December 2, 2022

Hymer The Event: una particolare occasione d’incontro svoltasi tra le colline senesi dove l’utente finale ha potuto toccare con mano e provare in prima persona le virtù e le specifiche tecniche della collezione 2023 di casa Hymer

Hymer The Event è stata un’iniziativa nuova per il nostro settore, non una semplice esposizione statica della collezione 2023 targata Hymer, ma una vera e propria occasione di incontro tra l’azienda e la clientela. Quattro interni giorni durante i quali è stato possibile toccare con mano e provare in prima persona le peculiarità e i punti di forza dei prodotti di casa Hymer. Il costruttore tedesco, assieme a tutti gli altri marchi del gruppo, quest’anno non ha infatti preso parte al Salone del Camper di Parma e, per ovviare a questa essenza, ecco un’idea insolita.

Un metodo di presentazione alternativo, ma decisamente apprezzato dall’utenza finale che, in gran numero, si è recata presso il Circuito di Siena per prendere parte a questo evento, immersi nello splendido contesto paesaggistico toscano delle colline senesi. Un connubio dunque perfetto per unire assieme la visione e i test drive gratuiti di alcuni modelli della collezione Hymer, a un weekend fuori porta nel cuore della meravigliosa Toscana. L’organizzazione è stata a 360 gradi: era possibile mangiare e bere presso il bar o il piccolo ristorante del circuito mentre, per coloro che si sono recati con il proprio camper, era stato messo a disposizione un ampio parcheggio dove poter sostare anche per la notte, con alcuni posti provvisti di colonnine per l’allaccio alla rete elettrica.

Fulcro di questo evento sono stati sicuramente i test drive, suddivisi in due circuiti completamente differenti. Il primo era la pista di go-kart, dove poter apprezzare le doti stradali del nuovo van compatto Hymer Free S 600 Blue Evolution, allestito su base Mercedes-Benz Sprinter a trazione anteriore e propulsore capace di erogare ben 170 CV.

Secondo protagonista della pista era invece il motorhome Hymer B-Klasse MC-I 580. Un veicolo di taglia media allestito sempre su base Mercedes-Benz Sprinter con trazione anteriore, qui però abbinato all’innovativo telaio SLC, sviluppato da Hymer in collaborazione con AL-KO. Si tratta di uno chassis progettato per limitare il peso a vuoto, abbassare il baricentro consentendo la creazione di un doppio pavimento passante, limitando, al contempo, l’altezza complessiva del veicolo e creando lo spazio per l’installazione di parte dell’impiantistica di bordo. Il tutto con una carreggiata posteriore debitamente allargata per offrire massima stabilità, uno schema di sospensioni indipendenti di tipo automobilistico e un passo studiato ad hoc per le necessità dell’allestimento. Un insieme perfetto, dunque, da provare direttamente tra le curve del circuito.

Per gli amanti invece dell’avventura, era stata creata ad-hoc una pista sterrata off-road che si snodava sulla vicina collina, dove tra salite, discese, solchi nel terreno, buche e avvallamenti era possibile apprezzare le virtù e il comfort di bordo di due veicoli destinati a coloro che amano viaggiare senza troppi limiti, entrambi allestiti su meccanica Mercerdes-Benz Sprinter con trazione integrale permanente.

Per gli estimatori dei van era presente il conosciuto Hymer Grand Canyon S CrossOver mentre, per coloro che vorrebbero ritrovare una maggiore abitabilità, ci pensava il semintegrale Hymer ML-T 570 CrossOver a proporsi come candidato ideale. Si tratta di due versioni speciali debitamente allestite con numerosi pacchetti e accessori dedicati all’utilizzo off-road.

Nell’area espositiva, invece, era possibile passeggiare tra alcuni modelli rappresentativi delle numerose gamme di Hymer ed Eriba, al cui centro spiccava il prestigioso e inconfondibile Venture S. Un semintegrale innovativo e futuristico, che racchiude in se tutto il know-how dello storico produttore di Bad Waldsee. Tra le sue caratteristiche principali ricordiamo il particolare tetto a soffietto gonfiabile, accessibile tramite un’insolita scalinata fissa interna, la parete posteriore del mezzo completamente apribile e pensata per ricreare un piccolo terrazzo e un locale bagno a volume variabile.

All’Hymer The Event non erano però presenti solo i concessionari e i rappresentanti della stampa di settore, ma anche i responsabili dell’azienda, tra cui l’AD di Hymer Christian Bauer, al quale abbiamo potuto rivolgere alcune domande sulla situazione attuale del mercato e sulla sua visione futura.

1. Come vede lo sviluppo di questo settore, alla luce della carenza attuale di molte componenti? 

La maggior parte della nostra produzione è su telaio Mercedes. Seppur anche Mercedes è colpita dalla difficolta di approvvigionamento, lo è in misura minor rispetto agli altri fornitori.

2. Come pensa di potranno coniugare le indicazioni dei politici sullo stop alle vendite di motori termici con lo sviluppo del motorcaravaning? Ci sarà dunque un futuro elettrico anche per io nostro settore?

Il marchio Hymer vuole poter assicurare al viaggiatore un’autonomia chilometrica soddisfacente per il viaggio. Ci stiamo lavorando, ma poiché la tecnologia sviluppata dai produttori di chassis OEM non è del tutto matura per viaggi di lunga percorrenza, preferiamo attendere gli sviluppi di questa tecnologia prima di adoperarla nei nostri veicoli.

3. Le soluzioni fortemente innovative introdotte con il nuovo Hymer Venture S costituiranno alcune linee guida future per la realizzazione di modelli anche dal costo piu contenuto?

Abbiamo fatto uno studio di megatrends che ha evidenziato quello che si aspetta il cliente oggi e nel futuro. Ne è uscito un veicolo con un concetto completamente diverso da quello che esiste ora sul mercato: esigenze di veicolo compatto con tutti features del futuro come ad esempio: mobile office, fuori strada, autarchia, compatto però con un vero secondo piano accessibile con le scale,  verniciatura innovativa diversa da quelle sul mercato, terrazzo che si apre sul retro per vivere fuori stando dentro, avvicinandosi sempre di più alla natura che ci circonda. La maggior parte di questi features verranno integrati un po’ alla volta anche nei veicoli standard. 

4. Pensa che i mini campervan, ossia i veicoli polivalenti, molto richiesti in Germania, diventeranno pian piano una tipologia di mezzi trainante anche su altri mercati europei?

Osserviamo in effetti come anche negli altri mercati sta aumentando la richiesta di questi minivan.

Fotogallery

Davide Bon

Comments are closed.