi, Pilote offre una gamma completa, altamente personalizzabile, al passo con le ultime tendenze del mercato, includendo anche soluzioni fuori dagli schemi comuni che non mancano certamente di personalità e si segnalano per la loro anima innovativa. Ecco quindi un confronto tra due modelli diametralmente opposti, il Pilote V 600 J che stravolge completamente il living anteriore e il V 600 G che ne mantiene la configurazione classica, ma che puntano a mantenere inalterate quelle che da sempre sono le peculiarità di questo segmento di veicoli: praticità e semplicità d’uso. Tutto questo è reso possibile grazie a un’attenta razionalizzazione degli spazi, unita ad accorgimenti intelligenti che trovano riscontro attraverso soluzioni volte ad ottimizzare l’abitabilità interna come, ad esempio, la toilette. Se a questi ci aggiungiamo, poi, l’originale configurazione del living anteriore del V 600 J, e così che prende forma un van destinato inequivocabilmente alla coppia che predilige una camera da letto confortevole unita a un vano di carico capiente. Viceversa, con il layout dall’impronta più classica che contraddistingue il V 600 G, la coppia può beneficiare del maggiore spazio di convivialità offerto dalla dinette anteriore in grado di accogliere comodamente quattro persone e, in caso di necessità, di poter ricavarne un posto letto aggiuntivo. Non mancano ad entrambi delle imperfezioni o piccole lacune, ma non per questo bisogna sminuire il valore di due van che puntano a un target ben preciso che, qualunque sia la scelta, punta ad avere un apprezzabile comfort di bordo in un furgonato allestito secondo le proprie necessità e gusti.

Cosa ci è piaciuto di più

  • Pregevole l’attenta progettazione con una corretta distribuzione degli spazi a tutto beneficio di una vivibilità interna molto apprezzabile.
  • Considerando la tipologia dei veicoli, la toilette adotta una soluzione che garantisce la massima fruibilità in ogni occasione.
  • Sul modello V 600 J ottima la disponibilità di spazi di stivaggio sia nel vano di carico posteriore sia all’interno dell’abitacolo.

Cosa ci è piaciuto di meno

  • In entrambi i modelli manca un’adeguata coibentazione e riscaldamento del serbatoio di recupero.
  • Basica la dotazione di serie della parte meccanica nella quale sono assenti ausili che garantiscono una maggior sicurezza durante la guida come ESP e Airbag passeggero.
  • Sul modello V 600 G il tavolo della dinette appare di dimensioni poco adatte a quatto commensali.

Riferimenti e contatti del costruttore
Pilote Route du Demi-Boeuf – 44310 La Limouzinière – France
Tel. +33 02 40 32 16 00 – Fax +33 02 40 32 16 37

www.pilote.fr

Tutto su Pilote

Fotogallery 

Danilo Colombo

Comments are closed.