October 6, 2022

Scopri cosa valutare quando scegli un camper usato e il sito dove trovarlo

L’acquisto di un camper usato è una scelta molto importante: coinvolge tutti i componenti della famiglia, ciascuno con le proprie attese, i propri desideri, i propri sogni. Ed è anche uno sforzo economico significativo. Pertanto, non si tratta di una decisione da prendere alla leggera, ma piuttosto da valutare a fondo in ogni suo aspetto. Pertanto, ecco 7 consigli per scegliere il giusto camper usato.

Camper Usati: 7 consigli per scegliere il tuo prossimo camper

1) Quale tipologia di camper scegliere.

Non abbiate fretta di acquistare un camper, solo perché è disponibile, perché presto potrebbe rivelarsi non adatto ad ospitarvi come vorreste nei vostri viaggi. Quindi, ragionate bene e con calma, analizzando le varie soluzioni possibili in commercio: camper puro (anche detto van o furgonato), autocaravan mansardato, autocaravan profilato (anche noto come semintegrale), infine motorhome.

Ciascuna tipologia ha pregi e difetti agli occhi di ogni utilizzatore. Non esiste il camper perfetto in assoluto. Esiste il camper ideale per ognuno di noi, ed è proprio quello che bisogna trovare.

2) La disposizione giusta dentro il camper.

Anche la pianta interna è fondamentale nella scelta del veicolo. Meglio i letti a castello o un matrimoniale con garage? E’ più comoda un’ampia dinette o un bagno spazioso? In questo caso la scelta dipende da diversi fattori come: l’equipaggio normalmente presente (solitamente è comodo avere tanti posti tavola e letto sempre pronti per ciascun membro a bordo), il fatto di ospitare saltuariamente amici a tavola o nipoti per dormire, la necessità di trasportare oggetti ingombranti (moto, biciclette e attrezzature sportive in genere), ed infine non dimentichiamo i nostri amici a 4 zampe, sempre più nostri fidati compagni anche di viaggio.

3) Dimensioni del Camper.

Anche in questo caso, le attitudini del conducente possono variare molto: il camper agile sarà piccolo dentro, mentre quello con un interno molto spazioso risulterà poco maneggevole. Quindi, occorre trovare il giusto compromesso considerando sia come si intende utilizzarlo, viaggi itineranti o vacanze stanziali, sia dove rimessarlo quando non in uso.

4) Toccate con mano il vostro futuro camper. 

Se un mezzo vi interessa è d’obbligo un sopralluogo per rendersi conto di persona se il veicolo scelto conferma realmente le prime impressioni che vi hanno condotto alla scelta. L’esame dal vivo è fondamentale, perché seppur precedentemente analizzato in termini di dimensioni e dotazioni, immagini e video, il poter valutare dal vivo, salire a bordo e muoversi al suo interno è il momento nel quale “scatta la scintilla” oppure no.

Camper Usati: 7 consigli per scegliere il tuo prossimo camper

5) Controllo esterno del camper.

Qualora il veicolo vi convincesse, occorre procedere ai controlli di rito, iniziando dalla scocca, dove capirete se è stato rimessato al chiuso, o almeno al coperto, oppure se ha sostato all’esterno. In quest’ultimo caso, risulteranno evidenti alcuni particolari come le plastiche ingiallite e le guarnizioni screpolate e indurite dagli agenti atmosferici che potrebbero richiedere interventi di ripristino a vostre spese (eventualmente da considerare nella successiva trattativa di acquisto).

Per quanto riguarda il motore e le componenti meccaniche, se non siete esperti del settore conviene coinvolgere un meccanico di fiducia, che saprà valutare lo stato di usura del veicolo e le eventuali riparazioni necessarie (da tenere ben presenti in sede di valutazione del prezzo di acquisto). Lo stato di usura dei freni, degli pneumatici, della fanaleria, dei tergicristalli e i vari tagliandi di manutenzione programmata eseguiti sono controlli da fare obbligatoriamente di persona.

6) Controllo a bordo camper. 

Una volta entrati nella cellula occorre inoltre procedere con uno scrupoloso esame degli interni alla ricerca di eventuali aloni, specie nel perimetro di oblò, comignoli, finestre e giunzioni delle pareti. In caso di dubbio alla vista, il tatto vi aiuterà a scoprire se possono esserci infiltrazioni (che risultano morbide, o peggio ancora molli) che potrebbero aver compromesso la struttura delle pareti, del tetto e/o del pavimento e richiedere quindi conseguenti e onerosi interventi di ripristino. Anche l’odore di muffa potrebbe indicare che l’umidità ha prodotto i primi danni all’interno dell’abitacolo. 

Ovviamente starà a voi decidere come procedere alla luce di eventuali criticità e su come affrontarle: il nostro consiglio è sempre quello di cercare un veicolo che almeno nella struttura risulti “sano”.

Camper usati: controlli a bordo camper

7) Alt, controllo documenti! 

Il controllo della documentazione del veicolo è un altro punto imprescindibile. La carta di circolazione racconta la storia del camper: data di nascita, proprietari precedenti, revisioni, eventuali ipoteche. Se presente, la documentazione di manutenzione del camper (tagliandi motore e cellula), e degli accessori installati a bordo, testimonia la cura di chi l’ha posseduto prima, e sarà un prezioso aiuto per capire come usarli una volta che sarà diventato il nostro compagno di avventure.

 

Ora abbiamo le idee più chiare o ancora più dubbi in testa? Un camper è la nostra casa viaggiante per cui ci sono moltissimi aspetti (utilizzo, meccanica, disposizione, qualità costruttiva…) che ne determinano la scelta e spesso a seconda del membro dell’equipaggio (moglie o marito, genitore o figlio) sono valutati in modo molto diverso. Inoltre un camper ha un prezzo di acquisto maggiore di un’auto, pertanto è necessario valutare bene l’occasione giusta. E qui, il web è di grande aiuto. 

Nella sezione Camper Usati di CamperOnLine, ad esempio, sono accessibili con pochi clic centinaia di offerte subito disponibili, con immagini, caratteristiche tecniche, dotazioni ed accessori. 

In più, la ricerca permette di filtrare su tantissimi parametri per trovare i veicoli più vicini alle vostre esigenze e… immaginarvi già in vacanza!

Redazione

Comments are closed.