September 19, 2021

Presentati due nuovi modelli di van: il Select D51 ha un grande letto posteriore, mentre il Fun D55 UP abbina il tetto sollevabile al bagno con doccia indipendente

Con un lavoro continuo, anno dopo anno, Dreamer si è conquistata un posto d’onore nel segmento dei van. Anche per la stagione 2022 il marchio del gruppo Rapido specializzato in camper furgonati arricchisce la sua offerta, che è sempre molto varia.

Continua la differenziazione nei due livelli di allestimento, Fun e Select, e vengono confermati i modelli che nella scorsa stagione hanno fanno apprezzare al pubblico europeo il brand Dreamer, primo fra tutti il Camper Van XL Limited.

E’ un generoso furgonato su base Ducato, lungo 636 cm e dotato di tetto alto extra serie, soluzione che permette di ricavare un comodo letto basculante. Da notare il cupolino vetrato sopra la cabina, che dona luce alla parte anteriore, nonostante la presenza del basculante stesso.

I nuovi modelli Dreamer per la stagione 2022 sono due. Nella gamma Fun viene inserito il D55 UP con tetto sollevabile a soffietto, che si affianca al già noto D43 UP. Rispetto a quest’ultimo però cresce in lunghezza, arrivando alla classica taglia da 599 cm. Al pari del D55 standard, il Fun D55 UP con tetto sollevabile offre la soluzione Modul Space con armadio all’interno della doccia, estraibile a rotazione quando occorre. E’ un sistema brevettato dal gruppo Rapido e che permette, in un van di taglia media, di avere una cabina doccia indipendente dal vano toilette. Al tetto sollevabile, il D55 UP abbina il cupolino panoramico sopra la cabina. Questo nuovo modello è disponibile solo su base meccanica Peugeot Boxer oppure, in opzione, su Fiat Ducato con cambio automatico. L’altra novità è il Select D51, anch’esso nella classica lunghezza di 599 cm. Realizzato su chassis Fiat Ducato, questo veicolo si distingue per il maxi letto matrimoniale posteriore da 153 cm di larghezza, sotto cui è ricavato un generoso vano di carico. Per riuscire ad offrire così tanto spazio nella zona letto posteriore il Select D51 sfrutta sia l’accorgimento dell’armadio a sbalzo sopra il letto (una sorta di maxi armadietto pensile), sia la soluzione del bagno dotato di parete rotante, con il lavabo che si sovrappone al wc per realizzare il vano doccia. Nella nuova gamma 2022 di Dreamer compaiono poi migliorie su vari modelli, come ad esempio la possibilità di agganciare il tavolo all’esterno per pranzare in veranda, soluzione proposta sui modelli Select.

Sempre in merito alle cucine della gamma Select segnaliamo i cassetti a chiusura centralizzata elettrica, una comodità e una sicurezza allo stesso tempo, soprattutto durante il viaggio. Sicuramente interessante, per il comfort dei passeggeri, l’inserimento di un appoggiabraccia accanto al divanetto della dinette: lo troviamo sul Camper Van XL Limited e sul Family Van.

Ricordiamo che il Family Van, lungo 599 cm e dotato di tetto alto extra serie, è uno dei due modelli Dreamer a carattere familiare, con il letto a castello posteriore e il letto basculante anteriore. L’altro van “familiare” è il CamperFive, più lungo (636 cm) ma con il tetto alto di serie Fiat.

La maggiore lunghezza permette di abbinare al letto a castello posteriore una piccola dinette trasversale, offrendo così due aree di seduta con tavolo, il che non è poco su un camper furgonato.

Del resto, è un veicolo particolare anche il Living Van, lungo 636 cm e con tetto alto extra serie. Non solo propone il letto basculante anteriore e la soluzione della doccia indipendente con armadio integrato, ma anche un generoso living posteriore, molto conviviale, trasformabile all’occorrenza in letto.

Nessuna novità, a parte un nuovo accattivante colore (“Azure Blue”), per quanto riguarda i due van compatti a tetto sollevabile su base Ford Custom. E’ da anni che Dreamer crede in questa tipologia di camper e gli ultimi sviluppi del mercato sembrano dare ragione al costruttore francese. Il Cap Coast è il più corto, solo 497 cm di lunghezza, mentre il Cap Land arriva a 534 cm e offre anche un piccolo bagno.

Fotogallery

Renato Antonini

Comments are closed.