December 5, 2021

Letti gemelli e dimensioni non eccessive per questo motorhome, il cui elevato livello generale viene ribadito dalla meccanica Mercedes-Benz abbinata al telaio Al-Ko. La lunga lista di optional permette di rendere questo veicolo ancora più confortevole.

In sintesi

Tipologia Motorhome
Meccanica Mercedes-Benz Sprinter 414 CDI con telaio Al-Ko e passo da 424 cm
Motorizzazione di base 2.143 cc – 105 kW/143 cv
Motorizzazioni opt 2.143 cc – 130kW/177cv
Dotazioni di sicurezza ABS, ESP, Airbag conducente e passeggero, fendinebbia
Posti omologati 4
Posti letto 4
Dimensioni 752x227x294 cm
Peso massimo ammesso 4.200 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 3.385 Kg
Riscaldamento Truma Combi 6 CP Plus
Serbatoio acqua potabile 170 litri
Serbatoio di recupero 140 litri
Prezzo base Euro 114.870,00 con IVA FC

 

Sempre più orientata ad un allargamento dell’offerta, già dallo scorso anno Carthago propone i motorhome chic c-line su meccanica Mercedes-Benz. L’arrivo sul nostro mercato di questi modelli in realtà è passato un po’ in sordina, perché si è inserito senza troppa enfasi tra il lancio dei prestigiosi chic e-line su base Mercedes (a fine 2019) e l’arrivo dei c-tourer su chassis Mercedes (a fine 2020). E’ però doveroso riconoscere un ruolo fondamentale alla serie chic c-line nel panorama Carthago e l’introduzione della meccanica Mercedes Sprinter, che si affianca a quella Fiat Ducato, amplia le possibilità di scelta dei clienti più esigenti, disposti a spendere cifre importanti pur di accaparrarsi un camper di livello superiore. Modello di sicuro interesse è lo chic c-line 4.9 LE, che ha una lunghezza di poco superiore ai 7 metri e mezzo e propone una pianta sempre molto richiesta, con letti gemelli posteriori sopra il garage.

Le dimensioni sono importanti, su questo non ci sono dubbi, ma le possiamo considerare “medie” o addirittura “piuttosto contenute” visto il livello elevato dell’allestimento. Stiamo parlando di un motorhome che supera abbondantemente la soglia dei 100.000 euro e con gli inevitabili optional si avvicina ai 150.000 euro. La meccanica Mercedes conta molto, ma non è tutto: per apprezzare questo veicolo nella sua interezza dobbiamo valutarne le forme esterne, il design interno, la tecnica costruttiva e l’impiantistica. Esternamente il c-line su Mercedes impone la sua presenza non solo con dimensioni generose, ma anche con particolari di richiamo per la vista, come la lucente calandra anteriore. La parentela con i fratelli maggiori chic e-line è ben evidente nel frontale, caratterizzato sia dalla citata calandra cromata, sia dai particolari gruppi ottici (fari Full-LED).

Del resto, appare molto gradevole anche la parete di coda, stampata in vetroresina e con la fanaleria di buon design. La base meccanica dello chic c-line 4.9 LE è quella del Mercedes Sprinter abbinata al telaio ribassato Al-Ko a carreggiata posteriore allargata, con passo di 424 cm. Viene utilizzato lo Sprinter 414 CDI nella versione a trazione anteriore, con motore 2.2 da 143 cv e massa complessiva a pieno carico di 4.200 kg.

La maggior parte dei clienti, è quasi certo, opterà per alcuni optional qualificanti legati alla meccanica, come il motore da 170 cv e il cambio automatico 9-G TRONIC, un’abbinata vincente per chi, su un camper, cerca un piacere di guida paragonabile a quello di una buona autovettura. Un piacere che passa anche dai particolari del posto guida, come l’ottimo volante in pelle con comandi integrati e il sistema multimediale con schermo centrale touch screen e navigatore integrato: anche in questo caso, si tratta di optional a pagamento, come del resto il Pacchetto assistenza alla guida con regolazione attiva delle distanze e assistente attivo alla frenata. Il concetto è chiaro: se si desidera qualcosa di davvero esclusivo dal punto di vista del comfort di guida e della sicurezza, lo si può avere attingendo alla lista del optional Mercedes.

Con poca spesa si può avere anche l’innalzamento della capacità di carico, aumentando a 4.500 kg la massa complessiva. In ogni caso, questo veicolo si può condurre solo con la patente C. Scegliendo tra i vari optional, lo chic c-line 4.9 LE è configurabile come si preferisce perché sono davvero molte le soluzioni proposte. Per chi volesse limitarsi all’indispensabile, è praticamente d’obbligo il Pacchetto Super che comprende quasi trenta voci: si va dal climatizzatore cabina automatico al freno di stazionamento elettrico, dalla retrocamera con monitor da 7” ai piedini di stazionamento posteriori. Il sistema costruttivo Carthago ormai non ha più bisogno di presentazioni: siamo a livelli davvero elevati grazie a pannelli sandwich composti da un materiale isolante di elevata qualità (polistirene estruso RTM) racchiuso da due lastre di alluminio (lato esterno e lato abitacolo). Per il rivestimento esterno del tetto e del fondo del pavimento vengono utilizzate lastre di vetroresina. I pannelli di pareti, tetto e pavimento si incastrano in appositi longheroni profilati in alluminio, con ulteriore tenuta tramite incollaggio. La parete posteriore stampata in vetroresina è opportunamente coibentata e le bandelle sottoscocca sono in alluminio. Un sistema costruttivo eccellente, collaudato ormai da anni, che permette a Carthago di offrire dieci anni di garanzia di tenuta alle infiltrazioni.

A tutto ciò si aggiunge il doppio pavimento, elemento imprescindibile dei motorhome della casa di Aulendorf, che in questo caso offre un’intercapedine riscaldata di 22 cm in cui sono inseriti vari impianti tecnici e diversi vani di stivaggio. C’è ad esempio un gavone passante, accessibile dalle due fiancate, basso al centro (22 cm) ma più alto in corrispondenza degli sportelli laterali. Ci sono poi vani a pozzetto accessibili da botole a pavimento nell’abitacolo e c’è un gavone laterale ribassato a sinistra della porta d’ingresso. Ai gavoni sottoscocca si aggiunge l’ampio garage posteriore, con una portata di 350 kg e quindi perfettamente adatto a trasportare diverse biciclette o uno scooter. Il garage è dotato di presa elettrica a 230V.

Per quanto riguarda l’impiantistica di bordo segnaliamo innanzitutto i serbatoi dell’acqua di grande capacità: 170 litri per le chiare, 140 litri per le grigie, entrambi protetti dal gelo nel doppiofondo del pavimento (accesso dalla botola nel corridoio dell’abitacolo, scarico delle grigie interno alla botola interna davanti alla porta). Una grande autonomia, quindi, così come offre grande autonomia l’impianto elettrico, grazie a due batterie al gel, ognuna da 80 Ah, anch’esse ubicate nel doppio pavimento. In merito all’impianto elettrico occorre segnalare anche il raggruppamento, in un apposito vano nel garage, di tutte le apparecchiature come caricabatteria, interruttore differenziale “salvavita” e gruppo fusibili. L’impianto del gas prevede un vano per due bombole (2x10kg), di facile accessibilità, posto in basso con sportello sulla fiancata sinistra.

 

Il gas serve ad alimentare, oltre ai fornelli (e al frigorifero, se occorre), la centrale termica Truma Combi 6, dotata di comando CP Plus. Perfettamente intonato al livello del veicolo è il sistema di riscaldamento ad acqua Alde, proposto in opzione e presente sull’esemplare in prova, ottimale nel caso si sfrutti il mezzo in inverno (è abbinabile anche allo scambiatore di calore per il riscaldamento dell’abitacolo in marcia e il preriscaldamento del motore).

L’interno offre la tradizionale ambientazione Carthago, calda e accogliente, con la possibilità di personalizzare l’arredo a piacimento grazie a numerose varianti: sul modello esaminato, ad esempio, erano presenti i pensili bi-colore e le sedute con rivestimento parziale in pelle. Sul pavimento si notano due botole che permettono di accedere a capienti vani di stivaggio inseriti nel doppio pavimento. Il living, che gravita intorno al grande tavolo con piano traslabile (comando a pedale), è composto da una semi-dinette a L completata dai sedili girevoli della cabina e dalla poltrona laterale. Quest’ultima ha la seduta ribaltabile, con movimento facile e veloce, per accedere alla zona di stivaggio sottostante, coincidente con il gavone nel doppio pavimento. Dietro la poltrona è collocato anche il sistema estraibile dello schermo TV, che sale quando occorre (optional). Sopra la zona living è posizionato il letto basculante, un matrimoniale ampio (195×160 cm) a movimentazione manuale (optional movimento elettrico).

La cucina dalle forme sinuose è elegante e ben strutturata, con un piano d’appoggio adeguato (considerando anche il coperchio del lavello, che diventa una mensola). Valida la suddivisione degli spazi, che permette di separare stoviglie e scatolame. Il piano in Corian, tipico di Carthago, ha sempre il suo fascino: è bello, pratico e robusto. Il grande frigorifero da 153 litri, con selezione automatica della fonte energetica, ha la cella freezer separata e le pratiche ante a doppia apertura. Accanto al frigorifero troviamo un armadietto scorrevole a tre livelli. Tra gli optional, segnaliamo la macchina del caffè a scomparsa e la vetrinetta con i calici da vino.

Il bagno frazionato in due parti consente di usare la doccia anche quando qualcuno sta impiegando il lavabo o il wc. I due vani si possono comunque riunire chiudendo la porta di separazione con la zona giorno. A differenza di altre soluzioni simili, però, Carthago adotta una doppia porta (la seconda incernierata sulla prima) che permette, se occorre, di separare la zona giorno ma al contempo di chiudere il vano wc-lavabo. Per l’aerazione della zona bagno non sono previste finestre, solo due oblò a tetto.

La zona notte posteriore, anch’essa separabile mediante una porta (scorrevole), offre due letti singoli sollevati, accessibili da due comodi gradini. Questi ultimi sono dotati di un sistema di scorrimento, che li rende disponibili anche quando si desidera unire i due letti singoli per formare un grande matrimoniale. Sotto ai letti sono collocati due armadi, di notevole capienza, accessibili sia dallo sportello frontale, sia sollevando la porzione terminale del letto. La parte alta della zona notte è contornata da tre file di pensili e c’è anche un alloggiamento specifico per la seconda TV, destinata alla zona notte.

 

Piantine e misure

Cosa ci è piaciuto di più

  • Veicolo di grande fascino, l’abbinata Carthago-Mercedes risulta vincente e il design esterno/interno accontenta un po’ tutti.
  • Ottima tecnica costruttiva, doppio pavimento e pannelli a doppia lastra di alluminio.
  • Arredo interno: finiture accurate e attenzione al dettaglio.
  • Eccellente posto guida, volante e plancia comandi di stile automobilistico.

Cosa ci è piaciuto di meno

  • La lista degli optional è lunga e il prezzo finale rischia di allontanarsi molto da quello di listino.
  • Manca una finestra nel vano toilette, ci sono solo due oblò a tetto.
  • La stufa Alde, quasi doverosa per un allestimento di questo livello, non è di serie ma si paga a parte.

Riferimenti e contatti del costruttore

Carthago

Carthago Reisemobilbau GmbH, Carthago Ring 1, 88326, Aulendorf, Germania

Telefono: +49 (0)7525-920, Fax: +49 (0)7525-920

Tutto su Carthago

Fotogallery

 

Renato Antonini

Comments are closed.