September 23, 2019

Visto da vicino: Rotile, il salvapneumatici

Ott 25, 2012

Le soste prolungate arrecano danno agli pneumatici, a maggior ragione se equipaggiano un veicolo pesante come un camper. La gomma e le tele con cui sono costruiti, anche nel caso di pneumatici espressamente concepiti per i veicoli ricreazionali, tendono inevitabilmente a deformarsi ed ovalizzarsi, causando spiacevoli inconvenienti durante la marcia.

Read More

Revisione stufa Trumatic S 3002

Ott 9, 2012

Molti hanno ancora fresco il ricordo delle vacanze e fanno fatica a pensare all’inverno, ma con la stagione fredda che ormai incombe è bene pensare in anticipo a quegli interventi di manutenzione che aiutino a mantenere l’impianto di riscaldamento in perfetta efficienza. 

Read More

Installazione condizionatore evaporativo Vigia Viesa Holiday III

Lug 19, 2012

I camper di ultima generazione dispongono ormai quasi tutti di climatizzatore nella cabina di guida e pertanto sono in grado di assicurare il giusto comfort durante il viaggio, ma è quando si è giunti a destinazione, durante la sosta, che a volte il caldo diventa un fastidio. Chissà allora quante volte si è fatto strada il desiderio di un condizionatore da tetto, ma ogni volta si è accantonata l’idea a causa della necessità di alimentazione a 220 Volt, che implica l’allaccio alla rete elettrica o la presenza di un generatore.

Read More

Installazione sospensioni pneumatiche AirTop Al-Ko

Giu 27, 2012

I veicoli ricreazionali, è risaputo, viaggiano costantemente a pieno carico e, data la loro notevole altezza, possono essere soggetti ad accentuato rollio o coricamento laterale. Non è raro, inoltre, che a causa di errata distribuzione dei pesi, o in presenza di sbalzi posteriori molto pronunciati, magari aggravati da carico eccessivo, questi mezzi presentino un assetto piuttosto sbilanciato. Gli effetti più comuni e ricorrenti sono una inclinazione più o meno accentuata da un lato, oppure la parte posteriore del veicolo molto più bassa rispetto a quella anteriore. Le conseguenze non sono solo di carattere estetico, ma possono rappresentare un problema nel superamento di cunette, avvallamenti e rampe, fino ad arrivare a compromettere la stabilità del veicolo, a causa dell’eccessivo rollio, con le sospensioni che non lavorano correttamente.

 

Read More

Installazione piedini elettrici AutoLift System Tesa

Mag 25, 2012

Per molti camperisti la messa in piano del proprio veicolo per la sosta non è un’operazione che rivesta una grande importanza e alcuni non provano disagio neanche in presenza di forti pendenze. Per altri, invece, anche il pur minimo sbandamento è fonte di fastidio e impedisce di vivere a bordo con il necessario comfort.

Read More

Sostituire il maxi-oblò

Mag 7, 2012

Un tempo pensati quasi esclusivamente come aeratori, gli oblò si sono successivamente evoluti fino a diventare delle vere e proprie finestre sul tetto dei veicoli ricreazionali. I maxi-oblò, soprattutto nella zona del living, sono ormai una presenza costante anche su veicoli di classe media e sono una indubbia comodità sia dal punto di vista dell’aerazione che da quello della panoramicità.

Read More

Molle rinforzate per il Fiat Ducato

Mar 23, 2012

Sulla proverbiale robustezza del Fiat Ducato c’è poco da obiettare e anche sulla affidabilita’ di quella che risulta essere la meccanica più diffusa nel settore dei camper non esistono molti argomenti su cui discutere.

Tuttavia, in presenza di particolari condizioni di distribuzione del carico, oppure in seguito a lunghe percorrenze i molloni delle sospensioni anteriori possono perdere in parte la loro naturale elasticità, causando un abbassamento di tutto l’avantreno.

Read More

Il Gas Check di Truma

Feb 22, 2012

All’inizio del 2001 l’Auto-Caravan Massaua di Torino, su sollecitazione di un noto sodalizio locale, mise a punto un check-up dell’impianto del gas e relative apparecchiature, mirato a verificare la perfetta tenuta delle tubature e il regolare funzionamento delle singole utenze.

Il pacchetto di verifiche nacque in seguito ad un grave incidente occorso ad una famiglia di soci di quel club, causato da una fuga di gas che provocò una esplosione sul loro camper, fortunatamente senza grosse conseguenze per le persone. L’iniziativa, mirata a creare qualcosa di concreto nel campo della sicurezza, fece scalpore e molti soci sottoposero il proprio veicolo ai controlli di rito, ma nel giro di poco tempo, spenti gli echi dell’incidente e venuta meno l’emozione che ne era derivata, tornò a prevalere l’indifferenza.

01-GSRecentemente Truma ha ideato un pacchetto di verifiche attuabile presso i propri Centri Autorizzati, noto come Gas Check e rispondente alla norma europea EN 1949 (quella che definisce le specifiche per l’installazione di sistemi a GPL a bordo dei veicoli abitativi).

Read More

Diagnosi e riparazione Truma Combi D6

Gen 25, 2012

Nonostante gli elevati livelli di robustezza e affidabilità raggiunti dalle stufe Truma, può comunque succedere che a causa di un intenso utilizzo, scarsa manutenzione o difettosità di qualche componente intervenga un guasto a compromettere in modo più o meno serio il funzionamento dell’intero impianto di riscaldamento.

csf1A differenza delle classiche e ormai poco utilizzate Trumatic S, il cui funzionamento è totalmente svicolato da componenti elettronici e addirittura dall’energia elettrica (ad esclusione della termoventilazione),  le moderne Combi, siano esse alimentate a gas o a gasolio, necessitano invece di corrente elettrica e le diverse funzionalità sono asservite da circuiteria elettronica che può anche intervenire in caso di anomalie bloccando il funzionamento e impedendo di fatto ulteriori danni.

csf2

La stufa Combi D6 della Truma alimentata a gasolio

È il caso di una Combi D6 (stufa alimentata a gasolio), nella quale un guasto al motorino del ventilatore dell’aria di ricircolo mandava in blocco la stufa alla sua accensione. Per agevolare i propri centri di assistenza, Truma li ha dotati di un apposito programma software che consente di effettuare una rapida diagnosi del guasto, al fine di avere precise indicazioni sulle eventuali riparazioni da effettuare.

Spaccato della Combi D6 che mette bene in evidenza i diversi componenti della stufa. Quello in primo piano circondato dalle frecce azzurre è il motore del ventilatore dell’aria di ricircolo che dovrà essere sostituito


Le fasi dell’intervento

Vediamo in cosa consiste l’intervento di diagnosi e successiva manutenzione:

Csf-1

La stufa diventa facilmente accessibile privando la cassapanca del suo piano ribaltabile

 

Csf-2

Il computer portatile con il programma Truma utilizzato per eseguire la diagnosi della stufa

 

Csf-3

Viene asportato il coperchio della scatola che contiene la circuiteria elettronica

 

Csf-4

Il tecnico inserisce il connettore del cavetto che servirà a collegare la stufa con il computer che eseguirà la diagnosi

 

Csf-5

Ecco la spia che segnala l’avvenuto collegamento

 

Csf-5a

Viene messa in funzione la stufa in modo da poter procedere con la diagnosi

 

Csf-6

Nella videata del computer sono indicati il tipo di guasto e le possibili soluzioni

 

Csf-7

Questi sono i cavetti di alimentazione del motore elettrico per il ricircolo, quello che preleva l’aria dall’ambiente e dopo averla riscaldata attraverso lo scambiatore di calore la convoglia alle bocchette della termoventilazione. Il suo mancato funzionamento provoca la protezione dell’impianto mandando automaticamente in blocco la stufa

 

Csf-8

Viene rimossa la griglia di protezione della ventola per il ricircolo dell’aria in modo da potere accedere alle viti di fissaggio del motore

 

Csf-9

Si procede ad allentare le viti che fissano il motore elettrico al corpo della stufa

 

Csf-10

Tolte le viti e liberata la ventola dall’alberino del motore si può provvedere alla sua rimozione

 

Csf-11

Ecco il nuovo motore pronto per essere installato

 

Csf-12

Dopo avere provveduto a rimontare il motore ed effettuato i necessari collegamenti elettrici si esegue nuovamente la diagnosi. Nella videata non vengono più evidenziati malfunzionamenti

 

Csf-13

Si rimonta la griglia di protezione della ventola dell’aria

 

Csf-14

Tramite un anemometro si procede alla misura della portata di aria dalle bocchette dell’impianto di canalizzazione

 

Csf-15

Infine, si controlla con un termometro digitale la temperatura dell’aria in uscita

 

L’intervento in pillole 

Tempo occorrente: poco meno di 2 ore.

Costo: Euro 231,48 (iva inclusa), comprensivo del motore elettrico del ventilatore (euro 128,99). I tempi e le tariffe di manodopera sono quelli indicati dal tempario Truma, mentre il prezzo del ricambio è quello riportato nel listino Dimatec.

Materiale e attrezzatura: Computer con software diagnostico Truma, tester elettronico, chiavi a brugola e poligonali, cacciaviti, pinze.

Si ringrazia per la collaborazione l’Auto-Caravan Massaua di via F. De Sanctis 15 a Torino, che ha eseguito l’intervento documentato nella sequenza fotografica.

Fotogallery

Read More