May 21, 2022

Look inconfondibile e pregevoli soluzioni tecniche per questo semintegrale con letti gemelli, nuova proposta della storica casa italiana

In sintesi

Tipologia Semintegrale
Meccanica Fiat Ducato 35 con passo da 380 cm
Motorizzazione di base 2.184 cc – 103 kW/140 cv
Motorizzazioni opt 2.184 cc – 118 kW/160 cv; 2.184 – 130kW/177cv
Dotazioni di sicurezza ABS, ASR, ESC, airbag conducente e passeggero, cruise control
Posti omologati 4
Posti letto 4
Dimensioni 699x235x305 cm
Peso massimo ammesso 3.500 kg
Peso dichiarato in o.d.m. 3.080 Kg
Riscaldamento Truma Combi 6000 W
Serbatoio acqua potabile 145 litri
Serbatoio di recupero 135 litri
Prezzo base 78.380,00 con IVA

 

L’analisi

Presentata verso la metà del 2020, la gamma Europa New Deal interpreta il nuovo corso di Arca, che tende a un prodotto di alto livello, con soluzioni moderne e un’estetica accattivante. Se è vero che la stagione 2022 ha visto il vigoroso ampliamento di questa gamma con l’introduzione dei motorhome, è altrettanto vero che i semintegrali rivestono sempre una grande importanza ed è per questo che è stata inserita una nuova versione. Stiamo parlando dell’Europa New Deal P699 GLG, che essendo il modello Arca più piccolo ed “economico” (insieme al P699 GLM) consente di accedere al prestigio dello storico brand italiano ad un prezzo allettante (intorno agli 80.000 euro).

La lunghezza rimane sotto i 7 metri (699 cm per l’esattezza), la larghezza è standard mentre è piuttosto elevata l’altezza, che sale sopra i 3 metri (305 cm). Questo modello Arca è costruito sullo chassis Fiat Ducato 35 Light, a carreggiata posteriore allargata. Di serie viene adottato il motore 2200 Multijet 3 da 140 cv, che assicura prestazioni soddisfacenti. Chi vuole più dinamismo, può puntare direttamente sul propulsore più potente dalla gamma Ducato, il 2.2 da 177 cv. L’immagine esterna di forte impatto è uno degli elementi chiave di questo veicolo.

La scelta di abbandonare il tradizionale colore bianco optando per un esterno grigio metallizzato appare vincente. Il colore grigio argento viene rimarcato da particolari più scuri, che creano un piacevole contrasto: il cupolino sopra la cabina, le bandelle laterali, gli elementi di raccordo a colonna anteriori e posteriori. Ben caratterizzata la parete di coda, con una parte centrale grigio chiaro da cui emerge una cornice più scura costituita dai montanti laterali, dal paraurti e dall’elemento superiore.

Dal punto di vista dell’immagine è decisiva anche la fanaleria integrata nel paraurti, con luci a led e indicatore di direzione dinamico: il rosso dei gruppi ottici contrasta in maniera molto gradevole con il grigio scuro e viene ripreso da sottili grafiche adesive sulla parete. La cabina colorata è però un optional, purtroppo. Un optional irrinunciabile, possiamo dire. E’ importante notare che il nodo di giunzione tra parete e tetto è arrotondato, senza profili aggiuntivi: una caratteristica ormai tipica dei modelli di alta gamma, che rende piacevolmente armonico l’insieme.

 

La porta d’ingresso, ampia e con martinetto di fermo, è dotata di finestra fissa, di cesto porta rifiuti e di zanzariera scorrevole. Per salire nell’abitacolo occorre superare un dislivello piuttosto importante, ma non ci sono problemi grazie alla presenza di due gradini integrati, larghi e di forma regolare, a cui si aggiunge un maniglione laterale di sostegno che aiuta nella salita. La porta d’ingresso ha la chiusura centralizzata abbinata alla cabina e agli sportelli del gavone.

Anche la tecnica costruttiva caratterizza in maniera decisa questo nuovo modello Arca. Al fine di isolare bene l’abitacolo nella stagione fredda, è stato predisposto un doppio pavimento, costituito da una lastra inferiore isolata da 38 mm di spessore (che poggia sul telaio del veicolo) e una superiore più leggera da 22 mm (montata su un telaietto metallico), separate da un’intercapedine riscaldata alta 190 mm. Nel doppio pavimento sono inseriti elementi dell’impiantistica e vani di stivaggio. I pannelli sandwich che formano la cellula abitativa sono composti da un’anima interna in materiale isolante (Xenergy, un polistirene estruso ad alte prestazioni), rivestita sul lato abitacolo da una lastra di vetroresina e sul lato strada da una lastra di alluminio, brillante e duraturo. Solo per il tetto e il fondo del pavimento, soggetti agli urti rispettivamente di grandine e pietrisco, viene utilizzato un rivestimento esterno in vetroresina.

La garanzia di tenuta all’acqua della scocca è di dieci anni, un valore sicuramente importate. Osserviamo inoltre che l’alluminio viene utilizzato anche per la realizzazione delle bandelle laterali. E’ invece in ABS il cupolino, che integra un oblò panoramico. L’Europa New Deal P699 GLG offre due gavoni per lo stivaggio. Il principale è il garage posteriore, di forma regolare, accessibile da due sportelli e adatto al trasporto di uno scooter o di alcune biciclette.

E’ riscaldato, illuminato e dotato di una presa elettrica a 220 V. Il secondo gavone è ricavato nell’intercapedine del doppio pavimento: è basso e non molto largo, ma è molto profondo (quanto la larghezza del veicolo), quindi fornisce un volume di stivaggio non indifferente.

Anche in questo caso l’accesso è garantito da due sportelli su fiancate contrapposte, a ridosso della cabina. Nella parte più esterna, da entrambi i lati, questo gavone diventa più alto, sfruttando la zona sotto al telaio coperta dalle bandelle. Oltre che su una cellula abitativa ben isolata termicamente, l’Arca Europa New Deal P699 GLG può contare su un valido sistema di riscaldamento, come l’unità termica Truma Combi da 6000 W di potenza, alimentata a gas e dotata di comando digitale CP Plus. I serbatoi dell’acqua, come abbiamo detto, sono entrambi protetti nel doppio pavimento riscaldato, ma vale la pena notare anche la buona capacità di tali serbatoi, 145 litri le acque chiare, 135 litri le acque grigie. Senza contare che tutto l’impianto idrico è ben ispezionabile dai gavoni e da botole a pavimento.

Ben dimensionati i tubi, le valvole di scarico e i sifoni. In merito all’impiantistica segnaliamo anche le utenze esterne: la doccetta con attacco rapido è all’interno del garage (in prossimità dello sportello), la presa del gas è in fiancata, così come le prese a 12/220 V e attacco TV.

Una volta saliti a bordo si apprezza il tradizionale stile Arca, capace di accontentare tutti grazie un design moderno ma senza particolari fughe in avanti, con un generoso utilizzo delle tonalità legno ma anche di superfici e rivestimenti di colore chiaro in contrasto. Al calore dell’insieme contribuisce il rivestimento soft-touch di tetto e pareti.

Le sedute sono rivestite in ecopelle, in opzione si può avere la microfibra. Le ante dei pensili hanno il rivestimento in laminato che sale oltre il bordo (metodo postforming), soluzione più resistente (e apprezzabile esteticamente) in confronto alle ante con classica bordatura. Sul pavimento dell’abitacolo sono presenti tre sportelli, che celano tre vani di stivaggio a pozzetto. Una quarta botola mostra parte dell’impianto idrico.

Il living è organizzato intorno a una tavolo a sostegno centrale, un tavolo ampio, traslabile e girevole. Per sedersi è prevista una dinette a L, una grande poltrona laterale e due sedili girevoli della cabina. Nonostante il letto basculante impedisca la creazione di un oblò, la zona pranzo e relax è illuminata adeguatamente, grazie alla presenza dell’ampia superficie finestrata del cupolino. Sulla parete accanto alla porta d’ingresso è presente un alloggiamento per lo schermo TV, che può essere anche di grandi dimensioni.

Come sempre, Arca pone parecchia attenzione nella realizzazione delle cucine: su questo modello si può osservare il bel piano in pietra acrilica e i gradevoli accessori cromati a parete. Accanto alla cornice decorativa della finestra è predisposta una piccola mensola che, scendendo, diventa l’alloggiamento per un’eventuale macchina del caffè. Il piano d’appoggio è adeguato e il fornello a tre fuochi è ben distanziato dal bordo. Non c’è purtroppo la cappa aspirante, per l’aerazione è previsto un oblò a tetto dedicato, oltre naturalmente alla finestra. Il generoso frigorifero trivalente si sviluppa a fianco della cucina e ha una capacità di 145 litri.

Per il bagno i progettisti hanno scelto la soluzione della parete rotante, che permette di contenere le dimensioni pur godendo di spazi ben vivibili. In conformazione normale si sfrutta il lavabo e il wc, mentre ruotando il sistema di paretine si crea un vano doccia separato. Sicuramente migliorabile l’insieme delle paretine, poco omogeneo e un po’ macchinoso. Buona invece l’aerazione, perché alla finestra si aggiunge l’oblò a tetto.

Confortevole e ben progettata la zona notte posteriore. I letti singoli, facilmente accessibili dai due gradini centrali, sono dotati di validi materassi memory foam e hanno una testiera imbottita, gradevole alla vista e retroilluminata. E’ possibile unire i due letti per formare un grande matrimoniale: occorre ribaltare l’assicella di sostegno e inserire un materasso di prolunga.

Sono tanti e decisamente ben organizzati i vani di contenimento per gli indumenti: oltre agli armadietti pensili nella parte alta, si può contare su una cassettiera sotto ad un letto e un piccolo spazio dentro a un gradino, ma soprattutto sull’armadio per i capi appesi a cui si accede sia frontalmente, sia dall’alto sollevando rete e materasso. Il sollevamento dei letti rivela anche altri vani di contenimento, bassi ma sempre utili.

L’altra zone notte è nella parte anteriore del veicolo: è qui infatti che troviamo un matrimoniale basculante a movimentazione elettrica.

Quando è abbassato è d’ingombro per l’entrata e l’uscita dalla porta. Pur non essendoci un oblò ad uso diretto, l’aerazione del basculante è garantita dall’oblò della cucina e dalla finestra inserita del cupolino.

Piantine e misure

Cosa ci è piaciuto di più

  • Doppio pavimento
  • Immagine accattivante, pareti colorate
  • Molti vani di contenimento per indumenti nella zona notte

Cosa ci è piaciuto di meno

  • Il letto basculante abbassato ingombra il vano porta
  • Doccia: migliorabile il sistema di paretine

 

Riferimenti e contatti del costruttore

Arca

Via Val d’Aosta, 4, 53036, Poggibonsi, SI

Email: info@arcacamper.it
Telefono: +39 0577 6501
Fax: +39 0577 650200

Tutto su Arca

Fotogallery

Renato Antonini

Comments are closed.