November 28, 2022

La casa francese aggiunge un nuovo modello alla sua gamma di semintegrali compatti: è il Performance P600, un veicolo che offre ampi spazi abitabili nonostante le dimensioni ridotte

Per la stagione 2023, Autostar amplia ulteriormente la sua offerta e lo fa nel segno della compattezza. Le ridotte dimensioni infatti caratterizzano il nuovo Performance P600. Il nuovo modello si inserisce nella gamma di semintegrali compatti che ha rappresentato la vera novità Autostar della stagione 2022. Quello dei semintegrali compatti è un segmento di mercato davvero promettente, sono molti i camperisti che cercano un veicolo agile, maneggevole, ma dalla buona abitabilità interna.

Ed ecco quindi che la casa francese lancia il Performance P600, la cui lunghezza si ferma a 615 cm, ma anche la larghezza è inferiore alla media del segmento semintegrali: 216 cm, ovvero 15 cm meno dei semintegrali classici di casa Autostar, quelli delle serie Passion e Privilege. Ma nonostante quei centimetri in meno, il Performance P600 mette a disposizione un letto basculante. Ed è proprio quel letto basculante a fare la differenza. Il Performance P600 infatti rinuncia ad un letto fisso posteriore, optando per la soluzione della conviviale dinette face-to-face anteriore sopra cui si abbassa per la notte proprio il matrimoniale basculante.

Rinunciando al letto fisso di coda, questo camper può offrire un buon blocco cucina centrale, ma soprattutto una grande zona bagno posteriore. La cucina non è particolarmente sviluppata in lunghezza, ma è molto profonda, seguendo la linea del divanetto.

Può quindi garantire un buon piano d’appoggio antistante il lavello e il fornello a due fuochi. Il frigorifero è sulla parete opposta, a fianco della porta d”ingresso, ed è di ottima capacità: 141 litri. Ma è senza dubbio il bagno la zona più sviluppata di questo camper, in rapporto alle dimensioni: occupa un’ampia porzione di coda del mezzo, a tutta larghezza, e offre un vano doccia separato in nicchia.

Notevole anche lo spazio antistante il lavabo e il wc. Uno spazio utilizzabile anche come spogliatoio, visto che gli armadi sono ubicati proprio nel bagno. Ce ne sono addirittura tre, quindi non manca di certo la possibilità di riporre indumenti e oggetti vari. Sotto alla zona armadi sul fondo è collocato un piccolo ma utile vano di carico. Non possiamo parlare di garage, non può contenere nemmeno una bicicletta, ma un vano di stivaggio esterno è sempre importante.

Soprattutto se è ben accessibile, come in questo caso: c’è un portellone sulla parete di coda e un secondo sportello sulla fiancata destra, uno sportello alto che permette di stivare in verticale oggetti stretti ma lunghi in una porzione del gavone. Da notare che il gavone è accessibile anche dall’interno, mediante uno sportello collocato nel bagno. La cellula abitativa dell’Autostar Performance P600 è realizzata con pannelli sandwich rivestiti in vetroresina e isolati in Styrofoam. Le bandelle inferiori sono in alluminio. Per la base meccanica è stato scelto il collaudato Fiat Ducato, con passo di 380 cm.

A conti fatti, il Performance P600 risulta maneggevole quanto un van di taglia medio-grande su base Ducato (599 cm la soluzione intermedia, 636 cm quella grande): non solo perché la lunghezza è poco superiore ai 6 metri, ma anche perché il passo è inferiore a quello dei tradizionali furgonati. Ciò che aumenta è la larghezza, ovviamente, ma quegli 11 centimetri in più si possono ben gestire su strada e vanno a tutto vantaggio dell’abitabilità interna in sosta. Il Performance P600 si aggiunge agli altri modelli della stessa gamma, come il Performance P650 LT da 658 cm di lunghezza e il Performance P680 LJ da 678 cm.

Confermato il resto dell’offerta Autostar, con due gamme di semintegrali e tre di motorhome, ma c’è anche una gamma di van denominata Van Design Edition.

Fotogallery

 

Renato Antonini

Comments are closed.