August 17, 2022

Per la stagione 2023 l’offerta si arricchisce, facendo un salto in avanti rispetto allo scorso anno: con il Globevan la casa tedesca si inserisce nel segmento degli urban camper, mentre la gamma Globetrail diventa più ampia e variegata. Ma ci sono anche i semintegrali Just Go su Ford e non mancano le caravan, con le inedite Aero Up

Dopo aver festeggiato l’invidiabile traguardo dei novant’anni, Dethleffs si presenta all’inizio della stagione 2023 con una gamma in parte rinnovata, una gamma che è sempre una delle più vaste, con un’infinità di modelli e varianti. Una potenza di fuoco davvero impressionante per quella che è una delle aziende di maggiore peso sul mercato europeo. Ricordiamo che l’offerta di Dethleffs non comprende solo camper di vario tipo, inclusi i piccoli polivalenti, ma anche diverse caravan, articolate in otto serie, dalla C’Joy con un prezzo d’attacco alle prestigiose Beduin Scandinavia, passando per le nuove Aero Up. Per quanto riguarda i camper, la gamma spazia in tutte le tipologie, passando dalla fascia media a quella superiore del mercato. E anche le dimensioni sono le più disparate, ci sono modelli estremamente compatti e altri davvero grandi.

Qualche mese fa il catalogo prodotti di Dethleffs è stato arricchito con il Globevan, un mini van a tetto sollevabile, una categoria definita anche urban camper. Allestito su Ford Transit Custom, questo veicolo ha una lunghezza che si ferma a 497 cm e un’altezza di 210 cm. Un van decisamente compatto, dunque, pensato come veicolo polivalente, che può sostituire l’automobile di famiglia e che si può sfruttare utilmente come supporto ad attività sportive o qualsiasi altra esperienza nel tempo libero. La presenza del gancio di traino regala una notevole versatilità d’uso, permettendo l’utilizzo di un portabici ad attacco rapido. La versione base del Globevan ha una verniciatura bianca, quella più accessoriata invece è di colore grigio metallizzato.

L’abitacolo è volutamente minimale, concepito per offrire la massima flessibilità d’uso e di configurazione. Il tetto a soffietto con paretine in tela si solleva in sosta e genera una zona notte dotata di un letto per due persone. Nella parte bassa invece troviamo un divanetto a due posti, con schienali regolabili indipendentemente. Per variare il volume di carico, il divanetto può scorrere su binari o addirittura essere rimosso.

Il Globevan offre volutamente un’attrezzatura minima. Non abbiamo uno spazio dedicato alla toilette, ma questo è comprensibile viste le dimensioni e la tipologia di veicolo, ma non abbiamo nemmeno un blocco cucina, e questo permette di avere maggiore spazio interno nelle varie situazioni d’utilizzo. Ad esempio, è possibile ottenere un letto molto ampio. Sfruttando solo il divanetto trasformabile otteniamo un letto di discreta larghezza. Ma è anche possibile inserire un materassino aggiuntivo, che non solo rende il letto più confortevole, ma ne incrementa anche la larghezza arrivando a 140 cm, perché va a sovrapporsi agli armadietti bassi laterali.

Accanto al divanetto, sul lato sinistro dell’abitacolo, possiamo avere degli elementi di stivaggio di forma scatolare, oppure è possibile inserire un frigorifero asportabile da 32 litri. Non è previsto un blocco cucina, però c’è un fornello estraibile nella parte posteriore.

Lo scorso anno l’offerta di Dethleffs è stata ampliata con i classici van su base Fiat Ducato. Ora la gamma di furgonati è stata notevolmente rinforzata, diversi sono i modelli disponibili e c’è anche la possibilità di avere il tetto a soffietto. Stiamo parlando della serie Globetrail, che ora è proposta a scelta su base Fiat, Peugeot e Citroen. Il Globetrail 600 e il Globetrail 640, presentati lo scorso anno, verranno affiancati e poi sostituiti nel corso della stagione 2023 dalle rispettive versioni S, dotate di un nuovo tipo di bagno. Si tratta di un bagno a volume variabile: ruotando la paretina traslucida si realizza il vano doccia. Questa soluzione, ormai ben collaudata, permette di avere un adeguato spazio per wc e lavabo, ma anche un vano doccia di buone dimensioni. Sono stati presentati anche dei prototipi dotati di bagno passante centrale: l’obiettivo è quello di ampliare ulteriormente la gamma Globetrail. Non abbiamo per il momento informazioni su quando tali modelli verranno importati in Italia. Il Globetrail 640 R è il modello più grande di questa gamma, con una lunghezza di 636 cm. Oltre che per il bagno centrale separabile da paretine a serranda, si caratterizza per la confortevole zona notte con letti gemelli posteriori, una zona notte ben rifinita e luminosa. L’unico armadio è posto sotto a un letto, per accedervi occorre spostare parte del materasso, però per lo stivaggio si può contare anche sui numerosi pensili collocati su tre lati.

Valida la cucina con il frigorifero rialzato, mentre la zona living è ariosa per l’assenza della cappelliera sopra la cabina. Il cupolino vetrato opzionale, disponibile per tutti i Globetrail, dona aria e luce a volontà insieme all’oblò panoramico centrale.

In opzione per i Globetrail ora c’è anche il tetto a soffietto: è una soluzione ben recepita ultimamente dal mercato, che permette di ampliare le potenzialità dei camper furgonati. Abbiamo potuto vedere il nuovo tetto a soffietto montato su un prototipo Globetrail 540 R, un mezzo compatto, da 541 cm di lunghezza, dotato di letto trasversale posteriore.

Il bagno passante, separabile con serranda scorrevole, sfrutta al meglio lo spazio grazie al lavabo a ribalta. Il tetto sollevabile regala quei due posti letto in più che fanno comodo in molte occasioni, sia che l’equipaggio diventi stabilmente di quattro persone, sia che la coppia decida di accogliere uno o due ospiti. Da notare che il nuovo tetto a soffietto per i modelli Globetrail dispone di un oblò superiore, particolare non trascurabile perché permette di illuminare e arieggiare sia la zona living, sia la zona letto superiore.

Tra i nuovi modelli con bagno passante ci sono anche i Globetrail 600 R (599 cm di lunghezza, letto trasversale posteriore) e 600 RL (599 cm, letti gemelli), mentre il Globetrail 600 H (599 cm, letto trasversale) ha il bagno tradizionale. Tutto nuovo è anche il Globetrail 590 C, un veicolo particolare, allestito sulla base meccanica Ford Transit.

Questo van è dotato di doppio pavimento, ma è da notare anche la zona living piuttosto ariosa grazie alla notevole altezza e al trattamento della parte sopra la cabina. Abbiamo anche un blocco cucina con cassetti accessibili sia dall’interno che dall’esterno.

Ma la vera caratteristica è la differente possibilità di configurare il bagno e la zona notte. Nella conformazione normale abbiamo un tradizionale letto matrimoniale posteriore e un bagno che possiamo definire di dimensioni standard per un van. Ma è possibile ridurre della metà il letto posteriore, anche solo momentaneamente, in modo da avere più spazio disponibile per il bagno, che diventa davvero ampio e regala un vano doccia ben sviluppato. Tutto questo grazie alle pareti a serranda e alla paretina rotante. Purtroppo, è possibile che il Globetrail 590 C non venga importato in Italia nella stagione 2023.

Passando ai camper con scocca a pannelli sandwich, notiamo che i semintegrali Just Go, modelli di ingresso alla vasta gamma Dethleffs, sono stati presentati al pubblico poche settimane fa e vengono ora affiancati da nuove versioni.

I modelli Just Go si caratterizzano per la meccanica Ford Transit a trazione anteriore, ma anche per l’interno moderno e giovanile, con le tonalità legno chiaro che fanno da contrasto con elementi in grigio scuro, a cui si aggiungono tocchi di colore nei tessuti delle sedute. Possiamo inoltre osservare le pareti con un elegante rivestimento “effetto feltro”. La gamma Just Go comprende sei modelli, di lunghezze differenti.

Di sicuro interesse per il mercato italiano è il Just Go T 7055 EB, che offre spazi interni generosi e mette a disposizione una zona notte separabile dalla zona giorno, una zona notte che comprende due letti singoli e un bagno sdoppiato con cabina doccia indipendente. Semplice, ma ampia e funzionale la cucina a L.

Di dimensioni piuttosto abbondanti è anche il Just Go T 7055 DBL, con letto centrale posteriore e dinette face-to-face anteriore. Diverso dal solito è invece il nuovo Just Go T 6905, un modello che si inserisce nella tradizionale “classe 7 metri” ma si distingue per il layout non comune.

Viene rivisitata la soluzione del letto alla francese, con l’adozione di un blocco cucina centrale all’abitacolo, una cucina molto sviluppata che offre un piano di lavoro a L e un frigorifero alto sulla parete opposta. Sono centrali all’abitacolo anche i due armadi, che garantiscono una notevole capacità di stivaggio.

Ma sul Just Go T 6905 si fa notare anche il bagno: viene adottata la nota parete rotante per realizzare il vano doccia, ma con dimensioni decisamente superiori alla norma, così da ottenere spazi ampi sia per wc e lavabo, sia per l’utilizzo della doccia.

Nella serie Just Go compaiono ora anche il T 6615 da 669 cm di lunghezza e il T 7055 EBL da 736 cm: hanno entrambi i letti gemelli posteriori, ma il secondo offre un living più ampio, con dinette face-to-face, e un bagno ben sviluppato con doccia indipendente. Confermate tutte le altre gamme che compongono l’universo Dethleffs, tra cui le serie di maggiori dimensioni dotate di doppio pavimento, come i mansardati Alpa e i motorhome Esprit.

Se invece diamo un’occhiata al vasto mondo delle caravan Dethleffs notiamo il restyling della serie d’ingresso C’Joy, ma soprattutto l’inserimento della Aero Up, proposta in tre versioni (purtroppo non sarà importata in Italia nella stagione 2023). La Aero Up è caratterizzata dalla zona posteriore con ampia dinette e U sopra la quale scende per la notte il letto matrimoniale basculante a movimento manuale.

Quella del letto basculante è una soluzione largamente diffusa sui camper, ma ancora poco utilizzata sulle caravan. Abbiamo potuto osservare la Aero Up 530 KR, perfetta per la famiglia, con tanto spazio disponibile.

La Aero Up 530 KR offre non solo una grande zona living abbinata al letto basculante, ma anche una ben sviluppata area anteriore pensata per i bambini, con letto a castello affiancato da una dinette.

Fotogallery

Renato Antonini

Comments are closed.